Stanze, buone piazzole, insegnanti, amici, un tetto apribile... ecco il tuo club ideale

Non tutti hanno la possibilità di giocare padel in un luogo paradisiaco come il Padel circolo della penisola (nella foto sopra). Situato nella straordinaria cornice delle insenature di Cassis, è considerato uno dei più belli di Francia.

In il nostro recente sondaggio sul club ideale, il criterio dell'ambientazione paradisiaca non era tuttavia prioritario. È vero che le nostre domande si sono concentrate maggiormente su dati oggettivi, e in particolare sul prezzo orario di gioco e abbonamenti.

Per gli oltre 120 lettori che ci hanno risposto, i tre ingredienti principali del locale ideale sono il prezzo, l'esistenza di piste coperte o semicoperte e la qualità dei campi. Questi tre criteri sono stati posizionati al primo posto rispettivamente dal 25,6%, 24,8% e 22,3% degli intervistati.

Ma al di là dei numeri, vi abbiamo chiesto di descrivere il club dei vostri sogni, quello che avrebbe tutto per accontentare. Le vostre “lettere a Babbo Natale” sono andate oltre le nostre aspettative… Alcuni di voi sono stati realistici, descrivendo un club ideale vicino a quello in cui giocate, con qualche miglioria. Altri hanno sognato ad occhi aperti, immaginando un club che spuntasse tutte le scatole per un prezzo irrisorio, anche con un "tetto apribile" come sul centro del Roland-Garros. Avevano perfettamente ragione perché è permesso sognare ed è anche così padel di domani scoppierà il soffitto!

“800 € all'anno, rimane ragionevole”

Ecco, classificati per tema, i sogni, a volte i più ragionevoli, a volte i più folli, che hai formulato:

Il prezzo.- “2 € per terra nuova di zecca”: uno dei nostri intervistati crede a Babbo Natale, ma a quanto pare è l'unico. Fatta questa eccezione, i più ottimisti tra voi sognano un'ora di gioco a 5€, tariffa che si trova solo nei circoli associativi o nelle ore non di punta in alcuni circoli privati. Sérgio, originario del Portogallo, giudica che i prezzi “ragionevoli” siano compresi tra “tra 3,5 e 5€ a persona nelle ore non di punta, e tra 7,5 e 10€ nelle ore di punta”. Mentre alcuni giocatori sono disposti a pagare € 10 per ora di gioco (o € 40 per quattro giocatori), molti vogliono poter giocare per 1 ora e 30 minuti a questa tariffa.

Quanto agli abbonamenti, Fabio, giocatore delle Alpi Marittime, ha nostalgia delle due piste di Châteauneuf-Grasse (leggi sotto), dove bastavano 135 euro per giocare sei mesi; ma questo club è chiuso per un'importante ristrutturazione, si rammarica. Diversi giocatori pensano che un contributo tra 200 e 250 € all'anno sarebbe l'ideale, senza limitazione di gioco.

Ma i prezzi annuali tra i 300 ei 500 € (con tariffa ridotta per i giovani) non fanno paura, soprattutto se i servizi sono all'altezza. Abituato a giocare per 80€/anno in Gisors, il Normand Bernard è pronto a salire fino a 100€! All'estremo opposto, Delphine, di Bois-Colombe, raccomanda “un contributo annuo non superiore a 700 euro”. E dalla parte del confine svizzero, Romain cita come modello il circolo Pratteln, alla periferia di Basilea: «L'abbonamento annuale è di 800 euro: costa più di un circolo associativo ma è comunque ragionevole per i servizi».

La maggior parte dei giocatori preferisce i campi senza sabbia esposta

I campi.- Se i giocatori di padel sono abituati e disposti a spendere di più dei tennisti, sono esigenti sulla qualità dei campi. Più del 10% di coloro che hanno risposto spontaneamente richiedono terreni senza sabbia apparente o con sabbia ben spazzata, che non forma cumuli. Anche “una buona altezza sotto il soffitto” fa parte delle aspettative più volte espresse, così come “spazi sufficienti ai lati per uscire”.

Victor, un tolosanese che ringraziamo per le sue dettagliate risposte, gli augura “manutenzione regolare del terreno, con pulizia quotidiana delle finestre, controllo settimanale della tensione della rete, pulizia almeno settimanale dell'intorno del terreno”.

Finestre pulite, ecco un requisito che si presenta regolarmente, così come un'illuminazione di qualità, che non accechi. Sempre in tema di luminosità, molti di voi mettono in guardia contro le finestre interne che interferiscono con la pratica: in tal caso, i giocatori vogliono poter nascondere la fonte di luce.

