Oggi Padel Magazine rencontre Christian Tarruella, Direttore Tecnico della Federazione Russa di Padel.

Questo spagnolo, attualmente residente a Mourmansk, città situata nel nord del paese, a pochi chilometri dalla Finlandia, venne principalmente a pubblicizzare e sviluppare il padel in territorio russo.

Al nostro microfono, ripercorre la sua vita in Russia dal 2014, ma anche lo sviluppo del padel nel Paese così come sul tema che da diverse settimane occupa la nostra quotidianità: il conflitto in Ucraina e le sue conseguenze.

“Stavamo partendo da zero, nessuno voleva investire nel padel"

"Nessuno qui sapeva il padel, solo pochi turisti che si sono recati in Spagna durante le vacanze estive.

Con un amico abbiamo costruito le prime due tracce di padel in Russia e ha aperto il primo club a sud di Mosca. Così sono rimasto 6 anni nella periferia di Mosca".

PM: Da quando ti sei stabilito in Russia, hai notato un vero sviluppo di padel ?

TC: “Sì infatti, c'è da dire che siamo partiti dal nulla perché qui nessuno voleva fare niente per il padel. Questo sport era sconosciuto e nessuno voleva scommetterci. I primi quattro anni sono stati molto difficili.

Poi una traccia di padel è stato costruito in una delle palestre più grandi e famose di Murmansk.
Fu luogo di passaggio per molti sportivi e da lì iniziò l'interesse dei russi per la padel
.

Qualche tempo dopo fu installata una nuova pista a San Pietroburgo in un club di hockey su ghiaccio. Trattandosi però di un cosiddetto club “di lusso”, pochissimi clienti venivano a giocare e questo ha rallentato la crescita del nostro sport nella regione.

Ed è proprio a Mosca che diversi mesi dopo sono emerse due nuove tracce. Lentamente ma sicuramente il padel si cominciò a far parlare di sé e poco a poco si costruirono altri siti.

Oggi nella capitale russa possiamo trovare almeno 4 diversi posti dove giocare padel.

Purtroppo non ci sono ancora molti club ma inizia ad evolversi favorevolmente.
Siamo stati sfortunati perché quando è arrivato il boom padel arrivati ​​nel Paese, siamo stati colpiti dalla pandemia di COVID-19.
E ora che stiamo uscendo da questo virus, arriva il conflitto tra Russia e Ucraina che continuerà a bloccare questo sviluppo.

Oggi vediamo lo stesso che nuovi terreni sono stati installati in altre province russe dando vita a veri e propri club, come ad esempio nella città di Krasnodar, nel sud del Paese.

Attualmente abbiamo una Federazione di padel con sede a Murmansk ma sarà presto trasferito nella capitale".

Sempre più successo per il padel

PM: Lei è Direttore Sportivo della Federazione Russa di Padel ma dai anche lezioni se non sbaglio?

TC:" Sì, è giusto. Insegno e do lezioni ogni giorno ad appassionati locali.

Qui a Murmansk, il padel sta ottenendo sempre più successo e sfortunatamente abbiamo solo una pista per accogliere i praticanti. Dobbiamo aspettare ancora qualche mese per averne un secondo, ma notiamo una vera richiesta perché questo sito è sempre occupato dalle 7:XNUMX alle XNUMX:XNUMX e non possiamo soddisfare tutte le nuove richieste.".

Christian Tarruella al club di Murmansk

“La situazione attuale è molto grave”

“Sebbene le persone qui sembrino piuttosto tranquille, temiamo cosa potrebbe accadere nei prossimi mesi e ci chiediamo per quanto tempo durerà questa situazione (Guerra in Ucraina).

Moralmente è un duro colpo perché molti russi hanno famiglia in Ucraina. E una cosa è certa è che anche economicamente vivremo tempi difficili. Questo sta già colpendo l'economia del paese.

PM: Quali sono le conseguenze di questo conflitto sul padel in Russia e sui giocatori?

CT: “La prima è che avevamo in programma 4 tornei FIP a cui avrebbero dovuto partecipare giocatori nazionali, ma è stato cancellato. Questo avrebbe permesso ai giocatori russi di farsi conoscere dagli altri partecipanti e di misurarne un po' il livello.

