Presente in tribuna Greenweez, Arnaud Di Pasquale (direttore della padel alla FFT) e Romain Roy (CEO e fondatore di Greenweez) sono intervenuti al microfono di Padel Magazine. In programma: la collaborazione tra FFT e Greenweez, l'importanza della sensibilità all'eco-responsabilità e al cibo nello sport e infine il futuro della loro partnership.

Una collaborazione sul Greenweez Paris Premier Padel Major…ma non solo

Padel Magazine : Come è nata questa collaborazione tra Greenweez e la FFT?

Romain Roy "Siamo sempre stati fan di padel. Troviamo che il padel ha valori in comune con quelli di Greenweez poiché abbiamo sempre cercato di lavorare per l'accessibilità di prodotti biologici ed eco-responsabili. in ogni caso, il padel è uno sport accessibile per definizione.

Poi abbiamo valori intorno alle persone e convivialità, divertimento e si scopre che questi sono valori che sono comuni con il padel.

È successo in modo del tutto naturale, ci suono molto padel. Sono un grande fan di questo sport, anche se gioco molto male. È stato naturale che ci siamo incontrati con la federazione attorno a questo progetto e attorno al padel."

greenweez paris premier padel major Trofeo Roland Garros 2022

Arnaud Di Pasquale “È una questione di valori. Si parla di accessibilità, di sport per tutti, si parla anche di educazione dietro.

C'è la Greenweez Paris Premier Padel Major, e c'è anche tutta la parte federale su cui anche noi vogliamo lavorare insieme. Non ci fermiamo a un solo evento con questa cornice sontuosa: lavoreremo ben oltre sui team francesi, sui giovani, sulla formazione e molto più sullo sviluppo globale.

Di Pasquale: “Trasmettere questa sensibilità eco-responsabile alle nuove generazioni”

Padel Magazine : Nella tua carriera, sei mai stato aiutato dai prodotti biologici, in particolare forniti da Greenweez?

Arnaud : “A dire il vero, penso che nella mia carriera di circa vent'anni fa eravamo meno sensibili e meno consapevoli di questa causa.

E se devo parlare di un'evoluzione dalla mia parte, è davvero da quando ho figli. Ho la sensazione di dover stare attento per loro, c'è questa parte eco-responsabile che cerchiamo di trasmettere loro. È una vera questione di educazione, è rispetto per il pianeta e tutto ciò che ne consegue.

Passa attraverso una buona dieta, attraverso cortocircuiti. È abbastanza fresco, è abbastanza recente e penso che debba essere martellato perché deve entrare! »

Padel Magazine : Ci sono giocatori da padel a chi preferirebbe giocare grazie Prodotti Greenweez, cosa consiglieresti loro? Quali prodotti potrebbero consentire loro di vincere migliaia di posti?

romano : “Purtroppo non sono sicuro che esistano prodotti in grado di salvare migliaia di posti, altrimenti non ti nascondo che li consumerei tutti i giorni (ride).

Un'alimentazione sana non è solo per i giocatori padel, è per tutti !

Arnaud l'ha detto molto bene, spesso notiamo che le persone iniziano a essere consapevoli di questi problemi quando hanno figli. Dobbiamo ancora preoccuparci di cosa diamo loro da mangiare e poi dello stato in cui trasmetteremo loro il mondo in cui viviamo oggi. »

“Sono stati i nostri clienti a suggerire di vendere prodotti biologici online”

Padel Magazine : Sei il fondatore di Greenweez, come ti è venuta l'idea di lanciare l'azienda in un momento in cui c'era meno sensibilità al biologico, all'eco-responsabilità?

romano : “All'inizio, quando abbiamo lanciato il sito, non vendevamo cibo, vendevamo principalmente prodotti ecologici. Poi sono stati i nostri clienti a suggerirci di iniziare a vendere prodotti biologici, perché all'epoca non potevamo acquistarli online. Abbiamo ascoltato i nostri clienti e alla fine la chiave del successo è stata ascoltare le persone che hanno acquistato da noi. »

Padel Magazine : È una relazione a lungo termine con Greenweez?

