E se il fileArgentina aveva trovato il suo futuro campione? Questo fine settimana, Felipe Tufró ha dimostrato che il talento può essere particolarmente precoce, anche quando stai giocando un torneo senior e ne hai solo anni 9.

Già a livello contro gli adulti

Tra i Tufró, il padel è un storia famigliare. Felipe ha così collaborato con suo padre, Willy. Dopo aver vinto un torneo padre-figlio, il ragazzo ha chiesto di partecipare a un torneo senior. Per una prima esperienza a questo livello, è stato un successo visto che la coppia è arrivata in finale.

In le colonne di ABC Saladillo, Felipe dice: "Quando un avversario ha giocato meglio del suo collega, abbiamo quindi cercato di evitare di giocarci perché ci avrebbe uccisi mettendoci le mine". E indipendentemente dall'età, la competizione è competizione: “In allenamento non mi tiriamo forte, ma nei tornei sì. E per la finale di campionato, dove l'importante era vincere, sono stato colpito duramente ”. Un atteggiamento che valorizza ancora di più le prestazioni, così come il livello di questo crepa in erba. "In semifinale, i nostri avversari hanno ammesso di aver giocato allo stesso modo su Felipe e me" spiega Willy.

Di padre in figlio

Sono passati solo due anni da quando Felipe ha avviato il padel. Dopo aver accompagnato il padre sulle piste, ha voluto fare come lui: “Gli ho detto che volevo iniziare il padel perché l'ho visto giocare. Mi ha detto che ne avrebbe parlato con l'allenatore ". Così è nato un passione consumante e Felipe ora divide il suo tempo tra la scuola primaria e padel : “All'inizio non capivo niente, non sapevo nemmeno come contare i punti. Ma quando mi sono interessato, non mi sono mai arreso ". Formula persino un sogno ad alta voce: "giocando con Alejandro Galán, è il miglior giocatore del mondo. Vorrei fare una foto con lui ”. 

ARGENTINA - FELIPE TUFRO

Ultra motivato

Se il figlio è stato molto ispirato dal padre a prendere un pala in mano, è vero anche il contrario, se non di più. “In realtà lo è molto più tecnico di me, Dice Willy. Quando gioco ai tornei lui viene e mi dà 2-3 consigli per migliorare perché vede il gioco meglio di come sono abituato a colpire e inseguire la palla. È così giovane cheassorbe tutto". Tuttavia, fare pressione sul piccolo campione è fuori discussione. Il piacere deve rimanere la principale fonte di motivazione. Meno male che Felipe ha da risparmiare: “Vogliamo che continui a imparare con lo stesso entusiasmo. Il giorno dopo la finale, ho inviato un messaggio all'allenatore chiedendogli di dargli tre lezioni a settimana ". Agustín Tapia può tremare, la prossima generazione è già pronta!

François Miguel Boudet Giornalista padel sport

Sono un giornalista sportivo che vive a Barcellona e ovviamente un fan di padel.

RMC Sports, L'Equipe Magazine, Sport24, Infosport +, BeIN sports e ora la ciliegina sulla torta: Padel Magazine ! ;)