Yann Auradou e Manuel Vives hanno deciso di unire le forze in Francia per la stagione 2022. Focus su questa coppia di cui si è già iniziato a parlare.

Una stagione speciale

Padel Magazine : Yann, qual è la tua valutazione di questa stagione 2021?

Yann Auradou: Il grande negativo di questa stagione è stato il COVID che ci ha fatto iniziare i tornei a giugno. Quindi una stagione molto breve, iniziata molto bene con una selezione per lo stage della squadra francese a Perpignan dove ho giocato molto bene.
Poi un ottimo 3° posto al P2000 a Perpignan con Flo Valsot. Ci siamo conosciuti sul posto e ci siamo trovati subito d'accordo.
Poi abbiamo fatto un torneo molto bello alla FIP de Canet dove abbiamo trascorso 4 round e abbiamo perso in un match molto serrato contro due giocatori Top 100 WPT, abituati alle previas (nota: Jaime Muñoz e Fran Ramirez Navas).

auradou valsot canet fip

Purtroppo non chiudiamo l'anno come avremmo voluto: un girone d'andata al P2000 delle Piramidi contro sicuramente la migliore squadra dell'1/16 (nota: Scatena/Torre). Un'altra partita molto combattuta che non abbiamo vinto. Ma la delusione più grande sono stati i campionati francesi dove siamo finiti noni quando avevamo un tavolo in cui sperare meglio.

Un nuovo progetto Auradou/Vives

Padel Magazine : Yann, ti vediamo spesso con nuovi partner, Manu sarà quello giusto per il 2022?

Yann Auradou: Per 3 anni, ho cambiato partner ogni anno. Ho cambiato lato nel frattempo, poi c'è stato questo cambio di partner all'inizio del 2020 che non doveva avvenire, e quest'anno ho deciso di cambiare perché volevo un partner con cui allenarmi. .
Sfortunatamente, Flo Valsot che vive nel sud ci siamo visti solo ai tornei quindi era impossibile mettere le cose a posto.

Quindi suonerò con Manu Vives in questa stagione. No no non ho perso una scommessa (ride).
Ho scoperto Manu 2 anni fa e da allora non ha mai smesso di migliorare. Abbiamo lo stesso allenatore Fabrice Ortiz e ci alleneremo tutti e 3. È giovane, ha un grande potenziale e un grande progetto! Non ho dubbi che sarà nella Top 20 tra un po'.
nostro primo P1000 è stato molto positivo anche perché abbiamo perso in semifinale contro la squadra vincitrice del torneo, i Blanqué/Inzerillo, in 3 set.
E sì, sono un po' stufo di cambiare continuamente partner, e so che con Manu ho trovato la mia pepita!

Padel Magazine : Manu, per chi ancora non ti conosce, raccontaci un po' di te!

Manu Vives: Mi chiamo Manuel Vives, ho 22 anni e vengo dalla periferia parigina (Montreuil). io pratico il padel per 2 anni e mezzo presso il famoso club of Padel Orizzonte! Prima di allora ho fatto una quindicina di anni nel tennis ad un livello decente.

Ho scoperto il file padel dopo il mio terzo anno consecutivo di infortunio al tennis, e ho notato che mi ero infortunato a tennis ma non a padel. Mi sono subito agganciato, ho subito accettato di essere cattivo all'inizio con le finestre, e di liberarmi degli automatismi del tennis. Devo ammettere che ho avuto la possibilità di iniziare Padel Horizon dove lo staff e in particolare Fabien Veber sono stati super cool e mi hanno fatto venire voglia di immergermi ancora di più in questo ambiente.

Manu Vives Bordeaux 2021 4padel

Padel Magazine : Hai sentito subito che saresti potuto diventare un buon giocatore? Quali sono stati i primi ritorni?

