Durante il gioco tra Fernando Belasteguin - Arturo Coello e il nostro francese Johan Bergeron e Thomas Leygue, sono stati i genitori di quest'ultimo che, appollaiati in cima alle gradinate, hanno preso parte ai giochi di domande e risposte.

Jean Michel e Véronique Leygue hanno confidato a Thomas, i suoi inizi complicati in Spagna, il supporto che gli danno nonostante la distanza.

“Sono contento di vederlo giocare”

Jean-Michel Leygue "Per questa partita no non c'è troppa tensione perché c'era a così grande differenza tra le due squadre che non avevano possibilità di vincere. Ma siamo ovviamente felici di averlo visto giocare, di vederlo divertirsi e soprattutto di aver avuto l'opportunità di giocare contro la leggenda Belasteguin. Soprattutto perché non hanno nemmeno molti anni a disposizione. Mi sono divertito molto per lui.

È un sostegno a distanza che gli portiamo da quando si è insediato a Madrid. Ci chiama quando ha un po' di blues e noi parliamo con lui per aiutarlo nel miglior modo possibile.

“Un complicato arrivo in Spagna”

Cerchiamo di consigliarlo al meglio e di fornirgli tutto il supporto necessario. L'arrivo in Spagna è stato molto difficile perché era tutto solo, aveva 18 anni e parlava pochissimo spagnolo. Non aveva nemmeno un compagno e subito dopo c'è stato il Covid-19. È stato un inizio difficile. Le parole rassicuranti che abbiamo potuto dirgli sono “crediamo in te” e “prenditi il ​​tuo tempo, non metterti pressione”. Quando era più giovane, ovviamente aveva meno maturità, quindi abbiamo messo un po' più pressione con la nostra presenza. Oggi è diverso.

Per un francese trovare un compagno è complicato perché Thomas, anche se aveva già un buon livello, è arrivato senza punti quindi nessuno ha voluto giocare con lui all'inizio. Gli spagnoli all'inizio non erano molto bravi.

Veronica Leygue "Thomas è molto maturo ed è riuscito a fare un passo indietro rispetto alla situazione. "

Jean-Michel Leygue "Voleva davvero fare il mondiale e durante una finale contro Benjamin Tison e Johan Bergeron si è strappato gli addominali. Duro colpo per lui era in fondo al buco. Molte persone lo hanno aiutato, inclusi noi e Alexis Salles. E il suo super fisio è riuscito a curarlo in tempo per poter partecipare ai mondiali”.

Veronica Leygue "Quest'anno ha la possibilità di essere in una vera squadra con Matias Diaz che lo allena. È una grande squadra che lo segue, lo supporta e si vede che ha fatto molti progressi.".

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.