In occasione di Mondi Padel 2020 che sono attualmente in corso a Doha, Padel Magazine avuto l'opportunità di incontrare Gilles Moretton.

Un piccolo promemoria per chi non lo conosce, questo ex tennista professionista è ovviamente il presidente della Federazione Francese di Tennis (FFF).

Durante questo scambio l'ex tennista ha confidato quello che pensava di questa grande competizione, in condizioni incredibili in Qatar.

“Un'organizzazione che supera le aspettative”

Viste le immagini e l'ambientazione ideale, una cosa è certa è che gli organizzatori del Qatar non hanno fatto le cose a metà.

In effetti, quando vediamo le piste, gli hotel e tutte le strutture in atto, possiamo dire che hanno alzato l'asticella. Tutti i concorrenti concordano sul fatto che si sono evoluti dall'inizio della settimana in a ambiente più che perfetto.

“E' una bellissima competizione, organizzata in un bel paese e possiamo dire che è una grande promozione per il padel" ci ha detto Gilles Moretton.

Largeron Moretton Qatar 2020 padel mondial

Eric Largeron (a sinistra) e Gilles Moretton (a destra), presenti in Qatar per i Mondiali Padel

 

Lo aggiunge per lui “Questa Mondial è la Rolls-Royce dell'organizzazione. Llo standard di qualità si è evoluto nella giusta direzione in vista della crescita di padel".

Questo può essere un ottimo modo per motivare i prossimi paesi ospitanti a organizzare eventi di questa portata.

Come sottolineato dal project manager padel all'interno della FFT Arnaud Di Pasquale, presente in loco, abbiamo potuto constatare che quanto offerto dal tennis in termini di strutture e tecnologia è stato messo a disposizione anche del padel. Ottime notizie per Gilles Moretton.

Arnaud Di Pasquale Qatar 2020 padel

"Il Padel ha un percorso tracciato per diventare uno sport importante”

Il presidente della FFT sembra conquistato dalla direzione intrapresa dal padel a livello mondiale.

Ed è vero che da qualche settimana tutte le luci sono accese per questo sport che si vede crescere sempre di più in tutto il mondo ma soprattutto avere una visibilità molto maggiore di prima.

In effeti Canal + ha ottenuto i diritti per trasmettere il World Padel Tour et Bein Sports trasmetterà questi Mondiali di Padel in Qatar. E tutto questo nel giro di un mese!

Tuttavia Gilles Moretton sembra cauto e mostra moderazione su questa crescita.

“Bisogna stare attenti con gli sport che crescono troppo velocemente. Devi andare per gradi. Oggi la notorietà dei giocatori non è ancora al livello di ciò che si dà come esposizione sebbene la qualità del gioco sia presente. Adesso, come per altre discipline sportive, dobbiamo imparare a creare stelle, dare loro visibilità globale in modo che a poco a poco possiamo unirci ad altri sport”.

“Un giudizio positivo”

Naturalmente quando torniamo alle cifre di padel in termini di iscrizioni, licenziatari, numero di club creati o entusiasmo che il padel può generare per oltre un anno, possiamo vedere che i risultati sono davvero positivi.

Alla FFT, la nomina diArnaud Di Pasquale come Direttore della Missione Padel dimostra ancora una volta che l'organizzazione “si è dato i mezzi per avere successo”Come ha commentato il nostro ospite del giorno.

Molte aree di lavoro sono state scelte per continuare su questa dinamica di espansione come il tema relativo alla costruzione di piste, l'integrazione di circoli privati ​​e pubblici in questa strategia o il problema derivante dalla licenza.

“Non spogliare il tennis per vestire il padel"

Durante questa intervista con Gilles Moretton ciò che ci ha segnato è ovviamente la sua volontà di continuare in questa dinamica positiva.

Oggi il padel sempre piùaficionados e l'obiettivo della FFT sarebbe quello di renderlo uno sport separato dal tennis.

Nei prossimi mesi verrà comunicato un piano di sviluppo: “iquesto è il padel per tutti, permetti a quante più persone possibile di godersi questo sport"

Rimane però vigile perché perché questo funzioni correttamente, tutti i giocatori devono essere strutturati a tutti i livelli: “cè uno sport emergente che merita di prendersi il suo tempo per svilupparsi"Lui dice.

Alla fine abbiamo visto che a formazione che porta a un diploma ufficiale è stato creato e questo fa ovviamente parte di questo piano d'azione per il futuro del padel in Francia.

Trovate l'intervista nella sua interezza:

 

 

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.