Alfredo Garbisu aveva cose da dire! Al microfono virtuale di Lorenzo Lecci Lopez, confida il suo arrivo in padel e nel quadro federale, il suo mandato presso l'IFP, il suo rapporto con Luigi Carraroe fa domanda per Elezioni FIP.

La sua storia in padel

Lorenzo Lecci Lopez: I francesi ti conoscono soprattutto per il tuo mandato nella FEP, ma pochi conoscono la tua storia. Come sei diventato presidente della FEP?

Alfredo Garbisu:“Ho iniziato a giocare padel en 1990 ! Mi è stato subito offerto di lavorare nel mio club nei Paesi Baschi. Sono rimasto lì per 22 anni. Allo stesso tempo, Giulio Alegria, uno dei grandi pionieri di padel, mi ha chiesto di aiutarlo su Federazione dei Paesi Baschi. È stata la prima federazione creata in Spagna! "

"In 2016, diversi presidenti di federazioni regionali mi hanno chiesto di presentare la mia candidatura alla federazione spagnola di padel. All'inizio ho detto loro di no, ma alla fine insistendo sono riusciti a convincermi. "

"Ho fallito l'IFP"

Lorenzo Lecci Lopez: Che valutazione può dare del suo mandato a capo della FEP?

Alfredo Garbisu:"Come punti negativi molto importanti, Non sono riuscito a unire le federazioni regionali. Per un anno e mezzo ho pensato di esserci riuscito, ma alla fine ho scoperto che si trattava di una falsa pace e che non ero riuscito a unire le federazioni regionali per lavorare insieme. FEP. Questo è stato l'aspetto più importante per me, e questo fallimento è il motivo per cui non ho fatto domanda per le nuove elezioni ".

“Come punti positivi, iluna creazione della Federazione europea di Padel, che riunisce diversi paesi europei. Penso che la FEPA è necessario per lo sviluppo di padel, e non solo a livello europeo. Il padel sarà potente nel mondo, quando il padel sarà forte in Europa. Se la padel è forte in Europa, gli americani inizieranno a vederla in modo diverso. E quando gli americani giocheranno, ci sarà il boom del mondo reale padel. "

"Luigi Carraro ha tagliato la comunicazione"

Lorenzo Lecci Lopez: Nel 2019 abbiamo avuto una situazione speciale con due Campionati Europei: uno a Roma dove era presente la Francia e non la Spagna, e un altro in Portogallo. Quello che è successo ?

Alfredo Garbisu:“È successo qualcosa di molto triste che spero non accadrà mai più. A novembre 2018, Luigi Carraro è stato eletto presidente della FIP. Mi sono reso disponibile ad aiutarlo in tutti gli aspetti, e lo abbiamo tenuto informato sui progressi in merito la creazione di FEPA come supporto per FIP, come una solida base per FIP in Europa. Siamo in contatto ogni settimana da 3 mesi, ne abbiamo anche fatto una parte padel in Portogallo. "

“Tutti erano molto felici. A gennaio, in fase di creazione della FEPA, abbiamo invitato Luigi Carraro alla prima assemblea generale della FEPA a Zurigo. Abbiamo quindi presentato il calendario con i Campionati Europei, e un posto per questa competizione in Portogallo. "

“Luigi, come ospite d'onore, ce lo ha chiesto'organizzare in Italia, perché ha voluto organizzarlo nel suo paese per il primo anno di mandato. Gli abbiamo detto di sìe che non c'erano problemi. All'epoca facevano parte della FEPA 15 paesi, ma non l'Italia. Quindi gli abbiamo chiesto di farlo mettere l'Italia nella FEPAe ci ha detto che era d'accordo. "

"Da ora in poi, Luigi Carraro interrompe la comunicazione, ma non ho mai saputo per quale motivo. Dopo più di un mese di assenza di notizie, quando l'Italia avrebbe dovuto aderire alla FEPA questa settimana, abbiamo dovuto continuare i nostri piani per Campionati Europei a Lisbona. "

“La sorpresa è arrivata quando la FIP ha annunciato pubblicamente il suo Campionato Europeo in Italia, e nella stessa data abbiamo avuto dall'inizio. Fondamentalmente dovevamo organizzare una competizione che fosse il risultato di l'unione di queste due federazionie collaborare. Purtroppo Luigi Carraro ha usato la stessa data che avevo stabilito, per fare il suo Campionato Europeo, dietro la FEPA. Due persone non possono ballare se una di loro non vuole ballare ..."

"Devi lasciare l'ego a casa"

Lorenzo Lecci Lopez: me lo ha detto Fernando Belateguin, lo scorso settembre quando è venuto al club dei Piramidi, “Dovrebbero mettere da parte il loro ego e sedersi tutti allo stesso tavolo per il bene di padel", parlando di federazioni. 

Alfredo Garbisu:“Fernando ha tutte le ragioni del mondo. L'ego è molto cattivo deve restare a casa. Quando guardi al tuo ego invece di guardare al bello di uno sport, le cose vanno male ".

