Jessica Ginier è la prima giocatrice di padel francese con il suo partner Alix Collombon. Antoine Sarroste è andato a Lione per intervistarlo e scoprire la sua storia intorno al padel.

  • Ciao Jessica, all'inizio, puoi presentarti per favore?

Jessica Ginier: Ciao, sono stata la prima al miglior numero 27 francese nel tennis. Ho provato a fare questo sport, la mia carriera. Sfortunatamente, ho avuto un infortunio su 17 / 18 anni fa. Mi sono convertito a insegnare i miei anni 20. E in termini di padel, sono 2 anni e mezzo che gioco con un ottimo amico che era anche un ottimo giocatore di tennis (N ° 35 / 40 francese). Mi ha lanciato un po 'nel padel, non l'ho agganciato immediatamente la prima volta. Ma dopo che mi ha detto che c'erano i campionati del mondo, mi ha venduto un piccolo sogno dicendomi che era un po 'in Argentina. Ricordo che era 2016 di febbraio, mi disse che il livello delle ragazze era accessibile e che non c'erano molte persone. Alla fine, abbiamo iniziato ad allenarci e abbiamo finito 6 mesi dopo 3ème dei campionati del mondo in Portogallo a Lisbona. Quindi è un piccolo ringraziamento ad Alix che è di nuovo il mio partner oggi che mi ha fatto scoprire il padel.

  • In termini di risultati, dove sei? Quali sono gli obiettivi a breve e medio termine?

JG: Ora abbiamo due obiettivi diversi. Il mio partner Alix è andato in Spagna, pagaiando profondamente e cercando di sfondare con il progetto di diventare un professionista. Io, è un progetto un po 'diverso, è quello di rimanere qui il numero 1 francese mentre provo a divertirmi e continuare a lasciare la squadra di Francia con Alix.

Sfortunatamente, le ragazze non hanno molti tornei, quindi non facciamo molto. C'è molto poco P1000 (torneo referente) a differenza dei ragazzi. In tutto, ci deve essere 10 in Francia ogni anno, proviamo a fare 7.

  • Puoi darci la tua opinione sullo sviluppo del padel in Francia?

JG: Per due anni, vedo che il padel si sviluppa e si adatta alla federazione francese del tennis. Ad esempio, non ero lì, ma ci sono anni 5 nella squadra francese, i giocatori hanno pagato i loro spostamenti. Questo non è più il caso ora, è supportato. Si scopre che per il mondo in Paraguay, ci fanno partire prima di adattarci e per il jet lag. Tutte queste cose sono cose istituite dalla FFT come un corso di formazione sul tema della squadra di Francia. Pensiamo che vogliono far accadere le cose, pensiamo che vogliono far avanzare questa squadra in Francia. I tornei sono sempre più organizzati e inquadrati anche in termini di padel point.

Quindi in termini di concorrenza, si sviluppa molto e vedo che in termini di professionisti e licenziatari, si sviluppa sempre di più. Speriamo di vedere il padel alle Olimpiadi, in termini di visibilità sarebbe magico. Questo è l'obiettivo principale della federazione francese di tennis.

  • A livello di sponsorizzazione, sappiamo che sei con un marchio spagnolo, concretamente come sei organizzato finanziariamente? Il tuo contratto è solo un contratto materiale? Hai altri sponsor?

JG: È un contratto materiale con un anno fisso. Sono un po 'pagato e poi dopo che ho ottenuto dei bonus e dei bonus sui tornei. Non ho altri sponsor d'altra parte. Dal momento che non ero davvero coinvolto nel progetto, è stato un po 'complicato rivolgersi ad altri sponsor. Se alla fine mi costa denaro andare a destra, a sinistra, forse cambierò idea, ma per ora è abbastanza per me.

  • Intendi partire per allenarti in Spagna con i numeri francesi per ottenere un lavoro? Da quale classifica guadagniamo da vivere, Top 50?

JG: No, il mio obiettivo non è di andare in Spagna perché ho solo una vita qui al Tennis Club de Lyon e ho anche costruito la mia vita da un punto di vista personale. Ho fatto costruire una casa. Dopo, non è nei miei progetti, ma se apprendo che questo sport sarà alle Olimpiadi di 2024, dato che è uno dei miei sogni, forse cambierò idea. Inoltre, al TCL, mi sono impegnato.

Penso che da TOP 20 iniziamo a guadagnarci da vivere. Oltre a ciò, siamo ancora un po 'anche se ci sono sponsor che aiutano un po', ma non credo che possiamo guadagnarci da vivere. Tuttavia, possiamo finanziare un anno intero.

  • Secondo te, cosa potrebbe essere trasposto dal modello spagnolo in Francia e ciò consentirebbe la massificazione del padel?

JG: Penso che dipenderà inizialmente dalle strutture create. Se i club di tennis riescono a creare strutture padel, questo può svilupparsi più velocemente. Dopo, non so se arriveremo al livello della Spagna perché c'è un vero problema culturale e può essere anche a causa del tempo. Possiamo vedere che nel nord della Francia è meno sviluppato.

Anche se ci sono belle strutture che sorgono in Francia, possiamo vedere che in Spagna, ci sono molti terreni all'aperto e anche strutture di pazzi anche all'interno.

  • Quale padel può portare a un tennis club?

JG: Penso che sia una risorsa fondamentale per me perché è vero che perdiamo, un po 'di licenza, alcuni giocatori di tennis in modo che possa aiutare a mantenerli con un nuovo sport che è ancora relativamente vicino al tennis. Per me, questo può essere un vantaggio per un club di tennis. Successivamente, spiego spesso alle persone che deve essere ben gestito. Non mettiamo semplicemente campi da paddle in un club. È necessario creare costantemente animazioni per far scoprire questo sport. Senza iniziazioni, le persone sono riluttanti perché non conoscono affatto lo sport. Deve essere fatto davvero a fondo.

