Dall'inizio della settimana, la seconda edizione delAPT Padel Hublot Monaco Master Tower.

Questa è l'occasione per Padel Magazine con cui parlare Fabrice Pastor, Presidente del'APT Padel Girare. Sono stati discussi molti argomenti come il torneo in corso ma anche il calendario di questa stagione o l'opinione del Presidente su ciò che sta accadendo attualmente sul pianeta. padel.

“Obiettivo un torneo all'anno a Monaco”

Quando si vede il quadro in cui si gioca questa competizione, è ovvio che la domanda che tutti ci poniamo è: perché non organizzare un torneo ogni anno a Monaco?

Fabrice Pastor rispondere : " Sì, senza dubbio, abbiamo firmato tre anni con la SBM, è vero che è difficile per il pubblico perché è un piccolo formato ma credo che con questa foto sia difficile cambiare posto...

L'obiettivo principale di questo evento è ovviamente quello di realizzare il padel il più visibile possibile”.

Danie Windahl Centre Court APT MONACO 2022

Nel calendario del circuito vengono convalidate anche altre destinazioni prestigiose come Città del Capo, Siviglia, Budapest o addirittura Città del Messico.

"Vogliamo che le località e i promotori scelti per i tornei siano unici al mondo perché siamo su una lunga strada che non vedo fermarsi".

"La televisione è un punto di svolta"

“L'ambizione sarebbe quella di trasmettere le partite in modo che possano essere viste da migliaia di persone in tutto il mondo e oggi questo è possibile grazie al nostro canale APT Padel Giro su Youtube. Certo, la televisione cambia molto le cose. L'abbiamo visto in Sud America. È stato un enorme successo! Credo anche che abbiamo avuto la migliore valutazione al mondo di padel fino ad oggi. A dire il vero, abbiamo dovuto interrompere la ritrasmissione alle 22:00 perché subito dopo c'è stata una partita di rugby "Pumas" relativamente importante per il popolo argentino e che non è stata trasmessa. Il canale ci ha fatto trasmettere fino alla fine del concorso.

E soprattutto il fatto di aver firmato con una catena in Sudamerica è qualcosa di fondamentale per paesi come il Brasile. Attualmente ci sono altri canali che sono sempre più interessati ad APT Padel Tour in Europa ma per il momento continueremo con lo streaming".

“Dobbiamo lavorare tutti per lo sport”

Negli ultimi tre mesi il padel professionista ha subito uno sconvolgimento totale e molte voci sembrano essersi disperse da allora su un possibile riavvicinamento tra l'APT Padel Tour e la Federazione Internazionale di Padel.

Due settimane fa Padel Magazine fatto la stessa domanda à Luigi Carraro (Presidente FIP) a Doha su questa possibile associazione. Questa volta è il turno di Fabrice Pastor per illuminarci su questo argomento.

"Non lo so perché lo è Thomas (Johanson) chi se ne occupa, molto onestamente penso che dobbiamo lavorare tutti per lo sport, se possibile per andare avanti insieme ma credo che sia importante integrare tutti. Lo so Thomas ha avuto una telefonata con il Qatar, non volevo fare domande perché sono sul mio circuito. Quando le decisioni sono reali, perché non parlarne.

“Spetta alla FIP fare il suo lavoro”

“Quello che non dovresti fare è annunciare cose che non verranno fatte. Premier padel aveva annunciato 10 tornei da 500 euro, per ora sono solo tre credo (NdR: per il momento tre date di Premier Padel sono stati annunciati, oltre al torneo che si è svolto a Doha). Penso che lo sconvolgimento sia stato positivo perché i giocatori hanno capito molte cose ma le associazioni dei giocatori non dovrebbero essere lì per imporre regole. Miguel Semmler dovuto firmare con noi. Ha ricevuto una telefonata e all'ultimo momento non si è impegnato. Non credo sia una chiamata dal WPT...

All'APT siamo un circuito che ha annunciato date e aumenti di prezzo, e tutto questo l'abbiamo raggiunto. Continuiamo a lavorare per i giocatori con lo sviluppo di tornei junior, donne ecc. e loro non vogliono lavorare con noi. Personalmente penso che una Federazione Internazionale debba prendersi cura di tutti i giocatori nello sport, sta a loro fare il lavoro. Noi in questo caso facciamo il nostro”.

“Una fusione o un'unione intelligente perché no”

Si dice che le fasi dell'APT come altri circuiti potrebbero essere rilevate Premier Padel. Una fusione avverrebbe intorno al circuito del Qatar.

"Una fusione o un'unione intelligente perchè no, lo facciamo già con il Federazione europea di Padel (FEPA). Non troverai nessuno che dica che ho rifiutato un contratto sportivo. Sono aperto a qualsiasi possibilità, ma ovviamente in una logica coerente per il padel."

“Un calendario fantastico”

“Budapest, l'anno scorso è stato un “Futuro”. È stato un successo. Abbiamo quindi logicamente deciso di organizzare un Open con loro in questa magnifica città dell'Ungheria. Ci stiamo quindi aprendo all'Europa dell'Est, per noi è molto importante.

Quest'anno il calendario è fantastico. Annunceremo la prossima settimana dove si giocherà il torneo italiano. Abbiamo anche il Portogallo, Madrid, una tappa molto importante per noi perché è lì che si gioca il Tennis Master 1000, alla “Caja Magica”.

A giugno comunicheremo la Finale del Master e il luogo dove si svolgerà. Al momento ci sono due città di due continenti diversi che lottano per questo, ma non posso dire altro al momento. D'altra parte, quello che posso rivelarvi è che sto lavorando a due ulteriori competizioni per questa stagione nei continenti europeo e americano. Uno sarebbe un Open e l'altro molto probabilmente un Master. L'ideale per me quest'anno sarebbe raggiungere 17 tornei più la finale Master".

Juan Tello e Paquito Navarro nei tornei APT?

Stavamo discutendo con Juan Tello di venire a giocare alcuni tornei in Europa e con Paquito Navarro con il quale ho ottimi rapporti per una competizione in Svezia.

Non sappiamo altro di queste discussioni tra i giocatori e il circuito APT in questo momento. Padel Tour, ma sarebbe assolutamente da pazzi vedere questi due mostri giocare tornei su questo magnifico circuito.

Guarda ora l'intervista completa nel video qui sotto.


Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.