A presto 46, Miguel Lamperti è uno dei veterani del circuito. E con tutti i giocatori che si sono dimessi negli ultimi due anni, inizia a sentirsi un po' solo. Juan Martin Diaz, i gemelli alieto, Fernando Belasteguin a fine anno... i personaggi illustri di questo sport se ne vanno via via per godersi una meritata pensione.

Ovviamente ci chiediamo ancora per quanto tempo resterà sotto i riflettori il giocatore più carismatico del circuito. Pertanto gli abbiamo rivolto la domanda dopo la sua vittoria contro Bastien Blanqué et Dylan Guichard. Pensione, futuro, Premier Padel…Miguel Lamperti si arrende!

Bordeaux P2: un ottimo torneo

Prima partita contro una coppia di qui, che non conoscevamo, e che ha giocato molto bene. È stato un incontro molto difficile, al quale siamo riusciti a malapena a scappare. Allora, Volevo fare i complimenti a questi due giocatori.

Per quanto riguarda la città, non conoscevo Bordeaux. Il posto in cui ci troviamo è magnifico. Abbiamo parlato con altri giocatori che sono molto contenti. Questa parte nera permette di avere una traccia molto luminosa al centro.

Penso che l'organizzazione sia molto buona e spero di trascorrere un po' più di tempo qui. A Dio piacendo, rimani tutta la settimana.

Il pubblico francese

Sono abituato, in genere, a giocare con un pubblico a mio favore. Trovo che il pubblico sia stato molto rispettoso. Ovviamente hanno applaudito di più la coppia francese ma hanno applaudito anche noi. Cappello.

Le condizioni di gioco

A me sembra così le condizioni di gioco sono veloci. Mi piace... quando colpisci la palla, si alza. Anche nel primo end è sempre molto difficile difendersi perché la palla è molto viva.

Penso che questi siano condizioni ottimali che ci permetteranno di avere un ottimo livello di padel qui.

Miguel Lamperti Betclic Bordeaux P2

L'assenza dei migliori giocatori del mondo

Non so perché i migliori giocatori non siano qui oggi, non so il motivo. Mi sembra che sia una questione di punti: le quattro migliori coppie maschili non giocheranno più P2 da ora in poi.

Non è rabbia verso il circuito, è davvero una questione di punti e del fatto che ci sono tanti tornei durante tutto l'anno. Tutti i tornei si giocano all'aperto e questo è molto costoso per i giocatori.

Noi, gli altri, abbiamo bisogno di questi punti. Le prime quattro coppie non hanno bisogno di questi punti per differenziarsi. Ecco perché non dovrebbero più suonarli.

Pensionamento a fine anno?

Sono uno degli ultimi veterani del circuito. Oggi le mie gambe e la mia determinazione hanno ancora voglia di giocare un po' di più. A fine anno deciderò se ci sarà un altro anno oppure no. Per ora mi sento bene e ho tanta voglia di giocare.

Non vorrei andare in pensione... ma questa è la vita.

Dopo padel ?

Quando deciderò di ritirarmi, avrò prima bisogno di una spinta per capire che non gareggerò più. Tuttavia, Non ho dubbi che mi piacerebbe fare l'allenatore e sicuramente per il Nox.

Abbiamo un’accademia insieme e mi piacerebbe diventare un allenatore dei professionisti ma anche delle promesse future del nostro sport.

Per me il padel questa è tutta la mia vita. Per questo, prima di ritirarmi, dovrò fare tanto lavoro mentale, per capire che non giocherò più tornei e che devo avere altri progetti, come quello di fare l'allenatore.

L'evoluzione di padel

Oggi, i giocatori di padel sono atleti. Fisicamente sono molto migliori di noi. Potenzialmente sono anche più bravi di noi, con un fisico migliore e allenatori migliori.

Le padel si è evoluta anche a livello economico, a livello professionale. Pertanto, i giocatori devono essere molto più preparati. Questo è una logica evoluzione dello sport e penso che continuerà a suonare sempre meglio.

Per noi “vecchi”, devi resistere, ma penso che il padel la corrente è spettacolare.

Una nuova formula di torneo

Questo sviluppo è un bene, anche per gli spettatori, che potranno goderselo ancora di più. Per me, tuttavia, penso che ildovremmo avere un circuito con piste lente, piste veloci e piste”normale". Ciò consentirebbe, come nel tennis, che tutti possano avere la possibilità di vincere, a seconda delle condizioni.

Ad esempio se ci sono 20 tornei all’anno: 7 su piste veloci, 7 su piste lente e gli altri su piste”normale“. Penso che sarebbe fantastico per il padel e questo lo dimostrerebbe la migliore coppia sa giocare in tutte le condizioni.

Economicamente difficile

Oggi è molto più difficile economicamente per il giocatore che è oltre i Top 20. Prima, il circuito era per l'80% in Spagna e abbiamo giocato praticamente cinque tornei all'estero. Oggi, su 25 tornei, 19 all'estero !

È molto costoso, tra l’aereo, il pagamento del pullman…

World Padel Tour…meglio per gli spagnoli?

Per me il World Padel Tour ha fatto un lavoro incredibile. Alla fine cerchiamo sempre di migliorare tutto ma credo che il World Padel Tour impostare l'asticella molto in alto.

Premier Padel fa un lavoro molto importante. Poter giocare al Roland-Garros, giocare in Italia, non lo avremmo mai sognato. Tuttavia, per un giocatore che non è tra i primi 20 o 30, il costo è diventato molto alto. È quasi impossibile avere un allenatore e poterlo pagare.

Al primo turno o all'ottavo vinci 2000 € e le spese ammontano a 3000 €. E ancora, bisogna riuscire ad arrivare all'ottavo, cosa non sempre facile. I nostri marchi fanno molti sforzi per noi, fanno di tutto per garantire che il giocatore padel possono guadagnarsi da vivere facendo sport.

Se vuoi vedere l'intervista per intero, ecco dove accade:

https://www.youtube.com/watch?v=hZGel6Fd-bs&ab_channel=PadelMagazine
Gwenaelle Souyri

Fu suo fratello che un giorno gli disse di accompagnarlo su una pista. padel, da allora, Gwenaëlle non ha mai lasciato la corte. Tranne quando si tratta di andare a vedere la trasmissione di Padel Magazine , World Padel Tour… O Premier Padel…o i Campionati Francesi. Insomma, è una fan di questo sport.