Come spesso quest'anno, troviamo nel finale il poster dei sogni, diventato un classico del 2024: Agustin Tapia/Arturo Coello contro Ale Galan/Fede Chingotto. 3 ovunque prima di questa finale del'Italia Maggiore Premier Padel, seconda edizione al Foro Italico di Roma.

Galan domina la sua diagonale contro Tapia

Nel primo set la macchina Chingalan è irresistibile in Italia. E conduce fino al 5/2, doppio break. Coello e Tapia sono messi alle strette e quasi riescono contro la sequenza del gioco a concedersi un break per tornare sul 5/4. Ma il vantaggio è troppo importante, e soprattutto Tapia troppo irregolare, come un grave fallo per il suo livello a 15/30 quando c'è l'occasione per tornare al 5 pari. Soprattutto perché Coello gioca sempre meglio. Magnifico il set point conquistato sul 40/30 (5/4), con il Chingotto come sempre molto presente nei momenti importanti. Da notare per inciso che Galan ha sicuramente eseguito il suo miglior set del torneo. 6/4 per Galan/Chingotto, in 45 minuti.

L'aneddoto: notiamo che nel primo set Fede ha preso una brutta botta in testa con la racchetta. Interruzione del gioco di circa 5 minuti. Il che non impedirà all'argentino di conquistare il punto in maniera magnifica petite.

Tapia/Coello: il rullo compressore

Nel secondo set, prendiamo gli stessi con uno scenario totalmente diverso, dato che, come alla fine del primo set, Coello e Tapia sono nella loro partita e offrono un'ottima prestazione. Per Galan/Chingotto è più difficile, la coppia ispano-argentina ha la testa sott'acqua. Forse avevamo bisogno di ritardare un po' dopo aver vinto il primo round...

6/1 in 23 minuti a favore di Tapia / Coello.

Per Chingotto riaffiora sicuramente il ricordo della prima edizione visto che proprio sulla stessa pista, il 16 luglio, perse insieme a Paquito Navarro contro la prima coppia mondiale, Tapia/Coello in 2 set 7/5 7/6 (7/ 2).

Ma oggi ha al suo fianco Galan, giocatore più attrezzato per contrastare le voglie dell'argentino Tapia.

Chingo chiude col botto, Tapia in frigo!

Alla fine di questa partita è stata un po' l'energia dell'ultima speranza per Arturo Coello, colpito fisicamente. Nella modalità “make or break”, lo spagnolo a volte prova a lanciare missili in diagonale... ma non sempre funziona.

E soprattutto Tapia si rimette in frigo con una diagonale tra Chingotto e Coello. Il Chingotto è il più alto della pista del Foro Italico a Roma. Fisicamente “mangia” Coello.

Ciò che può sorprendere è la differenza nel rapporto tra Tapia e Coello, e Galan e Chingotto. Quando Galan commette qualche piccolo errore, Chingotto non molla la presa del compagno e lo incoraggia. Tapia e Coello stanno insieme, ma sembra che non parlino abbastanza. C'è da dire che per Tapia a volte è complicato essere su una pista senza avere la possibilità di esprimersi veramente.

7° incontro tra le due coppie, e Chingotto/Galan vincono ancora in 3 set e abbattono i detentori del titolo.

Ha vinto chi voleva vincere di più in pista.

statistica Chingotto Ale galan Italia Major 2024

Il bilancio sale a 4/3 per Chingalan contro la prima coppia mondiale. Galan sarà anche il 2° giocatore al mondo la prossima settimana.

“È un sogno, non voglio che nessuno mi svegli”

Ale Galan:

“Non è stato facile l’anno scorso. Non potevo vincere un Major. E oggi le cose sono diverse”.

Fede Chingotto:

“Sto vivendo un sogno e non voglio che nessuno mi svegli. Ale mi apre tutte le porte in una volta.”

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.