Tra le sfide che attendono Gilles Moretton, nuovo presidente della Federazione francese di tennis (e di padel), uno di questi è costituito da evitare la dispersione e la dispersione dei giocatori da padel tra più piccoli club.

In alcune regioni, infatti, molti tennis club hanno costruito uno o due campi da tennis. padel, oltre alla loro attività tennistica. Questa nuova offerta ha permesso di convertire alcuni licenziatari di questi club in padel e attira giocatori da padel da altrove. Ma uno o due brevi padel - soprattutto all'esterno - raramente permettono di federarsi una vera comunità di giocatori.

Ciò richiede più terra e anche strutture coperte, soprattutto nelle zone dove il clima è freddo e umido. Questi sono quindi soprattutto strutture private, la cui offerta è più vincente, che finora hanno permesso di formare comunità di giocatori e giocatori di padel, organizzando tornei o eventi.

Diffondono il virus padel

Se il numero di padel dovrebbe aumentare in Francia, come nel caso di Italiain Belgio o scamosciato, dovrebbe evitare una dispersione di campi che porta a un brulicare di giocatori. Anzi, il virus padel non potranno prosperare se i giocatori saranno confinati nel loro piccolo club, senza interazione con quelli di altre strutture!

A Padel Magazine, vediamo diverse strade per "deconfinare" i giocatori il più possibile e aumentare il "tasso di incidenza", al fine di diffondere il padel.

casa genval club belgio terreno panoramico interno
Foto: @IMAGELLAN di Philippe Buissin - Casa Genval - Belgio

Incoraggiare gli investimenti congiunti

Idealmente, per sviluppare il padel, dobbiamo giocare insieme. Pertanto, piuttosto che spingere ogni piccolo club di tennis a costruire il proprio piccolo campo da tennis, padel nel suo angolo, la FFT dovrà farlo incoraggiare i club a creare progetti collettivi. L'idea è che i club uniscano le loro risorse ed energie per creare un'offerta ambiziosa, con tre o più corti e, se possibile, stanze. In questo modo sarà possibile offrire attività, scuole di padel, concorsi, ecc.

Promuovere la creazione di accordi

Per i club che hanno già costruito uno o due campi da tennis padel, la FFT può ancora evitare la dispersione promuovendo la creazione di accordi tra i club padel dalla stessa area geografica. Come nelle stazioni sciistiche, l'idea è di offrire ai giocatori una "vasta area Invece di accontentarsi di più "piccole aree".

Se prendiamo l'esempio di tre club confinanti che operano in convenzione, i loro giocatori potrebbero scegliere di giocare o in tre club per un contributo di circa € 250 (area ampia), o in due club per € 200 (dominio medio), o in un solo club per 150 € (dominio piccolo) ...

Un software di prenotazione comune ai tre club consentirebbe di distribuire gli importi dei contributi tra i diversi club in proporzione alle ore giocate da ciascun giocatore in ciascuno dei tre club.

Biglietti per gli ospiti economici

Esistono altre strade per la FFT per garantire che i giocatori non siano divisi in compartimenti club per club ma in forma una grande comunità di appassionati. Uno di questi è spingere i club a includere un numero significativo di ore per gli ospiti nelle loro quote annuali e quindi ad addebitare prezzi molto bassi per i biglietti degli ospiti. Proporre tariffe molto interessanti per coppie, famiglie e giovani è un altro modo per sedurre intere famiglie, che potranno fiorire in questo sport estremamente unificante e conviviale.

Insomma, le idee non mancano e necessitano di essere realizzate nei mesi e negli anni a venire. L'arrivo di nuovo sangue alla FFT può contribuire anche a questo la creazione di una licenza specifica padel, che rischia di aumentare le risorse e quindi la possibilità di sovvenzionare uno sviluppo virtuoso di questa disciplina. Collabora con strutture private, che oggi sono il motore della crescita del padel, dovrà anche essere migliorato!

Credito fotografico principale: Corte 17

jérome arnoux journliaste

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.