Da qualche tempo, sugli eventi o sui social, troviamo uno strano muro che sta facendo scalpore tra gli atleti.

È noto come “muro riflesso”.

È un muro digitale che permette ai partecipanti di venire a testare, come suggerisce il nome, i propri riflessi e la propria memoria in modo divertente e originale.

Durante il torneo P2000 che si è svolto al Club des Pyramides a settembre, giocatori, spettatori e membri del Club hanno potuto allenarsi e sfidarsi su una parete digitale.

En effet, Padel punto ha fatto appello alla società Digi Sport IDF per garantire questa animazione e per onorare il nostro sport preferito.

Un nuovo modo di allenarsi

Il digital wall è un originale concetto di animazione che consiste nel mirare a bersagli luminosi per ottenere il miglior punteggio in 60 secondi. I sensori vengono utilizzati per registrare e visualizzare i punti contrassegnati.

Un approccio divertente allo sport ma anche un vero e proprio strumento di allenamento per lavorare sulla propria precisione.

La sfida proposta da Padel Il punto ha permesso ai giocatori di andare testa a testa per tutto il fine settimana, e alla fine è stato il giovane Alexander a portare a casa il premio (una racchetta) con un punteggio di 35 tocchi in 60 secondi.

Anche giocatori professionisti si sono cimentati come l'argentino Andres Britos, concorrente del circuito APT.

Andre britos reflex wall

Adattabile a una moltitudine di sport

Oltre a padel, i bambini e gli adulti presenti all'evento hanno potuto anche praticare basket, scherma, calcio, rugby, boxe, oltre a giochi di riflesso e memoria, grazie ai tanti programmi disponibili sulla bacheca digitale.

Questo muro sta attirando seguaci in tutto il mondo dello sport perché molti atleti professionisti sono stati sedotti da questa nuova divertente attività.

Abbiamo potuto vedere il capitano della squadra di calcio francese  Hugo Lloris divertiti con il fioretto di scherma a mano o con gli ex internazionali Jackson Richardson (pallamano) o Sylvain Wiltord (calcio) per giocare.

Non sono gli unici.

Infatti possiamo trovare Jo Tsonga, Michael Chang, David Goffin e molte altre celebrità dello sport sono venute a testare i loro riflessi e la loro precisione su questa parete.

Se anche tu vuoi offrire un intrattenimento amichevole e originale per gli eventi del tuo Club, contatta Digi Sports IDF (laurent@digisports-idf.fr)

 

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.