Interno, esterno o entrambi?

Coperto, per favore.- La parola "coperto" è quella che compare più spesso nelle tue risposte. “Le piste devono essere coperte e ben mantenute con una buona altezza del soffitto”, dice ad esempio Julien, di Angoulême. La tua preoccupazione è ovviamente quella di essere al riparo dalla pioggia, ma anche dal freddo (leggi sotto) e dal vento: “I campi coperti sono fondamentali in regioni ventose come la mia”, dice Slimane, che gioca nel Narbonne. A lui si unisce un alsaziano, Johan, che preferisce giocare al chiuso perché "il livello di gioco non si sposa bene con il tempo, l'ondata di caldo, il sole negli occhi, i terreni bagnati o umidi, il vento e la luce". . Altro desiderio degli appassionati dell'indoor: altezza sufficiente (“minimo 8 metri”, sostiene Bertrand, di Tolosa) e senza ostacoli come cavi o travi.

Ma un'altra parola compare quasi con la stessa frequenza di "coperto" nei tuoi desideri: la parola "esterno(i)". Questa è la prova che a molti tifosi piace giocare al sole, anche se questo significa fare i conti con una leggera brezza.

Quindi, indoor, outdoor o entrambi? La Strasbourgeoise Nathalie, che è una delle nostre lettrici più affezionate, mette tutti d'accordo nel volere “piste con tetto retrattile per giocare al coperto d'inverno e all'aperto d'estate”, il tutto a “10€ per 1h30, con tappeto senza sabbia”. Avviso agli investitori...

Temperatura.- I nostri giocatori sono esigenti e pensano a tutto, compreso il comfort termico. Diversi intervistati vogliono giocare in una struttura isolata o riscaldata in inverno. Due di voi hanno chiesto “stanze climatizzate per l'estate e il gran caldo”. Un altro chiede “una temperatura ambiente intorno ai 18 gradi”.

Impedisci ai tornei di bloccare tutte le tracce

Tornei e intrattenimento.- Un intervistato su nove ci parla di tornei e uno su dodici chiede eventi. Victor, sempre molto preciso, raccomanda “la regolare organizzazione di tornei ufficiali con partnership in modo da premiare come minimo il podio di ogni torneo”; lo stesso Victor propugna “tornei ricreativi non omologati dedicati a praticanti più occasionali o non agonistici”.

Al di là dei tornei, molti di voi sono affezionati all'atmosfera e rivendicano uno “spirito di club con insegnanti, numerosi tornei, animazione e bar” o addirittura “un club con un'atmosfera familiare, animazione, tornei e gestori simpatici”. Sono auspicabili anche “serate a tema con i pasti e un'atmosfera amichevole, anche familiare”.

Attenzione però, bisogna “evitare di bloccare tutti i campi ogni due fine settimana per i tornei, anche se sono molto redditizi per i club”, avverte Fred, originario della Provenza.

La formazione è importante, soprattutto per i giovani

Insegnamento.- Quindici dei nostri intervistati, ovvero uno su otto, ritengono che il club ideale dovrebbe avere uno o più insegnanti nella sua offerta. È tanto e poco. Coloro che considerano importante l'allenamento richiedono sia lezioni individuali che di gruppo, sia per principianti, giocatori intermedi o concorrenti esperti. Questo insegnante deve essere “appassionato e vivace”, dice Gil, che interpreta Paca. Nicolas, di Béziers, vuole “professionisti disponibili e coinvolti, che realizzino animazioni per gruppi di livelli in modo da non dover perdere tempo per organizzare le parti”.

Molti di voi vorrebbero lezioni di gruppo per livello, tutto l'anno, "come in tutti gli altri sport": c'è un senso di mancanza lì... Infine, le lezioni per i giovani - che mancano anche loro - sono importanti agli occhi del nostro panel membri; con “prezzi più convenienti” rispetto agli adulti! Ciò che Yann (Nizza) traduce così: “Dobbiamo rendere l'offerta attraente per i bambini, perché oggi le mazze non fanno la differenza e pochi genitori riescono a mettere a giocare 1000 euro a bambino padel, rispetto a tutti gli sport disponibili a un prezzo inferiore”.

Prossimità.- Sappiamo che, per impostazione predefinita, molti giocatori non esitano ad andare lontano da casa per giocare. Per questo alcuni sottolineano la necessità di essere vicini al locale ideale: 15-20 minuti massimo di viaggio, questo è l'augurio che si presenta più spesso. Perché non ha senso avere prezzi accessibili se il costo del viaggio fa esplodere il conto...

