È durante una giornata dedicata a padel organizzato dal Federazione Francese di Tennis al Roland Garros, quello Padel Magazine ha potuto interagire con Alix Collombon, numero francese 1 in padel.

La lionese è tornata con il suo solito buonumore su vari argomenti: la Premier Padel Major, il futuro delle donne su questo circuito, ma anche i suoi ottimi risultati nell'ultimo Challenger Mallorca dove ha concluso con Jessica Castello vicecampione del concorso.

Una mostra femminile al Greenweez Paris Premier Padel Major ?

"Ovviamente Voglio davvero giocare questo torneo, è il Roland-Garros, sono francese e il fatto di sapere che potranno giocare i ragazzi e non le ragazze mi fa star male. Siamo in trattativa, nulla è deciso per il momento sul nostro futuro. Siamo ancora in contratto con il World Padel Tour fino al 2024. Per quest'anno possiamo annunciarlo, è impossibile.

Vedremo se si potrà fare una mostra ma dipenderà anche dalla WPT. Sarebbe già un bene per le ragazze.

So che Arnaud Di Pasquale ha mandato una mail all'associazione calciatori per vedere se eravamo interessati e se potevamo farlo.

È sempre lo stesso problema: il contratto con il WPT… Non abbiamo il diritto di fare altri eventi 7 giorni prima e 7 giorni dopo un torneo WPT. Ci sono clausole che affermano che potremmo partecipare a questo evento e altre che le contraddicono. Ne discutiamo con gli avvocati ma rimane un argomento complicato perché anche io non conosco tutti i dettagli.".

Ciò che spiega perché i ragazzi si sono permessi di partecipare Premier Padel e non le ragazze?

“Forse ragazzi e ragazze hanno caratteri diversi (ride).

I ragazzi non hanno paura di entrare in conflitto e scuotere un po' le cose ed è spesso grazie a loro che le cose vanno avanti. Per quanto riguarda le ragazze forse siamo un po' più serene, vogliamo fare le cose bene, abbiamo un contratto che abbiamo firmato. Non possiamo fare qualsiasi cosa. Le potenziali multe possono cadere e ad essere onesti siamo un po' più cauti dei ragazzi su questo.

I signori hanno deciso di fare le cose molto rapidamente e non necessariamente molto bene ad essere onesti. Questi sono i primi 10 al mondo che hanno scelto per un intero circuito... Qui prendiamo una decisione molto importante per il futuro del padel, non solo per noi perché si impegna nei prossimi 25 anni. Non devi fare niente".

Un livello sempre più alto

“E' complicato, il livello è sempre più alto. È vero che usciamo da un bel torneo di Maiorca, abbiamo battuto la coppia numero 3 composta da Bea Gonzalez e Marta Ortega, ed Eli Amatrain – Carolina Navarro, coppia 8. Riusciamo a vincere le partite contro coppie che sono tra le prime del mondo.

I Challenger quest'anno sono molto competitivi perché gli organizzatori hanno aumentato il montepremi ei punti, quindi inevitabilmente più giocatori vogliono partecipare”.

“Fisicamente nell'ultimo set è stata dura perché stavamo uscendo da tre grandi partite intense. Ci è mancata la freschezza sia fisica che mentale. Inoltre, hanno cambiato tattica durante il gioco e sfortunatamente non siamo stati in grado di rispondere favorevolmente a questo cambiamento.".

Potete trovare questa intervista per intero qui sotto.

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.