Il servizio è sempre oggetto di dibattito padel. Molto più facile per i giocatori rispetto al servizio del tennis – che richiede anni di pratica – l’impegno padel è in definitiva più problematico per gli arbitri, almeno a livello professionale. E anche se a volte può essere difficile giudicare i falli di piede, il vero problema è quanto in alto viene colpita la palla.

Una regola difficile da applicare

Le normative internazionali, infatti, prevedono che l'impatto tra la racchetta e la palla debba essere sotto il livello della vita. Su carta, la regola non è davvero complicata, ma in realtà è molto meno semplice di quanto sembri.

Infatti, con l'abbigliamento, la velocità, l'illuminazione a volte sfavorevole, la distanza tra la sedia e il campo... non è mai facile per l'arbitro vedere se la palla è stata colpita sotto la vita del battitore oppure no. Soprattutto perché i giocatori, che vogliono complicare il più possibile le risposte degli avversari, cercano di colpire la palla il più in alto possibile, anche se a volte questo significa esagerare un po'...

Cosa fare per evitare problemi?

Negli ultimi anni ci sono state molte polemiche riguardo al servizio, con tempo perso per vedere l'azione in video, errori arbitrali, irritazioni dei giocatori, ecc.

Al momento non sembra esserci una soluzione miracolosa, ma alcune idee stanno comunque emergendo.

Una di queste sarebbe quella di passare ad un servizio unico. Invece delle due palle di servizio che i giocatori hanno attualmente, passeremmo a una sola. Un fallo di piede o un servizio troppo alto ed è un punto perso direttamente. Abbastanza forse per scoraggiare un po' chi tende a voler giocare con le regole sulla prima di servizio... Inoltre questo renderebbe il gioco un po' più fluido, anche i falli sulla prima palla sono ovviamente molto meno frequenti nella prima di servizio . padel che nel tennis.

Un'altra possibilità, non incompatibile con la prima, sarebbe quella di disporre di uno strumento tecnologico che permetta di sapere esattamente quando il servizio è buono e quando è cattivo. Un po' come il sensore let utilizzato nel tennis, immaginando un segnale acustico che viene emesso quando il battitore colpisce la palla troppo in alto. Tuttavia, a causa della tecnologia necessaria, è difficile sapere se una soluzione come questa sia davvero possibile a breve termine. Abbiamo anche visto negli ultimi mesi che il sistema Foxtenn non è ancora del tutto pronto…

In attesa di un futuro in cui sarà certamente possibile giudicare tutto in una frazione di secondo con precisione grazie alla tecnologia, ci chiediamo cosa potranno fare le autorità che regolano il nostro sport per ridurre le situazioni problematiche al servizio. Idee?

Xan è un fan di padel. Ma anche il rugby! E i suoi post sono altrettanto incisivi. Preparatore fisico di diversi padel, scopre post atipici o tratta argomenti di attualità. Ti dà anche alcuni suggerimenti per sviluppare il tuo fisico per il padel. Chiaramente, impone il suo stile offensivo come sul campo di padel !