Ha vissuto in tutta Europa e viene dal mondo della finanza: Francesco Belloni è il fondatore e amministratore delegato di Padel Hero, gestore di impianti sportivi riservati padel in Italia. Anche questo italiano, che parla fluentemente inglese e francese, ha investito Padel Haus, il primo club in padel dello Stato di New York.

Ci offre una visione molto interessante basata sull'esperienza internazionale e commerciale.

"Il padel più potente del tennis”

Ho iniziato a giocare padel nel 2018 in Italia. Ho sentito subito che c'era un elemento sociale più potente del tennis, simile al calcio a 5.

A quel tempo, lo sport si giocava solo in Spagna e un po' qua e là in Italia – in particolare a Roma – quindi non ci ho pensato troppo al di là del gioco.

Quando ho lasciato Londra e il mondo della finanza nel 2021, ho iniziato a immaginare il padel come opportunità commerciale, perché intorno a questo sport c'era sempre più “rumore”.

Ho iniziato a viaggiare in Europa, principalmente in Italia, Spagna e Svezia, che credo siano i mercati più avanzati. L'obiettivo era comprendere lo stato del gioco e le complessità dei mercati in cui il padel c'era già.

"Il padel affrontare la prova del tempo”

L'economia di un singolo short e il modello economico complessivo erano relativamente facili da capire, volevo soprattutto sapere dove si trovava il movimento del padel stava andando e se poteva resistere alla prova del tempo.

In pochi mesi ho acquisito la convinzione che fosse così e… eccoci!

"Padel Hero, strutture ultramoderne”

Attualmente gestisco un club di padel in Italia con il marchio Padel Hero, a Pisa, che ha 10 piazzole.

È un vero club padel. Abbiamo intrapreso questo progetto nella primavera del 2021 e lo abbiamo costruito dal gruppo: ha aperto ufficialmente a settembre 2022.

Il club dispone di 4 campi al coperto e 6 campi all'aperto (per ora) e opera come qualsiasi altro club sportivo, con strutture accessorie come spogliatoi all'avanguardia, una reception e un bar-caffetteria con posti a sedere al coperto e all'aperto.

Con i club Padel Hero, vogliamo creare destinazioni per il tempo libero che ruotano ovviamente attorno al padel, ma che sono anche un luogo dove le persone possono incontrarsi o trascorrere un pomeriggio di relax.

Du padel A New York

Sono anche associato a Padel Haus a Brooklyn, New York, dove abbiamo recentemente aperto la prima struttura lo scorso luglio. Padel Haus ha quattro campi coperti e le stesse strutture di quelli di Padel Eroe. Padel Haus è un'azienda e un marchio completamente diversi ed è gestito direttamente dal nostro partner e fondatore che lo gestisce da New York.

“Sfruttare su larga scala”

Il concetto di Padel Hero è abbastanza semplice: gestiamo club sportivi su larga scala, esclusivamente dedicati a padel. Direi che ci sono due elementi che differenziano i nostri club dagli altri.

Il primo fattore è il numero di tribunali – il volume. Questo ha diversi vantaggi. Hai molta più flessibilità nel modo in cui usi ogni campo e le sue fasce orarie, e puoi avere più allenatori che operano in orari diversi (dovresti ridurre al minimo le lezioni o le cliniche durante le ore di punta).

Con l'attuale forte domanda, puoi anche accogliere più clienti invece di dover dire loro continuamente che non ci sono slot disponibili. Questo è un problema affrontato da molti piccoli club.

Puoi anche ospitare tornei più grandi e organizzare corsi più strutturati per bambini e adulti.

E attirerai accordi di sponsorizzazione più grandi.

La combinazione di essere una struttura esclusivamente dedicata a padel e avere un gran numero di tribunali è, secondo me, il primo modo essenziale per posizionarsi al di sopra degli altri.