Manu Vives: Sì, abbastanza rapidamente ho sentito di essere in grado di raggiungere un buon livello. Mi sono detto che i migliori giocatori francesi erano per lo più ex buoni giocatori di tennis e che dovevamo "solo" esercitarci molto e prenderci il tempo per "giocare". padel”: Impara a gestire le finestre e i gesti tecnici specifici di questo sport. Ero anche convinto di poter compensare il mio ritardo tecnico rispetto agli altri con le mie qualità fisiche di tennis che si adattano molto bene al padel.
Il primo riscontro è stato molto positivo, mi è stato detto che avevo grandi qualità fisiche e di pugni. Fabien mi ha indirizzato al padel in generale e su come progredire rapidamente. Mi ha integrato rapidamente in partite di buon livello o contro giocatori con un “buono” padel”, penso che sia quello che mi ha aiutato di più.

Padel Magazine : Oggi sei completamente coinvolto in padel ?

Manu Vives: Sono 4 mesi che ho investito completamente nel padel, come quando ero in un vero progetto di tennis: allenamento fisico e padel al giorno. Il mio obiettivo è scalare velocemente la classifica e recuperare il ritardo tecnico e tattico esercitando il più possibile. Cercherò di mantenere questo ritmo tutto l'anno e vedrò fino a che punto mi ci vorrà.

"Cinque giocatori sopra il lotto in Francia"

Padel Magazine : Yann, quando vedi l'attuale squadra francese, sei un po' deluso?

Yann Auradou: Ah Team France… di solito non mi lamento. C'è un allenatore, fa le sue scelte, e la squadra lavora bene così, basta vedere i risultati!

Alexis mi ha chiamato per dirmi che stava scegliendo François piuttosto che me. È legittimo, François è arrivato terzo nel campionato francese. Sono felice per lui, è un bravo ragazzo! Ma penso che se fossi stato preso al suo posto, anche questo sarebbe stato legittimo. Dobbiamo accettare le scelte dell'allenatore.
Penso che in Francia ci siano 5 giocatori sopra gli altri, 4 sono andati in Qatar. Non preoccuparti, non sono io il quinto (ride).
In seguito, il livello è molto omogeneo tra gli altri 3 più alcuni non selezionati. Non sono migliore di loro, ma non mi sento neanche peggio. Purtroppo credo che i nostri risultati con Flo siano arrivati ​​troppo presto quest'anno, e forse siano stati un po' dimenticati… Siamo gli unici ad aver battuto Bastien e Thomas con i campioni di Francia. Anche se sono lucido e non avevano lo stesso livello a luglio di settembre, penso che avrebbe potuto contare. In più il fatto che stiamo giocando una partita importante contro i Top 100 WPT...

Sarà per la prossima volta che spero, mi piacerebbe essere in squadra con i miei due amici d'infanzia: Ben Tison e Adrien Maigret.

Yann Auradou fip rise canet fly

Padel Magazine : Manu, quando vedi l'attuale Team France e i risultati che sei riuscito a ottenere qua e là, ti dici che potrebbe benissimo farlo?

Manu Vives: “Penso che tra poco meno di un anno sarà possibile spostare qualche posto in squadra. Ci sono tre o quattro giocatori che hanno ancora un buon margine, ma c'è un modo per entrare nel gruppo di testa. Sono solo all'inizio del mio apprendistato. Sono giovane e motivato, mi darò i mezzi per sopperire a questo ritardo nel minor tempo possibile. E poi, oltre a me, ci sono anche una decina di giovani che stanno spingendo forte e che avranno voce in capitolo anche loro nei prossimi mesi. È bello e motiva al massimo vedere che il padel si evolve altrettanto rapidamente. ”

Manu Vives 4Padel Bordeaux 2021

Padel Magazine : Ultima domanda, cosa ne pensi del tuo partner? Attenzione, vogliamo la verità!

Manu Vives: “Penso che sia uno dei 5 migliori giocatori di destra francesi, quindi mi dico che sono abbastanza fortunato a poter giocare con lui. È fortissimo, è un difensore eccezionale, compatto al volo e fisicamente segue quasi il mio ritmo! I nostri due giochi stanno bene insieme, siamo entrambi molto dinamici e voglio essere in grado di portargli un gioco aggressivo in modo da poter evolvere ad un ottimo livello. In ogni caso, spero che questa associazione duri nel tempo, che progrediremo e raggiungeremo i nostri rispettivi obiettivi.
Un grande ringraziamento a Loïc Revol e Fabien Ortiz che hanno reso possibile questo incontro. ”

Team Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.