Mentre vediamo molte coppie che vengono fatte e che ci liberiamo in Francia come in Spagna, una coppia mostra uno stato d'animo inequivocabile: Johan Bergeron / Bastien Blanqué. Complice sulla terra come nella vita, apprezziamo i legami che sono stati intrecciati tra questi due fenomeni della pagaia francese.

Concentrati sui campioni del titolo di padel della Francia, sul loro inizio dell'anno e sulle loro ambizioni.

Padel Magazine - Il programma di questo inizio di stagione ...

Bastien Blanqué - Dopo 4 settimane di vacanza a Tolosa con la famiglia e gli amici, ho preso il controllo a metà gennaio allenamento fisico nel centro privato Sport Pro Santé di Tolosa. Un programma di 6 settimane molto intense di allenamenti fisici.

Da alcuni giorni le mie sessioni fisiche sono ridotte al mattino. Pomeriggio riservato al padel con Alexis Salles, Nicolas Trancart e Manu tecles. Gioco a basket e gioco in diagonale.

Durante i due mesi in Francia, cerco sponsor interessati al nostro progetto. E lo 20 febbraio, mi unisco a Jo per iniziare insieme la nostra stagione.

Johan Bergeron - Dopo aver ricaricato le batterie a casa a Lione, lo sono tornò a Madrid per allenarsi. In programma: Padel con Ramiro Choya e fisica con Borja (istruttore fisico di Sanyo). Al momento mi alleno con Peter Alonso (40 World), Sergio Alba e talvolta con Allemandi (No. 20 WPT).

PM - Come sono orientati i tuoi allenamenti?

BB - La grande preparazione fisica è essenziale. Jo ha preso uno dei migliori preparatori in Spagna. Mi sto allenando allo Sport Pro Santé. Molti giocatori professionisti di tutti gli sport attraversano questa stanza.

Per quanto riguarda il Padel, prendiamo il canestro, le basi tecniche e proviamo a trovare le zone di gioco. Quindi, con il gioco diagonale, colpisci più palla possibile.

JB - Questo è il recupero per tutti, quindi l'allenamento si basa sulla tecnica e sulla scelta delle aree a seconda della palla ricevuta. Questo è importante perché con le vacanze è vero che dimentichiamo le cose piuttosto semplici tatticamente. Il mio grande cambiamento quest'anno è di aver assunto un allenatore di fitness riconosciuto qui.

PM - I tuoi obiettivi per quest'anno? Sei lontano dal raggiungere pre-qualificazioni del WPT?

BB - L'obiettivo di quest'anno: rimanere al vertice in Francia mantenendo il nostro titolo di campioni di Francia e il nostro numero di posto 1 francese. Al World Padel Tour, speriamo di arrivare a Previa in diversi tornei, vale a dire vincere partite 3 in Pre-previa per sperare in 120th place world ...

JB - L'obiettivo è chiaramente quello di fare più WPT rispetto allo scorso anno per cercare di raggiungere il mondo TOP 120. Devi giocare nella TOP 60 / 70 per raggiungere le qualificazioni maschili. Abbiamo ancora molta strada da fare!

PM - Quali sono le differenze oggi tra te e una coppia regolare di pre-qualificazioni?

JB - La grande differenza è la regolarità. Sono in grado di non commettere l'errore mentre esercitano una forte pressione sulle squadre avversarie con voli acuti, buoni lobi che non consentono di finire il punto ...

BB - Come dice Johan, la regolarità pur essendo molto acuta.

PM - Conosci il tuo programma quest'anno? Ci vediamo regolarmente in Francia?

BB - La nostra programmazione sta iniziando a prendere forma, ci mancano gli Challengers del World Padel Tour per fermarci. Noi andiamo su 11 tornei francesi + il campionato di Francia e le qualificazioni ai campionati del mondo.

JB - Il primo World Padel Tour sarà a Barcellona a metà marzo. Il nostro primo torneo francese sarà il My Padel Tour a metà aprile a Casa Padel.

PM - Cosa devi lavorare insieme per avere successo nel circuito professionale?

BB - Dobbiamo continuare con le nostre qualità, vale a dire rimanere saldati!

In Spagna, dalla prima partita pre-partita ci sono già persone 200-300 nel complesso, solo spagnoli, che creano molta atmosfera che a volte può disturbare.

Siamo l'unica squadra francese sul circuito, tutti i giocatori spagnoli si conoscono, è una situazione difficile, totalmente diversa dalla Francia.

JB - Penso che dobbiamo continuare quello che stiamo facendo ora. Quest'anno 1e è stato buono. Ma ci vuole un tempo di adattamento sul WPT. Siamo l'unica squadra francese E tutti si conoscono. Quest'anno il corso più grande da percorrere è proprio quello di riuscire a giocare il nostro gioco in questo ambiente.

PM - Con la tua esperienza, quali sono le differenze tra Francia e Spagna, nel gioco e nel modo di allenarti?

BB - A Madrid, dove siamo basati, quasi tutti i giocatori professionisti si allenano lì. Le condizioni sono perfette per il progresso: complessi, allenatori, giocatori, ecc. è tutto lì.

In Francia abbiamo il difetto di giocare troppo a "Tennis" o troppo "gioca piano".

In Spagna, ci viene insegnato a suonare piano con un cambio di passo. Conclusione: ci rendiamo conto che giochiamo velocemente mentre suoniamo a volte delicatamente. Paradossale eppure, questo gioco consente ai migliori giocatori di essere in cima al mondo. Su questo, la Francia deve davvero imparare.

Poi in Francia, abbiamo un sacco di giocatori di racchette e improvvisamente ci dimentichiamo di dire loro che la pagaia è anche lasciare la palla (per farli rimbalzare sui muri), variare gli effetti e le aree, rendere il bene lobs ... In Spagna, nel tempo libero, ci sono anche molti giocatori

Sono dotati in Francia e tuttavia giocano più padel perché insegniamo loro a giocare con il campo.

Ci vorranno sicuramente 5 10 anni in Francia per scalare nella qualità dei servizi di formazione generale. Speriamo di riportare tutta l'esperienza accumulata in Spagna in Francia.

JB - La Spagna è anni avanti rispetto alla Francia ... Nient'altro che strutture, ci sono club di terreno minimo 8 / 10 quasi tutti 5km e ancora ... Tutti i giocatori professionisti qui sono ciò che rende le condizioni di allenamento perfetto.

Nel gioco quello che ricordo è che spesso sentiamo "Al padel devi suonare lentamente"È vero, ma qui impariamo a suonare cambiando il ritmo. Giocare dolcemente è buono, ma quando hai una palla per finire devi finire.
È un'opportunità per noi di essere qui in contatto con i migliori ed è vero che proviamo a portare tutto ciò che apprendiamo qui in Francia al nostro ritorno.

Cosa dai la colpa al tuo partner padel?

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Pyramid Club di 2009 nella regione di Parigi. Da allora il padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia andando a coprire i grandi eventi di paddle francesi.