Benjamin Tison, campione di Francia e primo francese a livello internazionale ha giocato il gioco delle domande e delle risposte al microfono di Padel Magazine in occasione della sua firma con un grandissimo sponsor: Cupra!

Dal club delle Pyramides, il Francilien ha alle spalle la sua carriera ma anche i suoi successi che lo hanno portato a diventare uno dei nuovi volti del brand spagnolo.

Un'intervista più personale per conoscere meglio questo giocatore che è l'orgoglio dei francesi nel circuito di World Padel Tour.

gli inizi

PM: Se non ti dispiace Benjamin, prima di parlare di quello che sta succedendo oggi, potresti tornare ai tuoi inizi, quali sono stati i tuoi primi momenti su un campo di padel ?

BT: “I miei primi momenti nella padel si è svolto al Tennis Club du Mas, vicino a Perpignan. È stato mio cugino a farmi conoscere questo sport. Prima di quel giorno non avevo mai sentito parlare di questa disciplina e possiamo dire che fin dai primi balli l'ho adorata. 
Il problema è che quando siamo tornati a Parigi non c'era ancora nessun terreno edificato quindi era difficile esercitarsi, fino al giorno in cui il club Bois d'Arcy ha aperto i battenti. Ho potuto allenarmi più seriamente”.

PM: Quando ti sei detto che avevi un buon livello per iniziare nel padel ?

BT:  Ci sono stati due eventi significativi. 
Il primo è durante un torneo con il mio primo partner, Mela Frédéric. Siamo partiti per il Lione per il nostro esordio ufficiale e abbiamo battuto ai quarti di finale Johan Bergeron et Pierre Antoine Morillon. Nella finale di questo torneo abbiamo perso contro Justin lo fa et Aitor Garcia. Fu allora che mi resi conto che stavo giocando abbastanza bene.
E il secondo che ha confermato che avevo qualcosa in più e che questo sport mi piaceva molto è stato quando ho iniziato con Adrien Maigret per la prima P1000 a Perpignan. In seguito, abbiamo formalizzato e vinto alcuni concorsi insieme. Qui è iniziata l'avventura.

Adrien Maigret e Ben tison al P2000 Pyramides 2021

"Il padel: lo sport di squadra più individualista ”

PM: E le relazioni tra i giocatori? Siamo stati in grado di vedere molte coppie che si separano. Questo è stato il caso del tuo ex compagno di squadra Téo Zapata. Puoi parlarci di questo episodio? 

BT: “Sì, a dire il vero sono rimasto sorpreso anch'io.
Il giorno dopo la finale P2000 a Perpignan con Jo bergeron ricevo una chiamata da Teo spiegandomi la sua scelta di interrompere la nostra associazione. Aveva ricevuto una proposta da Nacho Gadea (67esimo giocatore al mondo) si offre di giocare al suo fianco. In vista della classifica, lo spagnolo aveva più punti di me e l'occasione era troppo buona per Téo. Stava per essere seminato in previas. Dato che avevamo un ottimo rapporto sicuro fuori dal campo, la separazione è stata difficile. Fino ad oggi abbiamo mantenuto questi ottimi rapporti e siamo ancora in contatto. Ma dovevamo riprenderci”
.

ben-tison-teo-zapata-smash padel scomodo

PM: In questa situazione in questo caso la separazione è andata bene, ma a volte non è così. Ci sono cambiamenti improvvisi che possono essere presi nel modo sbagliato. 

BT: “Sì, è diventato comune cambiare coppia all'inizio o a metà stagione. È diventato di moda, lo puoi vedere sul World Padel Tour. Tutti i migliori giocatori cambiano molto spesso. Abbiamo potuto vedere Maxi Sanchez et Adrian Allemandi porre fine alla loro unione all'inizio di questa edizione 2021. Che siano uomini o donne, ci sono molti cambiamenti dopo due o tre tornei. Dico spesso che padel è un sport individuale per due.
È ancora molto individuale. Il modo più semplice è cambiare. Personalmente non amo i cambiamenti rapidi, dopodiché potrebbero non funzionare altrettanto bene, ma bisogna darsi del tempo per conoscersi e fare qualche partita insieme”.

PM: Qualche giorno fa ci è stata fatta un'osservazione sul tuo ex partner. Sicuramente lo raggiungerai presto in classifica. Allora sono andato a vedere la classifica e in effetti sei 73esimo al mondo, ti avvicini molto a Zapata ma anche a Nacho Gadea che sono tra i primi 60. le differenze non sono più così grandi.

BT: “Ho fatto un'ottima prima parte di stagione e l'obiettivo è arrivare il più lontano possibile. Il mio obiettivo sarebbe entrare nella top 70. E' molto dura e dovremo lottare ma vedremo a fine anno di cosa si tratta. Ho dovuto rivedere il mio obiettivo verso l'alto perché volevo far parte della Top 90. Questo desiderio è stato esaudito e ora voglio andare ancora oltre ! "

Cupra e il padel : corrisponde!

PM: Continueremo parlando di questa grande partnership che hai appena concluso con Cupra. Partnership che farà parlare molto perché il marchio automobilistico sta lanciando con forza in Francia.
Come è iniziata la storia tra di voi? 

BT: “In effetti, come hai detto così bene, se ne parlerà molto perché C è ancora un giocatore importante nel mondo di padel. Lo è in particolare Fernando Belasteguin che ha avviato questo con il marchio. Dovresti sapere che in Spagna vediamo molto più Cupra che in Francia, è un grande sponsor del WPT, viviamo con questo marchio durante le competizioni.

La storia è piuttosto semplice, è grazie a Robin Haziza, che da quest'anno si prende cura dei miei interessi, che mi ha messo in contatto con la casa automobilistica ed è successo molto rapidamente.

Avevano infatti la volontà di affermarsi nell'ambiente sportivo esagonale e personalmente trovo che il padel ben si adatta alla loro immagine innovativa. È uno sport che sta esplodendo su scala globale e nessuno può fermare questa follia. Penso che sia un bellissimo matrimonio tra Cupra e il padel. E sono fortunato ad essere stato scelto come ambasciatore del marchio, sono molto felice”.

Benjamin tison cupra in attesa

PM: Per concludere questa intervista, vorrei tornare su un aneddoto riguardante tuo padre. Ci ha detto che padel è abbastanza strano perché ci sono molti tennisti che conoscevi prima e che hanno iniziato a praticare questo sport insieme a te.
All'epoca non eri così vicino a loro, a volte eri rivale. Ma il padel ti ha permesso di avvicinarti e persino diventare amico. Sei d'accordo con la sua analisi e possiamo dire che questa è una delle belle storie? 

BT: “Certo!
Per il mese in poi padel è soprattutto un'avventura umana ed è solo divertimento. Quando abbiamo iniziato a giocare nelle Yvelines, eravamo un gruppo di una quindicina di tennisti all'incirca nella stessa classifica. Ci siamo divertiti un mondo! Ho molti aneddoti di viaggio. Anche se attualmente sto facendo progressi sul WPT non dimentico le prime partite giocate con gli amici”.

Puoi trovare l'intero scambio appena sotto:

Qualche giorno fa abbiamo avuto la possibilità di ascoltare le parole di Alix Collombon sulla sua collaborazione con Cupra . È stata anche contattata per rappresentare il marchio spagnolo.

È un gran bel colpo per i due campioni di Francia!

 

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.