Juani Mieres, giocatore argentino, presente sul circuito del WPT da molti anni, ripercorre la sua stagione 2019, ma anche il 2020, il suo partner, la sua nuova racchetta e ci racconta più in generale del padel sul circuito professionale e dei "strani" cambiamenti.

Padel Magazine : Ciao juani Prima di parlare di te, potremmo parlare del tuo nuovo pala e della differenza con il pala che hai usato prima?

Juani Mieres: Buongiorno a tutti. Ho suonato con questo nuovo pala Dunlop, il Galáctica, per diverse settimane. Mi sento bene con questo. Ha un nuovo telaio che lo rende più solido. Quando lo guardi, vedi immediatamente che la superficie è fatta di carbonio che gli conferisce resistenza ma anche molto controllo. Trovo che si adatti molto bene al mio gioco, molta precisione con un tocco di potenza quando ne ho bisogno. Grazie Dunlop per questo spettacolare nuovo pala.

PM: È questo il miglior pala Dunlop che tu abbia mai conosciuto?

JM : Sì, chiaramente. Ho suonato e provato molti palas dal 2007 a Dunlop e posso dire che Galáctica è il migliore. Resistenza, potenza della racchetta, potenza, presa e manovrabilità, ha tutto.

PM: Parliamo di te. Un anno difficile, no?

JM: Sì davvero. Potrei dividere la stagione in due parti. La prima da gennaio a giugno è stata molto positiva per me, suonando al fianco di Ale Galan. Siamo riusciti a vincere un titolo e poi finali, semifinali, in breve, buoni risultati e una grande esperienza.

Poi hanno iniziato i problemi con prima un infortunio e poi un'infezione che mi ha tenuto fuori dai binari per molto tempo. Quindi tornare al livello più alto non è stato facile. Ma ehi, sto con questo ottimo primo semestre che mi ha permesso di accedere alla Master Finale di Barcellona. Quindi un buon inizio e una buona fine.

PM: Nel Final Master, hai condiviso la traccia con Agustín Silingo. È stata la prima volta insieme?

JM: Sì. È caduto così a causa della classifica del WPT. Abbiamo avuto una settimana per allenarci insieme, abbiamo cercato di fare grandi cose sul campo. A poco a poco ci siamo sentiti a nostro agio, ma di fronte a Bela e Tapia, è stato davvero molto complicato.

PM: Sarebbe possibile per te giocare con Silingo?

JM: Attualmente sono fidanzato con un'altra persona, Javier Garrido, ma dati i frequenti cambi di coppia che abbiamo visto in questi ultimi tempi, qualcosa che personalmente trovo strano, non sarebbe impossibile che ciò accada. I giocatori cercano di salire rapidamente in classifica e, se i risultati non arrivano, non esitano a cambiare. È così. Quindi tutto è possibile.

PM: A gennaio hai suonato con Lamperti, il tuo ex partner. Perché non riconnetterti?

JM: Con Lamperti abbiamo condiviso molti momenti positivi e negativi. Quest'anno abbiamo cercato di riprendere insieme, ma i risultati non hanno seguito. Penso che il meglio per noi sia provare nuove avventure, specialmente con i giovani giocatori, questa nuova avventura che ci piace. E per divertimento, amicizia, buon spirito e ricordi, ci sono sempre partite da esibizione.

PM: Grazie Juani

JM: grazie Padel Magazine essere presenti su importanti eventi del padel mondiale. Grazie anche per il lavoro fornito. A presto

Julien Bondia

Julien Bondia è un'insegnante di paddle a Tenerife. È il fondatore di AvantagePadel.net, un software molto popolare tra i club e i giocatori di paddle. Editorialista e consulente, ti aiuta a giocare meglio attraverso i suoi numerosi tutorial padel.