Federico Chingotto, soprannominato anche “Super Raton” (Super Mouse) si è messo al gioco di domande e risposte con il nostro giornalista durante un'intervista esclusiva per Padel Magazine.

Il 25enne argentino, che qualificato per il gran finale du Greenweez Paris Premier Padel Major, confidato al nostro microfono sulla sua sensazione di giocare in uno stadio leggendario come il Roland-Garros ma anche sulla sua collaborazione con Juan Tello.

“Stiamo migliorando mentalmente ogni giorno”

“Sin dai primi momenti ho sentito una forza speciale sul campo di Philippe-Chatrier, oltre a una certa pressione perché è pur sempre il campo centrale, con un pubblico sempre più numeroso. Ci divertiamo molto e più passano i giorni più ci sentiamo a nostro agio qui.

Non ho ancora davvero approfittato della città perché cerco di riposare il più possibile e di rimanere concentrato, ma quando ho un po' di tempo vado a fare una passeggiata. Sono andato a vedere la Torre Eiffel.

“Abbiamo grandi rivali. Tutti i giocatori avanzano con il passare dei giorni. Sono passati diversi anni ormai che ci incontriamo sul circuito, quindi ci conosciamo tutti, a volte è più facile per l'altro sapere come mettersi in mezzo. Ma direi che la cosa più importante è l'esperienza che acquisiamo ogni stagione. Sento che stiamo migliorando mentalmente e vogliamo continuare a dare il massimo. "

“Una festa fredda”

“Possiamo apparire freddi come ad esempio nella celebrazione della nostra vittoria di oggi. Ovviamente siamo stati contenti dell'esito dell'incontro, ma stiamo cercando di mantenere la rotta. Per me la cosa più importante è migliorare mentalmente, riuscire a mettere in atto tattiche durante la partita con Gaby Reca che ci accompagna in panchina.

Un giocatore popolare

“Penso che se piaccio alle persone o ai bambini è perché mi vedono poco come loro (ride). No, scherzi a parte, è vero che sento molti incoraggiamenti per me e ne sono molto felice. Mi fa un grande piacere. Un grande grazie a tutti."

"È vero che in Italia in tanti mi hanno chiamato e gridato il mio nome, non ho intenzione di mentirti, è divertente, e fin da piccolo volevo diventare un grande sportivo, per questo faccio di tutto per dare il miglior esempio per tutti questi giovani."

Fede Chingotto Maggiore Italia Premier Padel 2022

Una coppia complementare

“Juan è più calmo, riservato di me. Io sono tutto il contrario, rido sempre o infastidisco le persone. D'altra parte, il punto principale su cui ci completiamo a vicenda è questo desiderio di essere sempre migliori, la disciplina che ci imponiamo quotidianamente”.

Come segnaliamo all'argentino, è molto difficile per noi avvicinare Juan Tello perché a prima vista sembra freddo e poco propenso alla discussione. Ma per fortuna Federico Chingotto ci dà qualche consiglio per placare “El Gato”.

“In effetti è molto timido, ma vai piano piano, con delicatezza e si aprirà un po' di più”.

Una coppia inseparabile?

Dal 2016, anno della loro associazione, Federico Chingotto e Juan Tello non si sono lasciati andare. La coppia argentina è una di queste coppie emblematiche per l'amicizia e la lealtà che regnano tra i due uomini. Tanto che gli "appassionati" sperano di vederli finire insieme la loro carriera.

“Andiamo molto d'accordo, miglioriamo ogni giorno che passa sulla 20×10 e riusciamo a raggiungere determinati obiettivi quindi sì mi vedo finire la mia carriera con Juan”.

L'intervista completa (in spagnolo) di seguito

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.