Gran vincitore dell'ultima P2000 della stagione al fianco del promettentissimo Dylan Guichard, Bastien Blanqué è tornato al microfono di Padel Magazine sul suo anno 2022 così come sul suo futuro.

“Una meritata medaglia di bronzo”

“Nel 2012 mi sono qualificato per i miei primi Mondiali a Cancun con Alexis Salle, Robin Haziza, Jérémy Scatena, Kévin Fouquet… e dieci anni dopo ho vinto la medaglia di bronzo a Dubai. Se me lo avessi detto in quel momento, non ci avrei creduto. il padel in Francia si sta sviluppando, ora ci sono giocatori professionisti e abbiamo fatto qualcosa di pazzesco”.

"Dieci anni fa in Messico finimmo all'ottavo posto perché non avevamo ancora giocatori professionisti a parte Robin e Scat che giocavano un po' nel circuito. Quest'anno avevamo l'obiettivo di arrivare quarti e si è presentata l'opportunità di fare meglio. Ventiquattr'ore prima abbiamo discusso con i ragazzi per ottenere la medaglia di bronzo e ce l'abbiamo fatta! Nel 2012 sarebbe stata una rapina ma lì un po' ce lo meritiamo ancora (ride)."

"È molto sorprendente perché ne stavamo parlando con Benjamin Tison sull'aereo. Infatti prima di andarsene mi ha detto che questa competizione sarebbe stata orribile per i brasiliani perché non possono vincere contro Argentina e Spagna. Ma dietro di loro non possono perdere perché hanno giocatori migliori di quelli della Francia o dell'Italia come Pablo Lima, Marcelo Jardim o Lucas Bergamini. Il Portogallo li elimina e da lì siamo tutti d'accordo a cambiare obiettivo e puntare a questo 3° posto. Sapevamo di avere le armi per battere i portoghesi. "

Mondo vuoto Leygue 2022
Thomas Leygue e Bastien Blanqué ai Mondiali 2022

“Abbiamo scritto la storia”

"Il nostro gruppo di otto ragazzi che eravamo era molto affiatato, c'erano altre buone coppie che potevano essere schierate senza problemi e Pablo aveva anche problemi a formare le sue squadre perché diceva che c'erano profili diversi ma che le quattro coppie erano competitive. "

“E' vero che durante l'anno facciamo fatica sul circuito francese ma nella squadra francese tutti mettono da parte il proprio ego, si parla tanto e si ragiona. Come ho detto loro, abbiamo scritto la storia nel padel Francesi e anche in tutto il mondo perché alla fine Sanyo è venuto a trovarci per congratularsi con noi e abbiamo potuto vedere che tutti avevano un sorriso per noi”.

Atmosfera di squadra della Francia del mondo
La squadra maschile francese dopo la medaglia di bronzo

"Ottieni una finale ai Campionati Europei"

“L'anno prossimo ci sono gli Europei, non sappiamo ancora dove si svolgeranno ma l'obiettivo sarà arrivare a una finale. Tuttavia, l'impresa che abbiamo ottenuto quest'anno contro il Portogallo potrebbe non ripetersi perché hanno un'ottima squadra e i loro giocatori potrebbero essere molto vendicativi. Occhio anche agli svedesi che hanno anche loro una grande squadra, ma non più forte del Portogallo o di noi”.

"Quest'anno con la Francia il vantaggio principale è che non ci sono punti deboli. Avevamo una squadra omogenea per livello di gioco e questa è stata la nostra forza perché i nostri avversari non sapevano cosa avremmo fatto."

“Da un anno non mi diverto al WPT”

"Direi che questa stagione è stata divisa in due. Da gennaio a giugno: niente bene in termini di precampionato, allenamenti e gare. A parte una cosa, la P2000 vinta a Parigi, à Padel Horizon e ancora non sono arrivato in confidenza.

E a luglio ci sono stati molti cambiamenti nella mia vita, ma anche con le mie squadre sportive e da allora è andata molto bene. Il fattore scatenante è la chiamata di Adrien Maigret a giocare con lui Premier Padel del Roland Garros. Faremo un primo torneo di preparazione che sta andando bene e poi ci sono tante cose belle che si sono susseguite, i campionati francesi, la P2000, la medaglia di bronzo e nella mia vita personale tutto sta andando molto bene”.

Bastien-Blanque-volee-Adrien-Maigret-16th-greenweez-Paris-Premier-Padel-Maggiore
Adrien Maigret e Bastien Blanqué a Greenweez Paris Premier del Roland Garros

“L'anno prossimo mi concentrerò completamente Premier Padel e tornei FIP ma se avrò un po' di tempo farò ancora qualche gara World Padel Tour. Sai Franck, le condizioni del WPT non mi vanno bene perché è molto veloce e non c'è altezza. Giocherai nel profondo della Spagna contro due spagnoli, senza arbitrato, dove si disputano quasi tutti i punti.

