Camille Sireix, 25 anni, è un'ex tennista di talento che ha l'ambizione di diventare uno dei prossimi headliner della padel francese. Colloquio.

" Amo tutte le emozioni che vengono condivise e tutta la ricerca di soluzioni come una squadra "

Padel Magazine – Camille, puoi presentarti o raccontarci come ti trovi nel padel ?

Camille : “Mi chiamo Camille, ho 25 anni, vengo da Parigi e sono un ex 15 nel tennis. Ho un background un po' atipico perché mi sono dedicato al tennis all'estero mentre continuavo i miei studi alla Paris-Dauphine. 

Amavo già il doppio nel tennis e facevo servizio e volley in singolare con molti colpi, quindi quando ho scoperto il padel, mi sono subito divertito!

È stato il mio allenatore di tennis per tutta la vita Patrick Tachet a farmi conoscere padel otto mesi fa. Quello che mi ha davvero attratto è stato giocare in due in campo con tutti gli aspetti mentali e tattici che ne derivano. Amo tutte le emozioni che vengono condivise e tutta la ricerca di soluzioni come una squadra. Inoltre, a livello fisico, il lato esplosivo di questo sport via smash e le tante gare mi fa davvero piacere, ho l'impressione di esprimermi completamente! Insieme ci siamo divertiti davvero molto e anche lui si è innamorato di questo sport! "

Un soggiorno benefico lo scorso luglio nell'accademia di Pablo Ayma!

Padel Magazine – Hai un progetto nel padel, e ti alleni molto?

Camille : “In Francia mi sono allenato poco ma ho giocato molto. Volevo provare un corso intensivo in Spagna nell'accademia di Pablo Ayma a luglio per progredire e mi è piaciuto molto! Così ho deciso di tornarci per la stagione 2022-2023. Vivo a Barcellona e mi alleno con Xavi Figols. Condivido la mia avventura sul mio account Instagram: (@camille.sireix) se vuoi seguimi!

Per il momento alterno allenamento individuale, per progredire tecnicamente sulle basi, e allenamento collettivo per poter impostare il mio gioco e sviluppare gli aspetti tattici. Non vedo l'ora di competere con le altre ragazze ai tornei il prima possibile!

Per quanto riguarda precisamente la competizione, ho giocato ancora poco nei tornei femminili francesi poiché fino ad ora ho giocato quasi solo nei tornei maschili.

Sono un giocatore mancino piuttosto aggressivo in tutti gli aspetti del mio gioco. Sto ancora esplorando dal lato del partner per trovare una ragazza con cui scalare la classifica. Attualmente non ho ancora un partner fisso."

Difficoltà di adattamento legate al tennis

Padel Magazine : Qual è la cosa più difficile per te? Quali sono gli aspetti del gioco su cui lavori di più, i tuoi punti di forza, i tuoi punti deboli?

Camille : “Non smettere di giocare quando la palla mi ha passato. Comincio a capirlo ma a volte mi fermo ancora. Il tennis mi ha davvero lasciato il segno!

Lavoro molto anche sulla difesa del dopo-vetro. È la cosa più complicata per me sapendo che mi piace bloccare davanti al vetro, ma ehi, ogni tanto devi far passare la palla! Quello che cambia anche con il tennis è la preparazione. Non appena riesci a preparare adeguatamente un colpo al padel, fa un'enorme differenza nel tuo livello di gioco. 

Con contro al volo e nell'aria mi diverto! Sono tiri che, anche se un po' diversi, mi sono più familiari e mi ricordano il doppio del tennis. Ovviamente non l'avevo mai fatto viboraso o par 4 prima e sto lavorando a quei colpi. Il par 3 è il mio tiro preferito con il drop shot e tutte le palline nei piedi!

Infine, il mio punto debole è la gestione tattica, che non padroneggio completamente, e il mio punto di forza, credo, sia il gioco a due. Mi piace l'idea di essere una squadra e tutto ciò che comporta".

“Vorrei poter entrare a far parte della squadra della Francia non appena avrò dato prova di me stesso”

Padel Magazine : Quali sono le tue ambizioni in Francia, all'estero ?

Camille : “In Francia mi piacerebbe poter fare i grandi tornei ed essere tra i migliori giocatori. Mi piacerebbe anche poter entrare a far parte della squadra della Francia non appena mi sarò dimostrato. Ero un giocatore per la squadra di tennis francese ed è stata una delle mie migliori esperienze, spero di poterla rivivere in padel !

All'estero giocherò sicuramente nel circuito catalano per iniziare a provare a competere con giocatori spagnoli e stranieri. È un circuito dove ci sono molti giocatori molto bravi e questo può essere formativo per me. Certo, sto pensando di giocare al WPT o alle FIP, ma ogni cosa a suo tempo! "

Squadra Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.