Direzione il Padel in Sud America ! Per te, lo Swiss Army Knife si è sacrificato per alcune settimane per indagare. Di ritorno dai Mondiali in Paraguay, le nostre due squadre francesi, entusiaste dei risultati e dell'atmosfera all'interno del gruppo, ci hanno mostrato una visione di padel di questi paesi ...

Ho deciso di andare oltre questa vetrina per visitare altri paesi e altri siti in questa stessa area geografica, e raccontarvi come lo sviluppo di padel si svolge in Bolivia e Argentina.

Benvenuto in un tipo di padel da un altro mondo.

ilStoria di padel in breve

Le padel è nato alla fine degli anni '1960 grazie a un messicano di nome Enrique Corcuera. Aveva un campo da tennis a casa sua, circondato da mura. Per facilitare gli scambi con la moglie, ha avuto l'idea di chiederle di far passare la palla, e di colpirla dopo il muro ... padel sono nato !

Uno dei migliori amici di Enrique, Alfonso de Hohenlohe, si innamora di questo nuovo sport e lo esporta in Spagna, nella Costa del Sol. Ha costruito le prime due corti di padel a Marbella, una cittadina addormentata all'epoca.

A metà degli anni '1970, un membro argentino del club di Marbella riportò il padel in Argentina e costruì un club a Mar del Plata (1977): successo immediato. Lo sport si sta sviluppando molto rapidamente in Sud America. Oggi ci sono circa 5 milioni di praticanti occasionali o licenziati.

Le padel è uno sport in piena espansione, in tutto il mondo… anche il continente asiatico inizia ad interessarsi a questo sport.

In Francia, oggi, il numero di praticanti è stimato a oltre 50; più di 000 campi esistenti per 500 club privati ​​e municipali messi insieme.

¿E in Argentina, quello?

Una grande novità per me: ogni volta che chiacchieravo con la gente del posto e ne parlavo padel, nessuno mi ha fatto il gesto della tavola e del remo! Vamos! Ho trovato il mio paradiso, mi dico. È vero che l'Argentina è la Mecca di padel... Tuttavia, i primi giorni sono duri: nessun cancha (traccia) di Padel dove sono ! Non mi scoraggio perché sono tutti paesini meravigliosi, ma piccoli. Nel frattempo faccio il turista.

Le padel è molto sviluppato con il grande pubblico. Tutti giocano, più o meno bene, ma giocano. Alcune parti sono frenetiche. Mi è capitato più volte di vedere giocatori gridare in campo, proprio come a volte in Francia, tanti giocano la loro vita in una semplice partita tra amici!

Club Padel in città sono tutti al chiuso, piuttosto nascosti ma esistono ovunque, intorno ad un normale portone, ne hai 3, 4 o più lotti. Ci vogliono tra i 15-20 € per l'affitto del terreno per 1h30! Sì, sì, il prezzo di un giocatore in Francia, ma qui i riferimenti sono abbastanza diversi.

Partido EL!

Arrivando a Salta, mi imbatto in un club con due piste al coperto. Quindi, approfittando di un momento relativamente calmo in questo viaggio, mi avventuro in questo club di padel. Accoglienza molto cordiale, discuto con il gestore per trovarmi una parte ... ma sono tutti completi. Torno il giorno dopo per tentare di nuovo la fortuna ... niente :(. Quindi mi siedo a un tavolo per guardare una partita in corso con 4 giocatori. Alla fine della loro partita, un loro amico mi propone di digitare con lui: fretta (mi conosci!).

La pista è molto diversa da quelle che conosco: muri per cominciare. Una griglia diversa, alta 4 metri ovunque ... e soprattutto la superficie: una sorta di pavimento da palestra, molto scivoloso e muy rapido! Pochi minuti dopo, mi sono dimostrato ai loro occhi e altri 2 giocatori si uniscono a noi per una partita frenetica. Il mio primo padel nel paese di padel : che felicità! Poi… e proprio come in Francia: cerveza ed empanadas locali fino a tarda notte.

Parto il giorno successivo per nuove avventure. Altamente Buenos Aires per altre feste!

Dopo essere entrato in 2-3 club e parlato con i dirigenti, mi rendo conto che è molto complicato giocare quando non conosci nessuno. Qui i gestori non offrono gli stessi servizi che in Europa. Se vuoi fare una partita, devi arrivare a 2 o 4. Non c'è ricerca di un partner, nessuna scala di livello realmente stabilita ... le terre sono comunque occupate. Non sentono il bisogno di “fare uno sforzo” per organizzare giochi con il visitatore occasionale… dopotutto sono stato molto fortunato a giocare a Salta!

Per quanto riguarda la Bolivia, nulla da segnalare da parte mia. È vero che non sono andato nelle grandi città, ma dopo due settimane in questo bellissimo paese, con paesaggi grandiosi e irreali, sono un cavolo bianco. Alcuni locali conoscono lo sport, ma tutti lo dicono: non è molto sviluppato in casa ... la prossima volta che proverò il Cile 🙂

Hasta luego chicos y chicas!

Linea Meites

Line Meites è uno dei migliori giocatori francesi di padel. È la voce della tua vita Padel Magazine. Ma non solo, ospita anche la rubrica “Le indagini del coltellino svizzero”. Ogni mese torna su una controversia o su un tema che le sta a cuore.