Tennis e padel deve affrontare una crisi senza precedenti. Dai la colpa a COVID-19 che destabilizza l'economia globale. Il governo sostiene il contenimento come principale rimedio per ridurre i casi di infezioni.

In questo caldo contesto, il presidente della Federazione francese di tennis, Bernard Giudicelli ha spiegato ieri volendo "proporre ricorso dinanzi al Consiglio di Stato"per sbloccare la situazione per tennis e tennis club padel e consentire loro di riaprire il prima possibile.

Se la FFT propone un nuovo piano d'azione per aiutare i professionisti del tennis,  che dire di allenatori, club e giocatori nel rispetto delle misure del governo?

Venerdì prossimo, questa azione legale dinanzi al più alto tribunale amministrativo sarà presentata al comitato esecutivo della FFT (COMEX).

Una spada nell'acqua o una possibilità di successo?

Il Consiglio di Stato, perché?

Il Consiglio di Stato è il giudice amministrativo supremo. È giudice di Cassazione. È l'ultima e ultima risorsa di fronte a decreti o atti di organi con giurisdizione nazionale.

Si noti, tuttavia, che a differenza di un procedimento giudiziario classico dove il ricorso in Cassazione interviene solo dopo l'appello, qui si tratta di un rimedio legale eccezionale.

Il Consiglio di Stato interverrà solo sulla questione dei diritti: le regole sono state rispettate? La legge è stata applicata correttamente?

Il COMEX non rinnegherà il suo presidente

L'azione legale che il Presidente della FFT desidera intraprendere può essere intrapresa solo con l'approvazione del Comitato Esecutivo della FFT.

Il COMEX dovrebbe certamente seguire il suo Presidente e quindi convalidare il processo di azione davanti al Consiglio di Stato. In effetti, è difficile vedere la commissione essere ancora più zelante di fronte a questa crisi. Soprattutto perché è un modo per mostrare il mondo del tennis e padel, che la FFT cerca di fare cose per club e allenatori. Politicamente, è proprio necessario farlo perché ricordiamoci che le elezioni si terranno il 13 febbraio. Questo periodo è quindi cruciale per la continuazione del team di gestione in atto.

Questa è quindi più una formalità. La domanda è: è probabile che questa azione finisca?

Azione efficace?

Se la FFT non lo fa, sarà criticata. Se lo farà, sarà anche perché si dirà che gioca la carta della politica e dell'opportunismo.

La domanda che ci interessa qui è: questa azione davanti alla più alta corte ha una possibilità di successo?

Il prossimo dicembre il governo potrebbe rinunciare alla zavorra. Non sappiamo ancora in quale forma. Ma segnali positivi potrebbero farci sperare per l'apertura di società sportive. Perché ?

Da lunedì prossimo riapriranno molte società sportive per i possessori di certificato medico. Le piscine hanno già riaperto, sempre con l'obbligo di avere un certificato medico.

Un primo passo prima di un allentamento del prossimo dicembre? Difficile dire così tanto che si sente tutto e il suo contrario dall'inizio della crisi sanitaria.

Ma anche se è probabile che questa azione legale fallisca, potrebbe avere un impatto sulle future decisioni del governo. Un modo per la FFT per fare pressione e segnare il colpo con i media e soprattutto con i suoi licenziatari e club affiliati / autorizzati.

Per Bernard Giudicelli, "dobbiamo far valere la nostra differenza (...), non siamo uno sport di contatto".

Spero che questa voce venga ascoltata.

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Pyramid Club di 2009 nella regione di Parigi. Da allora il padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia andando a coprire i grandi eventi di paddle francesi.