Palais des Sports André Brouat, venerdì 11:45 a Tolosa : Gemma Triay, numero 1 del mondo, tenta un colpo vincente, ma al contrario Mapi Alayeto riesce a sfiorare la palla con il bordo della sua racchetta. Un gesto che permette alla sorella gemella di ottenere a sua volta un potente smash, che colpisce però Salazar nel finale alzando un ''ooooohhhh'' dal pubblico e arrivando a concludere uno scambio spettacolare. Il madridista può tenere traccia dell'impatto, ma è anche il padel, sapendo trovare il modo più efficace per segnare un punto, anche se questo significa cercare il corpo del tuo avversario!

Avvenuto dopo 2:15 di gioco, durante i quarti di finale tra due delle migliori coppie del mondo, questo potente punto è anche meno frequente tra le donne che tra gli uomini.

Questo illustra la differenza negli stili di gioco tra ragazzi e ragazze, al livello migliore, che si riflette anche quando guardiamo ai tempi di gioco. , o anche 2 ore (*) gli scontri tra gentiluomini raramente superano le 30 ore.

Con queste persone parliamo...

Di chi è la colpa ? In primo luogo alla potenza d'urto degli uomini, i cui sfondamenti possono colpire il finestrino dell'avversario e risalire così in alto da risultare indifendibili (soprattutto quelli con effetto topspin); altri colpi spesso escono fuori pista, sia sopra la recinzione di 4 metri (par 4) che sopra la recinzione di 3 metri (par 3). In quest'ultimo caso è possibile difendere uscendo dal campo.

Un'altra differenza tra uomini e donne: la comunicazione sul campo. Relativamente limitate per i ragazzi, le indicazioni che i giocatori si danno riguardano principalmente la posizione degli avversari in pista (molto utile per chi ha le spalle a rete) e chi giocherà il pallone ("tuo" o "mio") , così come le ingiunzioni imperative quando è troppo lungo ("lascia" o "esce"). 

Oltre a queste indicazioni, ce ne sono molte altre per ragazze, come dove giocare, dove stare e che tipo di tiro tecnico privilegiare (power smash, low strike, lob, ecc.). Ovviamente, tutto dipende dai giocatori, con alcuni che si scambiano di più quando altri si capiscono intuitivamente, costringendoli a giocare insieme.

Le sorelle gemelle Mapi e Majo Alayeto.

Strategia da una parte, brutalità dall'altra

Ma nel complesso si parla molto di più delle donne, perché i punti durano di più e il ritmo è più lento. Tra gli uomini, il gioco a volte va così veloce che l'indicazione arriva alle orecchie del vicino quando il punto è già finito.

Come risultato di tutto questo: padel il femminile è più uno sport di strategia, una specie di gioco di scacchi di squadra; e il padel il maschile è spesso più brutale, tecnicamente più virtuoso (ad esempio, i par 3 e i par 4 eseguiti al contrario sono frequenti) e spettacolare.

Ad ogni modo, è uno sport da combattimento impressionante, in cui signore e signori fanno il miglior uso della loro potenza fisica, resistenza e armi all'interno di una struttura stretta di 20 x 10 metri.
(*) Triay e Salazar hanno vinto contro le sorelle Alayeto dopo 3h13 di combattimenti, qualificandosi alle semifinali.

Più grande, più forte, più alto

Senza contraddire quanto sopra, va notato che questi risultati cambiano nel tempo, perché il padel è cambiato enormemente negli ultimi anni. il padel la vecchia maniera era molto strategica, con una distribuzione un po' stereotipata di ruoli e posizionamenti, giocatori molto veloci e spesso piccoli a destra del campo, altri più potenti e ariosi a sinistra.

Juan Tello, uno dei giocatori più potenti e ariosi del circuito.

Le padel del futuro pratica una distribuzione dei ruoli meno rigida, dove i ruoli sono talvolta addirittura invertiti tra “destri” e “mancini”. Soprattutto, aumentano enormemente le dimensioni e le capacità atletiche dei protagonisti. È il caso di giocatori come il numero 1 del mondo Juan Lebron e Ale Galan, ma anche Agustin Tapia, Juan Tello o Arturo Coello. Tutti sono in grado di sferrare colpi vincenti da ogni angolo del campo, cosa molto più rara in passato (anche l'evoluzione di racchette, superfici e palline ha la sua influenza).

Le padel anche la femmina sta vivendo questo sviluppo, più lentamente. Ma un giorno potremmo vedere, come nel tennis, giocatori di 1,85 m o più in grado di lanciare missili supersonici!

Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.