Questa decisione è stata vissuta come un duro colpo per i giocatori.

D'altra parte, i concorrenti russi erano felicissimi di partecipare a tornei oltre i loro confini e avevano già iniziato a iscriversi alle varie competizioni. Un altro argomento che ci ha toccato è il motomondiale. Penso che non ci sarà permesso contestarlo".

Penso che sia un errore punire i cittadini russi perché non sono loro a scegliere e prendere queste decisioni. Qui nessuno è per la guerra.

Questa è una decisione pesante per gli atleti che si allenano tutto l'anno per le competizioni e a cui è vietato gareggiare. Tutti loro non vogliono questa guerra e trovo ingiusto che li puniamo".

“Vogliamo organizzare più tornei, formare più istruttori e promuovere il padel ai bambini delle scuole”

PM: Anche se è un momento complicato per affrontare questo argomento, puoi dirmi cosa hai pianificato di sviluppare padel in Russia nei prossimi anni?

TC: “Il primo problema che andremo ad incontrare nei prossimi mesi è il costo delle materie prime, che aumenterà notevolmente. Non sappiamo già come si evolverà il tema delle importazioni.

Penso che questi due punti ci metteranno già i bastoni tra le ruote per sviluppare il padel dans le paga.

Alcuni investitori potrebbero beneficiare di un aiuto per creare club ma al momento non sappiamo se i loro risparmi consentiranno loro di realizzare i loro progetti. Cercheremo di organizzare più tornei internazionali ma anche di formare sempre più istruttori di padel con la nostra scuola all'interno della Federazione e infine per far conoscere questo sport nelle scuole.

Potremmo non riuscire a fare tracce nelle strutture scolastiche ma organizzare laboratori anche solo con la pala e una rete all'inizio per raggiungere più persone possibili.".

PM: Organizzare un'amichevole e riunire diversi club dall'estero ma anche una squadra russa e una ucraina per trasmettere un'immagine di pace, sarebbe una buona idea secondo lei?

TC: “Prima dell'inizio di queste manifestazioni volevamo già organizzare gare amatoriali formando una squadra e andando a giocare in un club “amichevole” all'estero come l'Italia. Al momento mi sembra molto complicato.

Ora sì, se un'organizzazione internazionale organizzasse un torneo con diversi paesi e vi partecipassero Russia e Ucraina, sarebbe ovviamente una buona cosa. Di certo dal punto di vista logistico per argomenti come i visti non sarebbe facile ma i giocatori sarebbero felicissimi di partecipare.

"Fare il padel divertente "

TC: “Sono un buon allenatore ma un pessimo giocatore. (ride)

Qui tutti vogliono giocare con me perché in pista mi diverto molto e faccio ridere i miei compagni di gioco, per me è molto importante mostrare ai russi che padel è uno sport divertente. Questo è uno dei miei obiettivi.

Quando giochi con me c'è sempre un buon umore ma quello che è al mio fianco finisce sempre per perdere” (ride).

"Abbiamo 500 giocatori regolari in Russia"

CT : “In Russia abbiamo solo 4 club a cui si dedicano solo padel. A questo vanno aggiunti una dozzina di club dedicati ad un altro sport ma che hanno almeno una pista.

Stimiamo il numero di giocatori regolari a 500, cioè che giocano almeno due o tre volte a settimana, e 3 quelli che prendono il loro pala una volta al mese. È ancora molto poco".

Alla fine di questa intervista Christian Tarruella ha voluto esprimere un ultimo messaggio sulle sanzioni che gli sportivi russi devono affrontare in seguito all'invasione dell'Ucraina da parte del loro esercito:

“Penso che sia una cattiva idea punire gli atleti russi privandoli delle competizioni internazionali. Sono molto più aperti di alcuni. Auguro dal profondo del mio cuore che tutto questo finisca il prima possibile e che il danno sia il più piccolo possibile. E dalla parte di padel che possiamo viaggiare di nuovo per competere all'estero.

Vorrei anche invitare i residenti stranieri a venire a visitare la Russia, ci sono posti magnifici in questo Paese e soprattutto a incontrare il popolo russo che, nonostante l'immagine che emanano, è molto più caloroso di quello che possiamo pensare".

Di seguito puoi trovare l'intervista completa in spagnolo.

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.