Alors che Premier Padel è stato realizzato soprattutto grazie al sostegno dei giocatori professionisti – e in particolare quello dei top 10 mondiali – che non volevano più continuare con il World Padel Tour, da diverse settimane, osserviamo un’inversione di tendenza quasi inaspettata della situazione.

Alcuni giocatori cominciano ad infastidirsi dietro le quinte del nuovo circuito professionistico.

Un’adesione “troppo rapida”. Premier Padel ?

Questi giocatori professionisti, tra cui una buona parte di lingua spagnola e che fanno parte dei primi 150 del mondo, ritengono che “forse siamo stati troppo rapidi nella scelta di optare per Premier Padel".

Un interrogativo sorprendente quando sappiamo fino a che punto il funzionamento del World Padel Tour ha infastidito un buon numero di loro per molti anni.

World Padel Tour Premier Padel Fusion 2024

A sottolinearlo alcuni giocatori sono anche gli organizzatori del torneo, che sono “meno seguiti rispetto al momento e hanno troppi campi da rispettare”. Una critica che punta quindi al circuito Premier Padel in sé ma anche alcuni promotori che secondo loro “non rispettano i loro impegni”.

La P1 del Cile “illustra il problema riscontrato”

E l'inizio della trasferta cilena, rinviata a oggi per problemi in campo, non allenterà certo le tensioni: “abbiamo problemi in pista, problemi operativi e una disorganizzazione che non mette in buone condizioni i giocatori che a volte pagano un sacco di soldi per venire lì.

“Abbiamo l'impressione di rivisitare alcune scene dell'epoca World Padel Tour : puntiamo tutto sui migliori giocatori del mondo, li coccoliamo, facciamo tutto per loro, e quello che succede dietro di loro, lo trascuriamo.

“Il problema è che alla fine il circuito deve molto ai migliori giocatori del mondo. Senza il supporto dei primi 10, Premier Padel non sarebbe esistito. Tuttavia, erano già privilegiati sul World Padel Tour. Il cambiamento è stato anche e soprattutto per i giocatori che stanno dietro, ma abbiamo l'impressione che ci abbiano mentito poco e alla fine chi aveva già tanto, ha anche di più".

"Ci è stato rubato questo resto"

Parole molto forti, pronunciate da giocatori che hanno vissuto il prima, la transizione e l'attuale circuito professionistico. “È possibile che nei prossimi mesi emerga un nuovo collettivo di giocatori professionisti situati oltre il 30° posto nel mondo. In ogni caso è al passo con i tempi”.

“Questo collettivo riunirebbe principalmente giocatori di lingua spagnola. Ovviamente l'idea non è quella di far credere che esistano due tipologie di giocatori professionisti, ma è importante notare che è molto più difficile per i giocatori di lingua spagnola trovare un posto in questo circuito. E in un certo senso lo capiamo: i marchi e il circuito puntano sull'internazionalizzazione del padel. I secondi coltelli argentini o spagnoli vengono lasciati sul quadrato. E il cambiamento è in realtà molto costoso per tutti quei giocatori di livello inferiore che giocavano tornei in Spagna”.

“Uno spagnolo non è trattato come un italiano”

“L'idea non è quella di opporsi ma solo di constatare che uno spagnolo e un italiano, ad esempio, non sono trattati allo stesso modo. Questo è il motivo per cui le aspettative potrebbero non essere simili tra questi due profili di giocatori”.

“Un giocatore spagnolo nella top 100 mondiale può faticare ed essere costretto a lavorare di riserva per provare a continuare l’avventura del circuito professionistico”.

“Un giocatore che non è né spagnolo né argentino e che fa parte dei primi 300 giocatori del mondo se la cava perfettamente e riesce a guadagnarsi da vivere grazie agli sponsor del suo paese d'origine. E ancora una volta lo capiamo, e tanto meglio. Dato che in cima alla classifica mondiale ci sono quasi solo spagnoli e argentini, la seconda fascia di queste nazionalità viene messa da parte”.

trofeo maggiore del Qatar 2024

I giocatori non usano mezzi termini riguardo al ruolo della FIP nell'amministrazione della padel professionista: “Non abbiamo nulla contro la FIP, ma senza essere offensivo, questa federazione ne è il burattino Premier Padel e QSI. Tutti sanno che la FIP ha cambiato direzione perché l'erba era più verde altrove, soprattutto per loro. Se si fosse preoccupata prima dei giocatori, non avrebbe aspettato che QSI apportasse modifiche. Se Premier Padel reagisce, la FIP seguirà”.

Sta diventando sempre più forte nel circuito professionale. Le richieste si moltiplicano:

  1. L'organizzazione dei tornei padel viene sempre più individuato.
  2. La differenza di trattamento tra giocatori di lingua spagnola e giocatori provenienti da paesi in via di sviluppo è sempre più avvertita.

Per il momento queste rivendicazioni restano dietro le quinte e, a nostro avviso, embrionali, ma vediamo chiaramente che dietro lo scintillio si cela un brontolio di cui Premier Padel bisogna assolutamente prendersene cura prima che la cosa vada oltre.

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.