“L'atmosfera è fondamentale”

Atmosfera e cordialità.- Questo tocca un fattore chiave per il successo del padel : chi dice intrattenimento dice atmosfera – preferibilmente familiare e amichevole – e convivialità intorno a un drink o anche a un pasto. Questa convivialità riguarda sia i luoghi, che devono essere accoglienti, sia il personale del locale, quando ci sono dipendenti. Uno “spazio TV” è un plus, agli occhi di molti di voi. “L'atmosfera è essenziale, così come l'intrattenimento”, dice Slimane (Narbonne), mentre Julien (Bordeaux) pensa che “un club ricreativo sarebbe l'ideale per prolungare le serate”.

Alcuni bramano uno “spirito padel”: un modo per rifiutare la convivenza con altri sport nello stesso spazio?

I giocatori apprezzano un posto caldo prima e dopo la partita

Associazione o privato? Questa domanda raramente viene affrontata spontaneamente. Alcuni intervistati affermano di apprezzare il loro club privato, ma lo criticano per la mancanza di convivialità. Altri privilegiano i servizi (manutenzione ordinaria, area fitness, spa, ristorante, ecc.) che pochi club che operano sul modello volontario sono in grado di offrire. Secondo Fabien, “il prezzo delle strutture private è giustificato in considerazione dei servizi ma limita lo sport a un'élite: piuttosto uomini, csp+, nelle grandi città. L'associazione permetterebbe di avere un rapporto qualità/prezzo molto migliore nelle città di medie dimensioni”.

Trovare terra, a volte un mal di testa

Disponibilità e partner.- Riunire quattro giocatori a volte è complicato, è pur sempre necessario trovare un terreno di gioco... Il club ideale deve quindi riunire insieme "tanti giocatori" per variare i partner e campi sufficienti per non "dovere riservare due o tre settimane all'anticipo". In termini di durata, la maggior parte di voi si accontenta di slot di 1h30, ma i più duraturi sono frustrati se non giocano due ore o più. Anche Jean-Claude, abbonato a Tolosain a un club privato per 59€/mese, è un po' frustrato: “Per il prezzo che pago, mi sarebbe piaciuto poter prenotare in qualsiasi momento. Lì non posso prenotare tra le 12:13 e le 30:18 e tra le 21:XNUMX e le XNUMX:XNUMX nei giorni feriali”.

Una dozzina di giocatori hanno espresso il desiderio che il club offra un'applicazione o un gruppo di comunicazione che consenta entrambe le prenotazioni senza difficoltà e faciliti la connessione dei partner. Romain, di Saint-Louis, ad esempio, apprezza un club svizzero in cui un'app offre "la possibilità di aggiungere partite esistenti con livelli di giocatori visibili e in evoluzione e la possibilità di giocare senza limiti".

Un negozio.- La presenza di un negozio nel locale non è una priorità ai tuoi occhi, ma è un plus che alcuni citano. È il caso del nostro tolosaino preferito, Victor, che cita “uno spazio boutique padel con attrezzatura varia (racchette, maglietta, pantaloncini, scarpe, ecc.) e materiali di consumo bilanciati per la pratica sportiva”.

Il futuro club di Châteauneuf Grasse Crédit Sas architettura Bernard Fauroux Valbonne

I club quasi perfetti.- Il club Cassis con cui abbiamo iniziato questo articolo non è citato come riferimento, ma molti di voi nominano un luogo che corrisponde pienamente o quasi alle loro aspettative. Questo è il caso diArenal Grimbergen, in Belgio, che Kim descrive come "il club perfetto per me in termini di infrastrutture, ma non abbastanza amichevole". In Francia siamo citati Mas a Perpignan, un must, o il Circolo Vignale, a Châteauneuf-Grasse (06), attualmente in costruzione ma il cui progetto ha qualcosa da sedurre (vedi l'immagine sopra). Nella categoria dei piccoli club associativi, Damien è un fan del club di Germigna (2 piste in ambiente verde) ma immaginatelo con “un terreno coperto in più”.

Infine, nella Svizzera tedesca, a volte veniamo citati Prattelna volte Padelbaregg. Quest'ultimo è acclamato da Mark, che ammette di suonare tre o quattro volte alla settimana in vari posti e di dedicare 3600 euro all'anno alla prenotazione dei campi. Un record nel nostro sondaggio: ma quando si ama si contano solo... i punti!

Per trovare i nostri sondaggi precedenti su palloni, racchette ruvide, campi con o senza sabbia, Succede qui.

Pubblicato da
Jerome Arnoux