Quando si pratica uno sport di squadra, l'importanza di andare d'accordo con i propri compagni di squadra è di fondamentale importanza in modo che il gioco possa essere il più fluido possibile, senza intoppi.

Nei giochi di racchetta accoppiati, la comprensione è ovviamente un criterio essenziale.

Non essere timido al centro

galan lebron chi deve giocare la palla

Non possiamo mai dirlo abbastanza, ma non appena iniziamo a farlo padel in competizione, ci rendiamo conto che non possiamo vincere senza una buona comunicazione. I tribunali di padel essendo più ristretto di quelli del tennis, lo spazio c'è meno e la tattica di mandare la palla al centro del campo seminare discordia o dubbio nella squadra avversaria è più che allettante.

Spesso può ripagare. Infatti, se gli avversari non sono abituati a giocare insieme e hanno un po 'di difficoltà a comunicare, allora non sapranno chi dovrebbe prendere quale palla. Le cose diventeranno più complicate per loro, con un'atmosfera che potrebbe rapidamente inasprire la partita tra i due giocatori.

Giocatori che si allenano insieme da tanto tempo, che hanno saputo farlo allenarsi per anticipare questo tipo di situazione, avrà saputo creare meccanismi automatici e legami forti per evitare questo tipo di inconvenienti, non dando agli avversari alcuna ruvidezza in modo che vi si aggrappassero.

Più alto è il livello, più il gioco al centro è importante in padele quindi bisogna saper in coppia sapere in anticipo chi deve giocare quale palla!

Posizionamento in campo

Un altro aspetto importante: il posizionamento sur le terrain.

È certo che anche qui il tempo trascorso con il tuo amico non può che essere utile per conoscerti meglio in campo. Se i due giocatori non sono in grado di coprirsi a vicenda e sanno quando cambiare posizione in pista, il gioco si complicherà rapidamente.... Anzi, se vanno entrambi nello stesso punto quando sono passati, gli avversari avranno spesso delle situazioni vantaggiose!

Al contrario, i partner che si conoscono a fondo saranno quasi sempre in grado di anticipare le reciproche reazioni, essere sincronizzati per formare un blocco compatto e voltarsi istintivamente quando sono passati.

Torna alle origini e comunica!

Lo avrete capito: niente sostituirà il buon senso, l'intelligenza del gioco e gli automatismi creati durante l'allenamento per non interferire con il padel.

Un solido "monolite" sarà in grado di farlo comunicare verbalmente e fisicamente, nel modo più naturale possibile, saprà alternare la fase di attacco e quella di difesa rimanendo uniti per insidiare il gioco dell'avversario!

Buona fortuna!

Sylvain Barnet

Sylvain Barnet, coltellino svizzero francese e appassionato di sport. Geek con una penna affilata, ama quando un piano va via senza intoppi. E sempre pronto per un gioco.