Arnaud : "Spero ! In ogni caso, siamo partiti bene. L'idea è quella di essere parte a lungo termine, oggi non andiamo in questo tipo di avventure per un "colpo unico". Siamo su dimensioni molto più globali, vogliamo il federale, vogliamo scambiare il più possibile. Abbiamo molto da imparare da loro. Il mondo dello sport ha molto da imparare e da tramandare. »

Padel Magazine : Questa dieta può fare la differenza? Quando vediamo che i giocatori a volte stanno in piedi in alcuni punti, la piccola spinta, potrebbe essere quella.

romano : “Sì, per esempio, un giocatore come Belasteguin che rimane oggi ad una certa età [NdR: 43 anni], è tipicamente una persona che segue una dieta esemplare. Fa attenzione a tutto ciò che mangia, a tutto ciò che consuma e questa è la prova che è importante.

Se prendo l'esempio di noti tennisti che non hanno più 20 anni, hanno tutti in comune il fatto di avere una dieta molto rigorosa e quindi di stare attenti a ciò che mangiano. »

Arnaud : "E' esattamente questo. Romain prende l'esempio di Belasteguin che ha 43 anni, ma in molti sport vediamo che possiamo giocare sempre più a lungo. È anche grazie a tutti questi elementi.

È perché siamo molto meglio in molti modi, dal punto di vista medico, nel recupero, ma il recupero è anche cibo. Tutto è millimetrico e al livello più alto è lì che viene riprodotto. »

Padel Magazine : Quando saranno prodotti Greenweez del tipo Bandeja Greenweez, Vibora Greenweez?

romano : “In effetti, ci stiamo sviluppando in molte categorie, da due anni siamo diventati un marketplace, quindi vendiamo anche molte categorie non alimentari.

Lo sport è ovviamente un argomento che ci interessa. Investiamo molto in sport e partnership sportive. Abbiamo iniziato con l'alimentazione sportiva, vendiamo già molti prodotti in questa categoria. E stiamo studiando con un certo numero di produttori di attrezzature come aggiungere prodotti eco-progettati o comunque con una dimensione eco-responsabile attorno agli sport che ci interessano, tra cui padel.

Abbiamo avviato discussioni con Wilson, ma continueremo con altri marchi. »

Padel Magazine : Hai parlato di sport, ovviamente stiamo parlando padel ecco ma puoi darci gli altri sport che ti interessano?

romano : “La nostra sede è ad Annecy, quindi siamo molto coinvolti negli sport di montagna, biathlon, sci di fondo, sci alpino, di cui siamo partner della federazione francese. Partecipiamo anche alla vela con una barca che fa la Route du Rhum e la Transat' Jacques Vabre.

Non ci rifiutiamo di guardare altri sport.

Il punto essenziale per noi è l'essere umano e i valori, ci deve essere un "adattamento" umano e che ci ritroviamo nei valori difesi dallo sport, il che è completamente il caso del padel.

Colgo l'occasione per sottolineare l'eccezionale lavoro della federazione, perché è un evento che si è svolto in pochi mesi. E quando vedi il risultato assolutamente magnifico, il centro è magico! Un grande complimento alle squadre della federazione che hanno svolto un lavoro incredibile nell'arco di tre mesi.

L'anno prossimo e gli anni seguenti diventerà un grande evento. Sarà assolutamente folle! »

Di Pasquale: "Greenweez ha mostrato subito un fortissimo interesse!"

Padel Magazine : Questa partnership tra Greenweez e la FFT è stata anche molto importante perché ha permesso a questo evento di esistere e di essere organizzato in un tempo molto breve.

Arnaud : " Certo ! Lo dobbiamo anche a Greenweez, tra gli altri. È vero che per noi era fondamentale avere un title partner, un “namer”. Avevamo bisogno di supporto.

Non possiamo semplicemente imbarcarci in un'avventura del genere. Aprire le porte del Roland-Garros è molto molto costoso. La realtà è che dietro c'è un'economia, va bene dire che la padel è in piena espansione, ma avevamo bisogno di supporto e partner.

Greenweez ha subito mostrato un fortissimo interesse e questo ci ha dato una spinta. Ci ha fatto venire voglia di continuare con questo progetto.

Oggi è il culmine di questo progetto, è un primo anno con cose molto, molto belle. Ci saranno aggiustamenti e necessariamente andrà sempre meglio. »

Guarda la video intervista proprio qui:

Nasser Hoverini

Appassionato di calcio, ho scoperto il padel nel 2019. Da allora, è stato un amore folle con questo sport al punto da abbandonare il mio sport preferito.