Non trascurare la parte tecnica

Il secondo principale elemento di differenziazione è il livello tecnico e professionale delle nostre strutture. Ad esempio, può sembrare scontato disporre di campi della migliore qualità possibile.

Tuttavia, ci rendiamo conto che a volte vengono trascurati.

L'altro elemento importante, e in definitiva il più importante: avere allenatori e staff estremamente qualificati e professionali.

È fondamentale curare la parte tecnica del club se si vuole diventare il punto di riferimento per questo sport nella propria regione.

Abbiamo scelto un istruttore spagnolo (il nostro "direttore tecnico") per guidare la parte anteriore e il resto della squadra.

Francesco Belloni
Francesco Belloni fondatore e amministratore delegato di Padel eroe

"È tanto difficile addestrare i principianti quanto gli avanzati"

In Spagna il gioco è a un livello molto più alto, quindi naturalmente anche il livello di allenamento è molto più avanzato. Questo non significa che ci rivolgiamo solo ai migliori giocatori. Devi rispettare i clienti a tutti i livelli del gioco.

È difficile allenare i migliori giocatori, ma è altrettanto difficile insegnare a qualcuno che impugna una racchetta per la prima volta. Ci assicuriamo che i clienti sappiano che saranno presi sul serio, qualunque sia il loro livello.

“Un aumento di spettatori e giocatori”

Dallo scorso settembre, abbiamo assistito a un continuo aumento del numero di visitatori e giocatori e penso che assisteremo a un notevole aumento con l'avvicinarsi della primavera.

Abbiamo avuto qualche migliaio di giocatori diversi che hanno visitato la struttura. In termini di clienti abituali, direi che il numero è ancora vicino a circa 1000.

Questo numero aumenterà naturalmente man mano che più persone verranno a conoscenza della nostra esistenza e dei prodotti e servizi che offriamo.

In generale, le ore di punta (dal lunedì al venerdì dopo le 17:XNUMX e nei fine settimana) sono sempre piene, al punto che la maggior parte delle persone prenota con circa una settimana di anticipo per arrivarci.

“Il Covid ha avuto un effetto amplificante”

Molte persone giocano anche per la prima volta e la maggior parte dei giocatori sono adulti.

Ciò corrisponde bene alla questione dell'evoluzione del padel in Italia. Penso che negli ultimi 3 o 4 anni, e in generale dopo il Covid, ci sia stato un effetto amplificante, dove l'offerta di campi e il numero di giocatori sono aumentati vertiginosamente.

Il paese è passato da circa 2000 tribunali a più di 6000. Tuttavia, questa cifra rimane incredibilmente lontana dai circa 30000 tribunali in Spagna.

“In Spagna, il padel è un'alternativa al tennis o al calcio”

Il divario con la Spagna, direi, non si misura solo nel numero di campi, ma anche nella qualità dei giocatori e nella demografia dei giocatori. In Italia la maggior parte dei giocatori ha un'età compresa tra i 25 ei 30 anni – c'è ancora poca cultura intorno al gioco dei bambini e dei giovani, mentre in Spagna è ormai una vera alternativa al calcio e al tennis.

Questo è anche il motivo per cui penso che ci siano ancora molti spazi vuoti nelle strutture di padel in attività.

Padel Hero avrà nuovi hub

Sì, il piano a breve termine prevede l'apertura di due o tre ulteriori strutture in Italia nei prossimi 12 mesi.

Parma e la Versilia sono le due località certe. Dovremmo aprire il sito della Versilia, che avrà 8 campi, prima o durante l'estate 2023. A Parma, che dovrebbe aprire nell'autunno 2023, avremo 12 campi. Sarà un'installazione straordinaria.

Dovremmo quindi avere 30 campi entro la fine dell'anno 2023. In tutte queste strutture c'è spazio aggiuntivo attualmente inutilizzato dove possiamo aggiungere almeno due campi per ogni struttura.

