Il membro della squadra francese di padel, Jérémy Scatena, risponde alle nostre domande con tutta la sincerità che lo caratterizza. Senza linguaggio di legno, riconsidera il suo stato d'animo prima di attaccare il 2022 che si preannuncia "un anno esplosivo".

Dopo i Mondiali, l'avventura continua in Medio Oriente

Dopo i mondiali padel Avevo deciso di restare in Medio Oriente, iniziando con due eventi a Doha e Dubai per l'azienda Inovalis.

Ho poi trascorso una settimana a Dubai nel magnifico club Matcha dove ho organizzato tornei con il mio partner locale.

Con quest'ultimo, vogliamo sostenere i giovani che hanno potenziale e che non hanno tutti i mezzi per raggiungere le loro ambizioni.

Club di padel Matcha Dubai

Crea una squadra di giocatori promettenti

L'obiettivo è quello di sostenerli e farli crescere all'interno di un "Team" fornendo loro i mezzi tecnici, logistici e finanziari per raggiungere il massimo livello.

Abbiamo preso di mira diversi giovani spagnoli e argentini, pur avendo in mente di integrare i giocatori francesi. Speriamo di poter essere operativi nella prima metà del 2022.

Le padel in Kuwait esplode

Sono andato un po' in Kuwait per un'avventura senza preparare nulla per interpretare un uomo influente nel paese. Il risultato è definitivo, il padel sta esplodendo in questo paese a un ritmo impressionante, con progetti di club importanti e di alta qualità. Ad esempio a Kuwait City: 14 campi panoramici e coperti entro la fine dell'anno!

Un gran finale di stagione, anche se qualcuno ha la memoria corta

Penso di aver chiuso l'anno molto bene, soprattutto con due vittorie prestigiose su Fede Quiles/Lucho Soliverez (con Benjamin Tison) e Vasco Pascoal/Nicolas Barrera (con Santiago Rolla). Partite che a quanto pare sono passate inosservate.

La squadra francese è riuscita nel suo mondo finendo 4°. A livello personale è stato arricchente perché per la prima volta in 1 anni non ho iniziato una grande partita. Ne ho sofferto, ma ha fatto clic e mi ha permesso di immaginare i miei assi di progresso.

Di quest'anno ricordo la mia partita contro Cristian Gutiérrez/Maxi Sanchez e la mia comunione con il pubblico. È stato fantastico, indimenticabile per me.

 

francia germania globale padel qatar bergeron scatena

Sto diventando vecchio. devo ottimizzare

So che sto invecchiando e che i miei anni di massime prestazioni sono contati.

Mi allenerò molto fisicamente e metterò tutte le mie energie nella mia carriera professionale. Sto aspettando l'uscita dei diversi calendari, ma è ovvio che giocherò tornei e tornei FIP in Francia.

Giocherò tutti gli APT

Giocherò tutti i tornei APT Padel Tour compresi i tornei “Future”.

Ci sono due giocatori con cui mi piacerebbe evolvere: Tolito Aguirre e Diego Ramos.

Faccio di tutto per impostare un progetto di un anno in modo da non dover cambiare continuamente partner.

scatenando lob padel Francia globale

La Francia è in ritardo

Ho avuto la possibilità di viaggiare molto quest'anno: in Svezia, Paraguay, Messico, Medio Oriente e mi sembra ovvio che la Francia sia in ritardo in termini di infrastrutture, sia in termini di quantità che di qualità. .

La principale differenza che vedo tra le nazioni in forte espansione e la Francia è che ci sono troppo poche grandi strutture in Francia. Scommettiamo molto sui club da 1 a 4 campi. È questa la strategia da adottare? Non dovremmo incoraggiare la creazione di strutture più grandi e offrire bonus proprio ai club che si assumono dei rischi costruendo più di 5 campi ad esempio?

Non ho nulla contro strutture molto piccole, ma non siamo caduti in una politica che blocca le iniziative private? C'è un equilibrio da trovare. Per il momento il cursore non è quello giusto.

L'alto livello è trascurato

L'alto livello viene trascurato mentre sembra ovvio che i giocatori di oggi saranno gli allenatori e le accademie di padel di domani. Johan Bergeron o JT Peyrou sono ottimi esempi.

Questo è un altro motivo che mi spinge a sviluppare il famoso progetto di supporto di cui vi ho parlato e che sto sviluppando con il mio partner, un francese con sede a Dubai. Dovrebbe vedere la luce nel primo trimestre del 2022. Siamo nel momento giusto per tornare in pista e trasformare il test.

Dotazioni e copertura mediatica troppo scarse

Per i tornei P1000 e P2000 in termini di staff e organizzazione, siamo molto lontani dagli standard svedesi o italiani. Il premio in denaro non è all'altezza. Penso che dobbiamo ripensare totalmente a questi tornei per sviluppare l'élite del padel francese e anche attrarre.

L'organizzazione dei grandi tornei deve ancora essere professionalizzata.

Dobbiamo anche fare affidamento su molta copertura mediatica. Oggi, possiamo vedere chiaramente che i media internazionali molto grandi si stanno posizionando sul padel. È una grande opportunità per tutti. E ho l'impressione che non stiamo approfittando abbastanza di questa ondata.

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Club des Pyramides nel 2009 nella regione parigina. Da padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia per coprire i principali eventi di padel français.