È incontrando persone di un paese che conosci il tuo padel. Abbiamo avuto l'opportunità di conoscere un imprenditore di padel tedesco, Fran González, creatore di Padel Analytics e allenatore nazionale.

Padel Magazine : Padel in Germania esiste da quando?

Fran González: La prima pista fu costruita nel 2003 e rimase l'unica fino al 2010, anno della creazione della Federazione Padel tedesca. È stata poi la grande partenza del padel nel mio paese con circa 3 brani all'anno, quindi nel 2016-17, circa 10 nuovi club all'anno. Oggi ci sono 39 club con più di 60 brani.

PM: E i giocatori?

FG: Non esiste ancora una licenza giocatore reale. Abbiamo solo l'elenco dei giocatori che partecipano ai diversi tornei. Dal 2002, ci sono stati circa 1 giocatori che hanno partecipato a tornei e un totale di circa 000 in padel per il tempo libero.

I giocatori che partecipano ai tornei possono staccare i giocatori “d'élite” che sono selezionati per la squadra nazionale. Ciò che è interessante è che abbiamo diverse selezioni per uomini, donne, ma anche anziani. Gli anziani sono presenti in massa in Germania perché nelle ultime competizioni a squadre abbiamo registrato 47 partecipanti. Dei 16 paesi che hanno partecipato, che ci mette dietro la Spagna per numero di giocatori, è incoraggiante!

Le nostre attuali preoccupazioni sono i giovani. Stiamo provando a lanciare la cosa, abbiamo pochi giocatori, ma è difficile unirli in un posto particolare per lanciare le competizioni. Ci stiamo lavorando e spero che molto presto vedremo giovani squadre tedesche in eventi internazionali.

PM: Negli ultimi mesi abbiamo sentito che diversi paesi hanno unito la federazione tennis con quella del padel. È così anche in Germania?

FG: Per niente. Al momento abbiamo 2 federazioni padel. Abbiamo creato il DPV (Deutscher Padel Verband) nel 2010, che unisce FIP e EPA, quindi esiste un'altra organizzazione, creata nel 2011 che lancia diversi circuiti. Personalmente non credo sia bene separare le forze, specialmente in un piccolo paese come il nostro. Alcuni giocatori si uniscono a una federazione, altri a un'altra, e i giocatori che si uniscono a entrambi fanno parte della minoranza. Dobbiamo andare avanti su questo argomento e che i club e i giocatori non devono preoccuparsi di questi "problemi" della federazione.

Vorremmo lanciarci come una "Bundesliga" che porterebbe a una Champions League, come in calcio, club e giocatori potrebbero muoversi, incontrare gli appassionati dello stesso sport e quindi migliorare.

PM: Come va con le selezioni nazionali?

Sul lato femminile, abbiamo giocatori che hanno poca esperienza sul circuito, che scoprono la competizione. È difficile per loro, ma sono i pionieri del padel in Germania, ed è positivo per le generazioni future.

Per quanto riguarda gli uomini, abbiamo grandi squadre in grado di appendere set da coppie più forti. Dobbiamo essere lucidi, attualmente siamo una nazione B che gioca il suo posto nella seconda divisione, dietro le squadre A che sono in Europa, Spagna, Portogallo, Italia, Francia e Regno Unito.

PM: Come si diffonde il padel in Germania?

FG: So che la gente legge Padel Magazine. Quindi molte cose vengono fatte localmente, attraverso la stampa o i social media. Quindi sono il creatore di Padel Analytics e i giocatori tedeschi sono interessati a questo sito che contiene tutti i loro tornei statistici, i risultati e altri dal 2012, anno di creazione. Ogni anno, ogni torneo, ogni giocatore, oggi il database inizia a riempirsi. Diciamo quindi che Padel Analytics viene utilizzato per promuovere il padel, con il supporto di Padel Magazine.

PM: A proposito di tornei, ci sono tornei internazionali in competizione in Germania?

FG: Sì, stiamo cercando di creare tornei internazionali, in particolare tramite la FIP. La preoccupazione è che i tornei aumentati siano costosi da organizzare. Quindi abbiamo dovuto annullare alcuni tornei per mancanza di partecipanti. I problemi che stiamo attualmente affrontando sono preoccupazioni finanziarie perché i giocatori chiaramente non hanno i mezzi per finanziare i viaggi per i vari tornei, gli sponsor non "ancora" aiutano questo giovane sport in Germania. Un'altra preoccupazione è la paura dei giocatori di iscriversi ai tornei internazionali. Poiché i giocatori stranieri arrivano e hanno un buon livello, i tedeschi temono di essere spazzati nel primo turno, quindi non si registrano.

A poco a poco ci arriveremo.

PM: Come vedi il futuro del padel in Germania?

FG: Il mondo del padel professionale è molto piccolo. Tutti si conoscono. Venendo a eventi internazionali come i campionati europei, i campionati del mondo, i giocatori sono desiderosi e imparano dai grandi mentre rimuovono le loro paure. Ne parlano con i loro amici, familiari, soci del club e vediamo più richieste da parte dei giocatori di partecipare e far parte della selezione.

Questo è positivo, e penso che tra poco, con l'aiuto degli anziani, poi dei giocatori adulti, avremo una selezione giovane, ed è da lì che il boom verrà creato in Germania.

PM: Grazie Fran

Julien Bondia

Julien Bondia è un'insegnante di paddle a Tenerife. È il fondatore di AvantagePadel.net, un software molto popolare tra i club e i giocatori di paddle. Editorialista e consulente, ti aiuta a giocare meglio attraverso i suoi numerosi tutorial padel.