Premier Padel o anche il circuito FIP è diverso, sei ben accolto, alloggio pagato e migliori condizioni di gioco, palloni nuovi, possibilità di uscire, un arbitro presente, ecc. Deve rimanere un piacere e mi sono reso conto che per un anno non mi sono più divertito World Padel Tour. Mi sento meglio Premier Padel, soprattutto perché sto vincendo le partite ed è trasmesso in televisione. Quindi da parte mia mi concentrerò su Premier Padel, FIP, circuito francese e nazionale”.

“Vedo quanto sono felici i giocatori sui palchi di Premier Padel e tornei FIP. Siamo accolti meglio, la comunicazione è migliore, i premi in denaro più importanti ei tavoli più aperti. ci credo molto Premier Padel. Penso che andremo tutti in quella direzione, ma per dire se il WPT si fermerà, non ne ho idea.

“Non ho mai giocato all'APT prima, ma perché no. Quest'anno non ho avuto tempo.

Più felice in Francia

“Un anno fa ho annunciato che la mia collaborazione con Ramiro Choya, il mio allenatore nel cuore, colui che mi ha insegnato tutto, stava per finire. È partito per Doha ea febbraio mi sono trovato in un vicolo cieco. Ho deciso di andare in un'accademia ma era molto diverso.

All'inizio dell'anno ho cambiato sponsor e sono andato a Bullpadel così sono entrato nell'accademia di quest'ultimo con Rodrigo Ovide e Gaby Reca. Stava andando bene ma niente di più, sentivo che non stavo progredendo, era lontano da casa quindi dovevo cambiare le cose.

Così sono tornato a vivere a Tolosa e mi alleno tutti i giorni dall'inizio di luglio con Christophe Semmartin, principalmente a Tolosa. Padel Club. Inoltre qui ho la mia preparazione fisica e mentale, sono riuscito a creare un ambiente molto professionale. Tornerò in Spagna a volte ma non per viverci. Siamo andati lì con Thomas per allenarci, ma il lato personale è molto importante e mi sento più felice qui".

“Una scelta fortemente criticata”

“Con Thomas quest'anno abbiamo vinto insieme i campionati di Francia ma non abbiamo ancora parlato della prossima stagione. Riguardo a me, se vuole fare un altro anno con me, va bene, ovviamente. Vorrà tornare? Non ne abbiamo discusso. Avremo tempo per parlarne insieme e vedere cosa vuole. Vorrà giocare a destra o a sinistra, perché vedo che è tornato a sinistra...».

Blanque Leygue campione di Francia 2022 a Tolosa Padel Club

“La mia scelta è stata pesantemente criticata e modererò i miei commenti, molte persone a lui vicine non credevano in lui o nella nostra coppia. Avevo detto loro che avremmo fatto grandi cose insieme. Sono andato a prenderlo, si stava allenando con Gaby Reca, non stava progredendo molto, non sapeva da che parte giocare così gli ho offerto di venire ad allenarsi con me e Ramiro Choya. L'anno scorso abbiamo perso in finale ai campionati francesi e quest'anno abbiamo vinto e abbiamo visto esplodere Thomas sul circuito francese. Sono molto felice di far parte del suo viaggio e non gli auguro altro che felicità”.

“Avevo delle offerte”

“Per il resto non ho partner. Attualmente sono 130/140 quindi cercherò di trovare uno spagnolo in quelle acque. Se non con Thomas se alla fine vorrà avviare insieme un progetto internazionale. Dopo la medaglia di bronzo ho delle proposte, mi hanno scritto due giocatori portoghesi e ho avuto altre richieste ma ho detto loro che per il momento mi sono un po' fermato.

Bastien Blanqué e Johan Bergeron

“Una parola veloce per Jo (Johan Bergeron) che ha annunciato la sua decisione di terminare la sua carriera sportiva a Dubai davanti a tutto il gruppo. Solo Ben Tison lo sapeva. È stato un momento molto commovente per me perché per me è la fine di una grande storia che abbiamo fatto insieme. Gli auguro solo felicità per il futuro e sono molto felice e orgoglioso di aver vissuto questa esperienza con lui. Cinque anni fa, quando siamo partiti insieme, si fidava di me.

Guarda l'intervista nella sua interezza qui sotto.

Sebastien Carrasco

Futuro naturopata e appassionato padel, Seb è il gentiluomo della salute/cibo di Padel Magazine. Si destreggia tra pala, quinoa e oli essenziali. Da quasi due anni si occupa con la stessa passione della notizia del pallino giallo.