Alix Collombon è la prima francese nella classifica di World Padel Tour. Lei vinse un primo titolo per la Francia al WPT, e oggi entra a far parte di un importante sponsor di padel In tutto il mondo: C. Lei è al microfono Padel Magazine dal club delle piramidi.

Felice di entrare a far parte della tribù Cupra

Alix Collombon:“Sono lieto di unirmi alla “Tribù Cupra”. Volevo unirmi alla loro squadra da molto tempo, mi piacciono molto le loro auto. Ho cercato un partner di auto per molto tempo.

Padel Magazine : Parleremo di te Alix e dei tuoi inizi nel padel. come ci sei entrato?

Alix Collombon:"Ho giocato a tennis. Ho scalato 420 (WTA) alla mia migliore classifica. Ho smesso per diversi motivi nel 2014 e ho scoperto il padel il prossimo anno. Fu amore a prima vista. Volevo giocare di nuovo molto velocemente. A poco a poco l'agonismo ha preso il sopravvento e mi sono ritrovato a vivere a Barcellona alla fine del 2017. Ho fatto la scelta di provare l'avventura sul World Padel Tour. Sono molto contento di questa scelta».

Benjamin Tison Alix Collombon Cupra 2021

Una scelta tra calcio e tennis

Padel Magazine : Il tuo sviluppo è stato molto rapido in questo sport. In pochi anni raggiungi la Top 30. Come ci sei riuscito?

Alix Collombon:“Sono stato immerso nello sport sin da quando ero molto giovane. Mia madre era un'insegnante di sport, mio ​​padre giocava a pallamano ad altissimo livello. Abbiamo una cultura sportiva in casa. Guardiamo tutto quello che possiamo vedere in TV. Ho iniziato a giocare a tennis molto presto e il mio obiettivo era diventare un giocatore professionista. Ho avuto l'opportunità di giocare il Roland-Garros in doppio nel 2013.” 

Padel Magazine : Sappiamo che hai giocato bene nel tennis, ma anche nel calcio! Saresti potuto diventare un calciatore?

Alix Collombon:“Non lo sapremo mai, ma è vero che a 12 anni dovevo fare una scelta tra tennis e calcio! Avrei potuto andare all'OL femminile quando ero giovane. Sono andato a tennis, ed è la mia storia, il mio destino. Quando ho lasciato il tennis, sono andato in un club vicino a casa mia, ed è vero che sono andato d'accordo abbastanza velocemente. Ho iniziato nella squadra 3 e molto rapidamente sono passato alla squadra 1 e abbiamo giocato in divisione 3. ”

“Se avessi scelto il calcio a 12 anni, penso che avrei le qualità per diventare un giocatore professionista. Dopo aver detto che avrei potuto giocare per l'OL, che è la migliore squadra del mondo, no, non ho questa pretesa. Quando sono subentrato nel 2016, è stato davvero per divertimento. Ma quando sono partito per il Barcellona, ​​il mio allenatore mi ha detto che l'allenatore CFA di OL gli aveva parlato di me! Ma avevo già fatto la mia scelta». 

"Ragazze, se inizi, diventerai un successo"

Padel Magazine : La prima volta che ti abbiamo visto nel padel era a Lille ai campionati francesi. Eri già con Jessica Ginier. A quel tempo nessuno ti vedeva arrivare così lontano. È stato allora che hai realizzato il tuo potenziale in questo sport? 

Alix Collombon:“Pensavamo di avere una buona base grazie al tennis. Abbiamo un gioco molto fisico, un buon tiro al volo, copriamo bene il campo. Il problema erano le finestre. Sapevamo che se ci fossimo allenati avremmo potuto infastidire rapidamente diverse coppie. E queste sono le persone che ci hanno detto: "ragazze se lo fate, sarete un successo". A poco a poco ci siamo messi in gioco".

Padel Magazine : La tua ascesa fulminea ha reso le persone invidiose?

Alix Collombon:“Non mi sentivo così. Dopo non so cosa si dicono le persone. Ho la fortuna di avere molto supporto sui social media. Persone che mi seguono e le ringrazio. Quello che mi piace del padelè che non c'è la gelosia che c'è nel tennis. Mi piace dire che è una grande famiglia, la padel. "

 

Lorenzo Lecci López

Dai suoi nomi possiamo intuire le sue origini spagnole e italiane. Lorenzo è un plurilingue appassionato di sport: giornalismo per vocazione ed eventi per adorazione sono le sue due gambe. La sua ambizione è quella di coprire i più grandi eventi sportivi (Giochi Olimpici e Mondiali). È interessato alla situazione di padel in Francia e offre prospettive di sviluppo ottimale.