  • Secondo te, il padel può portare una nuova clientela nei club di tennis?

JG: Sì, penso perché sono molto sui social network e vedo sempre più calciatori che francamente giocano molto. Ho visto ad esempio un video in cui i giocatori professionisti di OM stavano facendo un torneo di padel tra loro in Portogallo, quindi sì, penso che possiamo portare tutti.

  • Il padel è uno sport telegenico? Perché sta andando molto veloce e con le finestre che possono interferire, giusto?

JG: Trovo più impressionante guardare il padel che il tennis. Bene, dopo c'è il fatto che faccio il bagno da tennis fin da giovanissimo e sono meno allacciato di questo nuovo sport. Ma vedi bene nel tennis femminile, non c'è stanchezza ma non c'è davvero una mania. Questa è ovviamente la mia opinione personale, così sperando che il padel sia uno sport telegenico.

  • Pensi che la pseudo "competizione" tra strutture private e club di tennis possa essere vantaggiosa per i club di tennis?

JG: Se tutti i club di tennis hanno strutture di paddle, ovviamente questo servirà strutture private. Ma i vantaggi che hanno le strutture private, in generale, sono i motivi interni. Ci sono pochi club di tennis che hanno campi da paddle al coperto. I membri dei club di tennis rischiano di giocare a padel per 6/7 mesi a causa del maltempo. Non appena arriva l'inverno, sarò il primo ad andare a giocare a Esprit Padel perché è un club di qualità ed è molto più comodo dell'esterno.

  • Sicuramente guiderai la TCL, Jerome Vanier ha detto che era una minaccia avere solo due campi da paddle in un club di tennis per lo sviluppo di questo sport.

JG: sì, può essere dopo che è ancora in cima ad avere due che non lo sono affatto. Ma è vero che è già complicato organizzare tornei omologati.

  • Sei impegnato nella tua lega?

JG: Sono tornato alla commissione alla Lyonnais League via Gilles Moretton (Presidente di questa lega di tennis) per cercare di svilupparmi. Abbiamo già avuto un primo incontro, ne avremo uno a settembre, sono motivato a fare del mio meglio per sviluppare questo sport.

  • Pensi che abbiano messo tutti i mezzi necessari per sviluppare questo nuovo sport di racchetta?

JG: Spero ... Abbiamo sempre sentito che la FFT temeva che il padel avrebbe assunto il controllo del tennis come in Spagna. Ora, mi fido della federazione che non è così. Se la pagaia esplode avrà tutto da guadagnare. L'obiettivo è che i licenziatari facciano entrambi gli sport e abbiano anche nuovi membri.

  • In Francia, la formazione non è affatto sviluppata. Sarà necessario passare attraverso persone come te per allenarsi? O sarà necessario andare in Spagna in modo che gli insegnanti di tennis siano impregnati del padel?

Dal momento che è un nuovo insegnante di sport e tennis, penso di potercela fare un po ', in modo che le persone possano passare attraverso di noi. Ma, a lungo termine, se gli insegnanti vogliono allenare i giocatori, il che potrebbe essere il caso se il padel continua a progredire, agirà dalla FFT e inizierà l'allenamento portando giocatori / Gli allenatori spagnoli si muovono. Ma in questo momento, per me non è necessario.

  • La professionalizzazione del padel può essere una leva per lo sviluppo dei club di tennis?

JG: Sì, penso perché ci renderemo conto che con Johann Bergeron che, ad esempio, che inizia a guadagnarsi da vivere, beh, i giovani saranno interessati e proveranno a competere, può solo aumentare club in su.

  • Il padel può competere con il tennis? Soprattutto all'interno dei club di tennis?

JG: Per me, il padel è complementare al tennis perché il tennis è tennis, non fermerò il tennis per mettermi nel padel. Mi rende felice di tanto in tanto fare tornei di tennis, colpire la palla ecc ...

  • Non è troppo difficile cambiare e tornare al padel?

JG: Tutti mi fanno la domanda, e sinceramente non lo sono affatto, tranne di tanto in tanto in rete che a volte vado a fare un calcio a tennis o un colpo al braccio. Ma no, mi sto divertendo così tanto in entrambi gli sport.

  • Pensi che la Federazione di Padel diventerà indipendente nei prossimi anni?

JG: Quindi, non lo so davvero. Questo è stato il caso prima del padel, ne sento molto parlare. Ora, sembra che sarà così, quindi per me sarebbe bello se rimanga com'è ora. Ancora una volta, la federazione deve fare la cosa giusta per il padel. Se fanno tutto il possibile per sviluppare il padel, per quanto lo conservi altrimenti potremmo vedere un'altra federazione.

  • Hai qualcosa da aggiungere rispetto ai mezzi usati e possibili per lo sviluppo del padel?

JG: Per me, dobbiamo insistere sui giovani. Guarda, non abbiamo nemmeno una squadra di Francia -18 anni di padel, è comunque incredibile non averli, anche se è bello avere una squadra di adulti. Tutte le altre nazioni hanno giovani squadre francesi. Dobbiamo insistere su questo e poi è il futuro dei giovani. Attualmente, faccio un corso di tennis con gli anni 8 / 9, per me ora è il momento di scoprire questo nuovo sport in modo che dopo provino a giocare in competizione o nel tempo libero.

Antoine Sarroste

Antoine Sarroste studiò il padel. Ci offre la sua esperienza nello sviluppo di padel in Francia.