È sempre importante tornare alle origini del nostro sport in Francia. Intervista ai primi numeri francesi di padel: André Gaubert e François San Miguel.

Padel Magazine : Quando hai iniziato Padel?

André e François : Abbiamo iniziato Paddle (a quel tempo era paddle e non Padel) nel 1990 (hai contato che sono passati 30 anni quest'anno), sui 3 campi (muri di cemento e rete flessibile) di Carcassonne, con Racchette di legno da 12 mm.

PM : Raccontaci della tua carriera nella squadra francese?

AF : La nostra carriera con la squadra francese è iniziata sotto la presidenza di Claude Baigts per l'1er campionati mondiali a Madrid nel 1992. Abbiamo quindi partecipato a quelli di Mendoza, in Argentina, nel 1994, poi a quelli del 1996, sempre a Madrid. Abbiamo anche partecipato ai campionati europei del 1995 a Firenze e del 1997 a Barcellona.

PM : Come ti sei allenato per rimanere in cima?

AF : Siamo stati in grado di beneficiare durante questo periodo di allenamento con allenatori spagnoli o argentini e in particolare con Gaby Réca. Eravamo il n. 1 francese in questo periodo e in seguito tra i primi 10 per molti anni.

PM: Avresti suonato un po 'in Spagna per misurarti?

AF : Sì, grazie alla nostra vicinanza con la Spagna andavamo regolarmente a Girona o Barcellona per competere nel campionato della Catalogna, la nostra migliore prestazione essendo stata ¼ dei finalisti! Successivamente, sempre in Spagna, ma con l'età abbiamo reso i tornei meno evidenti, con numerose vittorie!

PM: Puoi parlarci dell'evoluzione del padel dagli anni '90?

AF : Il padel è cambiato molto, è diventato più veloce, i giocatori sono più aggressivi, fanno di tutto per vincere la rete. Prima, il gioco era più basato sulla difesa, abbiamo guadagnato molti punti con il ritorno dei muri. Va detto che la recinzione misurava 4 metri in tutto il campo e che le pareti non restituivano le palle così velocemente come le finestre. Infine, le racchette non erano le stesse di oggi, era difficile tirare fuori le palle, quindi i punti sono durati più a lungo.

PM: Pensi che l'evoluzione del padel in Francia continuerà?

AF : A livello evolutivo, è sulla buona strada per progredire in Francia, come in Europa per quella materia. Devi ancora stare attento a non andare troppo veloce. A volte durante P250 o P500, i primi round sono in 9, a volte anche sei partite! È un po 'frustrante, devi tenere presente che il padel è come una partita a scacchi, devi mettere in atto una strategia, ci vuole un po' di tempo, è difficile fare sui formati se breve ...

PM: Se vengono organizzati campionati francesi della tua fascia d'età, possiamo contare su di te?

AF : È ovvio che se vengono organizzati i campionati francesi e mondiali, DEVI contare su di noi !!

PM: Infine, potresti darci un aneddoto divertente?

AF : Ne abbiamo così tanti, ti promettiamo una piccola raccolta dei più belli in pochissimo tempo! In ogni caso, possiamo già dirti che buona parte dei giocatori che vediamo oggi sul fronte del palco erano già lì negli anni 90. E possiamo anche dirti che abbiamo agganciato alcuni -uns! 😉

Xan è un fan del paddle. Ma anche il rugby! E i suoi post sono altrettanto incisivi. Allenatore fisico di diversi giocatori di paddle, trova post atipici o affronta argomenti attuali. Ti dà anche alcuni consigli per sviluppare il tuo fisico per il padel. Chiaramente, impone il suo stile offensivo come sul campo di paddle!