Il miglior giocatore francese, Alix Collombon, 23e mondiale, ci ha dato la sua posizione sulla "guerra del circuito" e sulle trattative in corso per far sì che i giocatori professionisti vengano pagati meglio.

Alix, cosa ne pensi dell'enorme divario tra il requisito di professionalità e la formazione necessaria per giocare al tuo livello e i guadagni ancora molto bassi che ottieni?

Alix Collombon: “In termini di compensazione, c'è già un migliore rispetto a prima, ma è vero che è su questo punto che stiamo attualmente negoziando, da qui i problemi con Premier Padel, il World Padel Tour, ecc.

È evidente che padel sta vivendo un boom totale in molti paesi oggi, quindi è normale che i giocatori a un certo punto vengano premiati perché ci sono più TV, più sponsor... Ma devi anche avere pazienza perché, il mio niente, è passato un po' di tempo da quando padel sta esplodendo e sta diventando così professionale.

Questo è ancora più vero per le ragazze, perché i ragazzi sono professionisti da più tempo, molti di loro possono permettersi di fare proprio questo, mentre per le ragazze, molte devono ancora lavorare a lato.

Certo, le ragazze devono essere premiate, ma devono anche essere pazienti. Negli anni a venire esploderà davvero e ci farà molto bene, ma è certo che al momento resta difficile.

Alix Collombon nelle baie del Palais des Sports di Tolosa.

Il fatto che tu sia più "fedele" onorando il tuo contratto con il WPT, non ti permette di essere pagato meglio o un po' più evidenziato?

Penso che la remunerazione sia necessariamente proporzionale alla copertura mediatica che generiamo. È vero che suscitiamo più interesse di prima, ma sempre meno dei ragazzi. Sono lieto che ci stiamo muovendo verso la parità di retribuzione, ma non rivendico necessariamente l'uguaglianza totale sotto tutti gli aspetti, perché in realtà i ragazzi generano di più. E noi ragazze, non potevamo permetterci di avere un circuito tutto al femminile. Penso che dobbiamo stare con i ragazzi, perché se il World Padel Tour dovesse continuare solo con le ragazze, sarebbe complicato. Sarebbe un passo indietro, un ritorno al Medioevo e sarebbe un peccato.  

Quel che è certo è che QSI vuole attirare le ragazze, se non altro per permetterle padel per diventare un giorno uno sport olimpico. Molti giocatori, come me, pensano che sia bello stare con i ragazzi. Ora il World Padel Tour ha fatto uno sforzo finanziario quest'anno, mentre la proposta QSI, a parte i Major, è ad oggi meno interessante per i tornei di categoria inferiore.

Siamo quindi in questo momento in cui possiamo negoziare le migliori condizioni per noi, il che richiede un po' di tempo. Ma cerchiamo di fare le cose in modo diverso rispetto ai ragazzi, dove sono i dieci migliori classificati a decidere per tutto il circuito.

Le ragazze hanno preferito consultare chi suona in previas e preprevias. E soprattutto, abbiamo anche scelto di onorare il contratto che abbiamo firmato con il WPT. Se questo contratto è abusivo o meno non spetta a noi decidere, è una questione legale. Se dovremo onorare questi contratti fino alla fine del 2023, lo faremo.           

In ogni caso, al momento, stiamo negoziando per noi le migliori condizioni possibili. »

Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.