Abbiamo altri due progetti che presentiamo in parallelo nel nord Italia, ma saranno progetti per inizio o metà 2024 se decidiamo di realizzarli.

Regno Unito e Francia

Ho sempre voluto avviare l'attività prima in Italia e dimostrare che il modello funziona prima di espandersi a destra ea sinistra. Ora che l'abbiamo fatto, sono molto più convinto di aprire altri stabilimenti in Italia, cosa che stiamo facendo.

Allo stesso tempo, stiamo iniziando a guardare ad altri paesi europei ea cercare paesi in cui sarebbe saggio implementare il concetto. Siamo particolarmente interessati al Regno Unito e alla Francia.

Penso che questi due paesi siano molto interessanti e, nonostante le loro diverse caratteristiche strutturali, potrei vederci aprire in uno di questi paesi prima o poi.

Abbiamo appena iniziato a guardare più concretamente alle opportunità, quindi potrebbe volerci un po' per trovare la soluzione giusta. Ma sono personalmente molto interessato a entrambi i mercati e vedo che lo sport crescerà in modo significativo in entrambi i paesi in futuro.

Fortunatamente, c'è una finestra temporale leggermente più lunga per questi mercati.

Du padel negli USA con Padel Casa

Per ambientare il contesto, da quando ho iniziato a interessarmi padel da un punto di vista lavorativo, ho sempre pensato che il movimento di padel doveva decollare negli Stati Uniti per diventare un vero fenomeno globale.

Sono sempre stato molto incuriosito dal fatto che il padel era inesistente negli Stati Uniti, ad eccezione di Miami, dove c'è una grande comunità sudamericana e un clima favorevole. Quindi ero un po' affascinato da quel fatto, ma a parte questo, ho semplicemente abbandonato l'idea, dato che mi stavo concentrando sul mio debutto in Italia.

Circa un anno fa, gli amici mi hanno messo in contatto con l'attuale fondatore di Padel Haus, Santiago Gomez, quando ha trovato lo spazio. Andavamo d'accordo, avevamo la stessa visione del mercato e della sua evoluzione negli Stati Uniti e nel mondo, e ho deciso di associarmi a lui.

L'indirizzo di Padel Haus si trova al 307 di Kent Avenue, a Williamsburg, Brooklyn, sulle rive dell'Hudson. È una struttura con 4 campi al coperto, ed è più vicina a Manhattan di quanto si pensi, a circa 10-15 minuti da SoHo e facilmente raggiungibile con la metropolitana

Scommettere sui giovani per aumentare l'interesse generale

Penso che ci siano due cose che mancano dal padel Oggi.

Il primo è che i bambini devono essere maggiormente coinvolti. Parlo di giovani tra i 10 e i 16 anni.

A parte la Spagna, questo accade ancora in modo molto limitato dove si gioca padel – anche in Italia. Più attenzione e investimenti devono essere dati ai bambini, ai programmi per padel destinato a loro, e anche alle accademie. Deve esserci una sorta di percorso che un bambino può aspirare a seguire, proprio come nel tennis o nel calcio. Il mio obiettivo è coinvolgere quanti più bambini possibile. Sono il futuro di questo sport.

La seconda ragione è che a livello professionistico il divario tra giocatori argentini/spagnoli e giocatori di altri paesi è ancora troppo grande. Quando guardi i tornei professionali online, che si tratti del World Padel Tour ou Premier Padel, si nota che le fasi finali sono sempre tra argentini e spagnoli.

Ciò rende il gioco relativamente noioso a un certo punto e alla fine riduce l'interesse globale.

Quando gli Stati Uniti, la Cina, l'Italia, la Russia hanno ciascuna la loro squadra di punta in grado di competere allo stesso livello, penso che il padel sarà seguito con più interesse e che il movimento guadagnerà molta popolarità. Ciò aumenterà il numero di bambini che giocano, il che mi riporta al punto numero 1.

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.