Esclusivamente per Padel Magazine, tuffati di nuovo in l'histoire you padel con l'intervista al messicano Enrique Corcuera, figlio dell'inventore di questo sport!

Un'intervista da ascoltare in versione originale QUI.

Quindici anni di riflessione

"A metà degli anni '50 mio padre aveva un frontone per giocare a pelota basca e un giorno pensò di mettere una rete da tennis al centro dell'area di gioco. Capì subito che era molto divertente giocare a tennis con i muri intorno.

Dato che era troppo veloce con le racchette da tennis e il campo era troppo grande, ha iniziato a sperimentare. E quando comprò una casa ad Acapulco nel 1969, creò un binario più piccolo, con muri intorno, 20 metri per 10, molto simili a quelli che conosciamo oggi. Era il risultato di quasi 15 anni di sperimentazione.

E' interessante pensare che sia riuscito a convincere i suoi amici a praticare uno sport che non esisteva, ea coinvolgerli nei suoi miglioramenti!

All'inizio giocavano con le racchette di legno, ma si rompevano con la pallina da tennis. Ha iniziato a rinforzarli, aggiungendo parti metalliche, e grazie a ciò hanno potuto resistere maggiormente agli impatti”.

Un gioco per divertirsi con amici e familiari

Un campo da tennis richiede 1000 m² [NdR: da 600 a 700 m² senza l'ambiente circostante] e mio padre ne aveva solo 300, quindi ha realizzato un campo più piccolo. Ad Acapulco aveva molti amici e gli ha suggerito di venire a provarlo e gli è piaciuto subito. È così che hanno iniziato a costruire tracce a casa. È uno sport molto sociale, si può giocare in famiglia, le persone che guardano si divertono.

All'inizio, non avrebbe mai creduto che il padel può diventare uno sport internazionale. Per lui era un gioco per divertirsi con gli amici e la famiglia. Si rese conto della grandezza che ci voleva vent'anni dopo. Mia madre ha portato lo sport in Argentina e gli amici di mio padre in Spagna. Negli anni '80, quando vide che questo sport iniziava ad interessarsi alla gente, decise di depositare un brevetto per essere riconosciuto come inventore di questo sport.

Pagaia Corcuera

“All'inizio il nome era complicato, lo chiamava Paddle Corcuera. Fu con questo nome che i miei genitori fecero le prime regole di questo sport negli anni 80. Esisteva già uno sport americano chiamato paddle tennis, che sembra ma senza le pareti. Da qui deriva il nome pagaia. E poi hanno deciso di rimuovere il nome Corcuera.

di credito: PadelFIP

Uno dei migliori amici di mio padre, il principe Alfonso de Hohenlohe, veniva ogni inverno nella casa di Acapulco, gli piaceva molto, e al suo ritorno in Spagna costruì il Marbella Club, con quattro padel. È quindi in Andalusia che lo sport è diventato popolare, prima di essere esportato. Mia madre è argentina e gli amici che erano in vacanza a casa mia ad Acapulco hanno preso l'idea lì, hanno costruito piste e lo sport è cresciuto in popolarità.

Perché questo sport non si è sviluppato prima nel paese in cui è stato creato? Enrique ci risponde: “Penso che derivi dalla cultura sportiva. In Spagna e Argentina le persone sono più atletiche. In Messico il boom è adesso. Allora, le persone giocavano solo nelle loro case.

La creazione della Federazione Internazionale

“C'erano due federazioni di padel, uno in Argentina e uno in Spagna. Mio padre e il suo amico Ignacio Soto Borja unirono i due e crearono la Federazione Internazionale di padel. Poi hanno brevettato le finestre e poi hanno offerto il brevetto in modo che lo sport potesse crescere più velocemente. Le regole che conosciamo oggi sono più o meno le stesse tranne una: mio padre considerava sbagliato un servizio che toccava la finestra laterale. All'epoca non c'erano molti buoni giocatori ed era più facile giocare così.

Nel 1990 abbiamo organizzato la Copa Corcuera, con i migliori giocatori del mondo, e non potevamo credere ai nostri occhi. Ad esempio, quando i giocatori sono usciti dal percorso per rimettere la palla, non sapevamo nemmeno che fosse possibile. Queste cose le inventano i giocatori!

Mio fratello ha giocato per la nazionale messicana, ma quando hanno affrontato gli spagnoli e gli argentini, hanno visto che non c'era niente da fare. Siamo dilettanti (vedere Enrique suonare padel questo è QUI). Per essere professionista, devi giocare cinque o sei ore al giorno. Nessun dilettante può combattere contro i professionisti.

Jean-Noël Grinda, il miglior giocatore dell'epoca!

Jean-Noel Grinda

“Nella casa di Acapulco, mio ​​padre giocava a backgammon con alcuni dei migliori giocatori del mondo. E uno di loro era Jean-Noël Grinda, un grande tennista, che ha giocato in Coppa Davis con la Francia. E quando vide la scia di padel, gli è piaciuto subito e molto rapidamente è diventato il migliore del tempo. Diciamo che a quel tempo era il miglior giocatore del mondo, e ha sempre voluto esportare questo sport in Francia.

Una vita segnata da padel

“Siamo sempre stati ambasciatori di World Padel Tour, abbiamo sempre contribuito a sviluppare questo sport la cui crescita è stata lineare. E durante la pandemia il boom è diventato incredibile”.

Maxi Sanchez e Enrique Corcuera jr.

“La mia famiglia ha avviato una società chiamata CoPa (Corcuera Padel) per realizzare racchette, palloni, vestiti, che rispettino l'eredità di mio padre. L'idea è quella di utilizzare le migliori tecnologie ma con uno stile retrò. Stiamo iniziando in Messico e negli Stati Uniti, e poi vedremo con le aziende spagnole il lancio nell'Unione Europea. Il prodotto sarà commercializzato solo da giugno o luglio”.

Onorare l'eredità di suo padre

“Se mio padre ha visto lo sviluppo di padel oggi, non crederebbe ai suoi occhi, sarebbe felicissimo. Quando morì, il padel era già praticato in due paesi, e c'era già un circuito professionistico, ma il boom attuale, non riusciva a crederci. Sarebbe molto orgoglioso, motivo per cui vogliamo onorare la sua eredità”.

Xan è un fan di padel. Ma anche il rugby! E i suoi post sono altrettanto incisivi. Preparatore fisico di diversi padel, scopre post atipici o tratta argomenti di attualità. Ti dà anche alcuni suggerimenti per sviluppare il tuo fisico per il padel. Chiaramente, impone il suo stile offensivo come sul campo di padel !