Candidato FIP, ma non convinto

Lorenzo Lecci Lopez: Alfredo Garbisu è candidato alle elezioni della FIP?

Alfredo Garbisu:"sì, lo sono. Non avevo intenzione di candidarmi. Sono molto felice a Bilbao, ho potuto riprendere il mio lavoro. Non volevo più tutti questi problemi. Qualche settimana fa, il Federazioni svedese e tedesca mi ha chiesto il permesso di presentarmi Elezioni FIP. Non potevo vedermi dire di no a loro, perché è un onore vedere la fiducia che hanno in me. Non credo che verrò eletto onestamente ".

Lorenzo Lecci Lopez: Quali sono le cose da cambiare e gli obiettivi per questo possibile mandato?

Alfredo Garbisu:"Per me è molto importanteun presidente sia esemplare, ed essere il primo a rispettare i regolamenti e gli statuti. Il presidente è al servizio degli altrie non il contrario. Se sarò eletto, ciò che cambierò immediatamente è porre fine al mancato rispetto di standard e regolamenti. Se un regolamento deve cambiare, deve essere cambiato, ma fino a quando non viene modificato, deve essere rispettato. L'importante è lo sport, ma non c'è sport senza regole ".

Lorenzo Lecci Lopez: Perché pensi che non sarai eletto?

Alfredo Garbisu:"Penso che Luigi Carraro ha la maggioranza nell'assemblea generale. Non mi importava della situazione ed è solo un'impressione che ho. "

Alfredo-Garbisu

"La Francia ha un grande potenziale"

Lorenzo Lecci Lopez: Come vedi la situazione di padel nel mondo, con paesi come la Svezia che stanno vivendo un enorme sviluppo?

Alfredo Garbisu:"Io molto soddisfatto dello sviluppo di padel in Europa. La Svezia sta vivendo un'enorme crescita; La Francia ha un potenziale enorme; Il Portogallo ha deciso di includere nel suo governo il padel a scuola, e darà i suoi frutti tra 5 e 10 anni; il padel anche in Italia ci vuole molta forza. L'Europa è sulla buona strada e tra 5-6 anni avremo la rivoluzione padel. Non so da quanti anni, ma ioSono convinto che il file padel sarà lo sport più praticato al mondo. "

"Le persone fanno sport sempre di più e il padel è uno sport molto semplice, adatto a tutte le età ea tutte le condizioni fisiche. Anche le donne lo adorano. "

“Quando la Francia inizia a lavorare con i bambini, il padel assumerà un'altra dimensione in questo paese. È molto importante allenare rapidamente i giocatori. La Spagna ha una "cantera" molto bella grazie al grande lavoro delle federazioni regionali e dell'IFP. "

“Ci vorrebbe una federazione per lavorare continuamente su padel in Francia"

Lorenzo Lecci Lopez: In Francia, è la FFT che ha la delegazione di padel, ma alcuni criticano il fatto che non esista una federazione indipendente per padel. Qual è la tua opinione su questo?

Alfredo Garbisu:"Penso che gli interessi del tennis e padel non sono la stessa cosa. Sono un grande fan del tennis e di Rafa Nadal, e vengo da una famiglia di tennisti. Mi piacciono molti sport diversi, ma non riesco a immaginare di mettere due sport all'interno della stessa federazione. Non è corretto. Quello che mi sembra giusto è avere una federazione di tennis focalizzata sullo sviluppo del tennis, e una federazione di padel chi può lavorare continuamente su padel. Se fai più cose, non sei efficiente come se ti stessi concentrando su un compito. "

Lorenzo Lecci Lopez: Qual è stato il tuo rapporto con la federazione spagnola di tennis, quando molti dicono che il tennis in Spagna sta affondando a causa del padel ?

Alfredo Garbisu:“Le relazioni erano buone. In Spagna, ogni federazione lavora sul proprio sport e le relazioni sono buone tra ciascuna entità. Il tennis ha perso molti licenziatari, ma questo fenomeno è vero in tutta Europa. Il tennis gode di un'ottima salute professionale con grandi spettacoli, ma per diversi anni il numero di giocatori è diminuito drasticamente. Qualcosa non va ed è preoccupante. Uno sport che ha una visibilità 100 volte maggiore rispetto a padel non posso perdere così tanti giocatori. "

“Non credo che ci sia alcuna relazione tra la crescita di padel e il declino del tennis. Il padel si rivolge a molte più persone. Le padel non ha rubato niente al tennis. "

Trova l'intervista per intero:

Lorenzo Lecci López

Dai suoi nomi possiamo intuire le sue origini spagnole e italiane. Lorenzo è un plurilingue appassionato di sport: giornalismo per vocazione ed eventi per adorazione sono le sue due gambe. La sua ambizione è quella di coprire i più grandi eventi sportivi (Giochi Olimpici e Mondiali). È interessato alla situazione di padel in Francia e offre prospettive di sviluppo ottimale.