Se sei un fan delle ciaspole padel avrete necessariamente sentito parlare dei diversi carboni che si trovano sulle facce dei vostri palati. Fabric 1K, 3K, 12K, 24K… Difficile da navigare e capire bene perché si sentono cose molto diverse, anche completamente contraddittorie. Facciamo il punto.

Ricordiamo innanzitutto la definizione di questa K che vediamo ovunque nelle descrizioni dei racket di padel. Ad esempio, nel caso di un tessuto di carbonio realizzato con fili 1K: ogni capo della trama e dell'ordito sarà composto da 1000 filamenti di fibra di carbonio. Per quanto riguarda il filato 24K, sono 24000 filamenti per filo.

Per comprendere appieno le differenze tra questi tessuti, abbiamo contattato Christian Ramirez, Responsabile Marketing presso Castro Composites, un'azienda che conosce il mondo padel poiché fornisce diverse marche di materiali.

Carbonio 1K, 3K, 12K,… 24K: quale è più rigido?

Abbiamo fatto a Christian una domanda molto semplice: "Se prendiamo due racchette simili: stesso stampo, stessa resina, stessa schiuma ecc., ma una beneficia del carbonio 1K sui lati mentre l'altra è dotata di carbonio. 24K, quale dei due sarà più difficile?"

Ecco la sua risposta: “quello con carbonio 24K sui lati sarà il più duro perché il tessuto in carbonio 24K è composto da un numero molto più alto di filamenti, quindi il laminato è più spesso, e più spesso hai, più rigidità hai. ”

Quindi ecco una semplice risposta che pone fine a questo dibattito. Capiamo poi che tra i carboni attualmente utilizzati sul mercato della racchetta padel, 24K sarà più difficile di 12K, di per sé più difficile di 6K ecc. Infine, il carbonio 1K sarà il più flessibile.

Altre cose da considerare

La qualità e la sensazione del tuo pala non dipendono solo dal numero di K. Prima se dobbiamo credere lo studio condotto dai ricercatori dell'Università Politecnica di Valencia, va bene la schiuma che ha la maggiore influenza sul comportamento di una racchetta.

Pala di schiuma padel

Pertanto, una racchetta con carbonio 24k e schiuma FOAM sarà meno rigida di una racchetta con schiuma EVA Hard e carbonio 1k. I produttori usano un sacco di miscele per creare palati unici. Spesso notiamo che il carbonio è abbinato ad altri materiali più tenaci (meno rigidi, ma che accettano maggiori deformazioni) come fibra di vetro, aramide o innegra, in gran parte per fornire più solidità nella racchetta. Questo ha anche l'effetto di ridurre un po' la rigidità del carbonio sul tocco di palla.

D'altra parte, come dice Christian Ramirez: “Non tutti i carboni sono uguali in termini di qualità e resistenza”. Per fare ciò, assicurati di acquistare racchette di marchi noti per utilizzare solo i materiali più affidabili sul mercato. (Non esitare a dare un'occhiata a cosa marchi partner di Padel Magazine).

Infine, Christian insiste che la resina svolge un ruolo importante nel comportamento di un pala : “Se un produttore utilizza una resina epossidica semirigida, come la Resoltech 1050, avrà una sensazione molto più asciutta sul palato rispetto a quando utilizza una resina più flessibile, come la Resoltech 1020. Quindi una racchetta con carbonio 24k sui lati e una resina Resoltech 1050 sarà molto più dura di una pala con carbonio 1k sui lati e una resina Resoltech 1020! “

Per concludere, come dice il nostro pala specialista Stéphane Penso : “Come tester, ho sempre notato che a parità di schiuma, un pala con carbonio 18k o 24k era sempre più rigido di uno con carbonio 1k o 3k, che offre più potenza ma meno potenza di proiettile. . Tieni presente comunque che il carbonio non è l'unico elemento che determinerà il tocco di un palato! Insomma, niente sostituisce il test! “

 

Xan è un fan di padel. Ma anche il rugby! E i suoi post sono altrettanto incisivi. Preparatore fisico di diversi padel, scopre post atipici o tratta argomenti di attualità. Ti dà anche alcuni suggerimenti per sviluppare il tuo fisico per il padel. Chiaramente, impone il suo stile offensivo come sul campo di padel !