Il messicano, Ana Maria Cabrejas ha deciso di sospendere puntualmente la sua professione arredatore d'interni, per dedicarsi completamente alla sua passione per padel e realizza il suo sogno classificandosi nella Top 100 di World Tour Padel femminile.

Naturalmente, l'avventura di Ana ci ricorda anche quella della francese Laura Clergue, la prima giocatrice a tentare l'avventura del WPT.

Dal tennis al padel

“Giocavo a tennis quando ero giovane ea 17 anni sono stato invitato a partecipare a un torneo di tennis. padel ed era simile a livello di racchetta, palla, punti fuori contati allo stesso modo, ho vinto il torneo, in quel momento ero il migliore negli under 18 e rappresentavo il Messico ai Mondiali di Siviglia, Spagna. ", ha detto Cabrejas in un'intervista con Record.

Aggiunge: "Io ho ha studiato architettura di interni, si è laureato e ha lavorato come a. Ero il numero uno in Messico ma non ho giocato professionalmente, durante la mia ultima Coppa del Mondo in Portogallo, è allora che mi sono appassionato e mi sono detto "Voglio giocare da professionista". Sono andato in Spagna per giocare a World Padel Tour e sono professionista da tre anni, l'anno scorso sono entrato nella Top 100 e lì continuo a poco a poco ".

Obiettivo della Top 20 mondiale.

Lasciare la sua famiglia per diventare un'atleta di alto livello è stato un processo complicato, ma alla fine le ha dato piena soddisfazione.

"Sogno diraggiungere il livello più alto possibile nella classifica mondiale è molto difficile entrare nella Top 100 mondiale, spero di poter entrare nella top 20 un giorno. Per poter dare il meglio di me stesso e rappresentare il Messico nel migliore dei modi. Mi piace che sia presente la bandiera del mio paese ", ha detto.

97 ° giocatore al mondo

Ana Maria dimostra ai giovani giocatori padel checon determinazione e impegno è possibile realizzare i tuoi sogni dandosi i mezzi per realizzare le sue ambizioni.

“È qualcosa che mi riempie totalmente, amo quello che faccio, mi appassiona rappresentare il mio paese, adoro vedere una bandiera messicana nella Top 100 mondiale. Voglio che altre ragazze / ragazzi mi vedano come un riferimento e dicano "si puoi", devi essere audace, essere coraggioso, niente è facile. Pensavo che sarebbe stato più facile ma per niente, è due volte più difficile, ma quando metti abbastanza energia, non ci sono cose impossibili“, Conclude Ana Maria.

Fonte : Record

Credito fotografico: Miguel Ponton.

Sylvain Barnet

Sylvain Barnet, coltellino svizzero francese e appassionato di sport. Geek con una penna affilata, ama quando un piano va via senza intoppi. E sempre pronto per un gioco.