Sia youtuber che giocatore, Julien Seurin porta una ventata di aria fresca nella sfera padel Francese. Lucido, giovane e ambizioso, ci ha rilasciato un'intervista durante il P2000 Padel Horizon.

Un canale Youtube come biglietto da visita

Padel Magazine : Julien per chi non ti conosce, puoi presentarti ai nostri lettori?

Julien Seurin : “Ho 24 anni, sono un giocatore di padel ormai da 3 anni e gioco a tennis alla base. Ora sono il 35° giocatore francese e ho anche un canale YouTube. »

Padel Magazine : Hai un canale YouTube che ha superato i 1000 iscritti, il cui link si trova qui. Puoi spiegarci come è nato questo canale YouTube e cosa ci stai facendo?

Julien Seurin : “Questo canale YouTube è una collaborazione con Arthur Marie, fratello di Jules Marie. Stava cercando qualcuno che facesse la stessa cosa di Jules ma al padel.

Ho ricevuto molti messaggi l'estate scorsa perché alcuni miei amici avevano visto il suo com' e mi sono detto "vai perché no". Non ho avuto il tempo di lavorare al 100% sul progetto, quindi è stato perfetto per collaborare e liberarmi di alcune missioni (soprattutto il montaggio). Quindi andava bene. Dall'agosto scorso mi sono detto, provo l'avventura e tutti i tornei di padel a cui partecipo li filmo. Cerco di cogliere alcune delle reazioni dei miei compagni e avversari, facciamo un riassunto di tutto questo e otteniamo un video di YouTube. Mi diverto molto a farlo! »

Padel Magazine : Quando hai iniziato, qual era la tua classifica?

Julien Seurin : “Whoa quando ho iniziato dovevo essere 150° o qualcosa del genere. E piccolo -A poco a poco, ciò che è stato positivo è che Arthur è stato sedotto dal progetto. Venivo da lontano, all'inizio forse cercava qualcuno con un buon ranking e alla fine gli piaceva l'idea di costruire un piccolo percorso attorno alla carriera di un giocatore e vedere fin dove può arrivare. Siamo molto motivati ​​a continuare. »

Obiettivo: integrare la top ten francese

Padel Magazine : Proprio tu hai attaccato il padel 3 anni fa eri 150° 10-12 mesi fa e ora 35°. Puoi dirci cosa ti riserva il resto, i tuoi obiettivi e i tuoi progetti?

Julien Seurin : “L'obiettivo finale per me resta quello di entrare nella Top 10 francese, l'ho detto in video, è un obiettivo a lungo termine. È un filo conduttore nella mia vita di giocatore. padel, ma lì l'obiettivo sarebbe quello di entrare rapidamente nella top 30, sarebbe fantastico. Spero che le P2000 mi aiutino a raggiungere l'obiettivo, ho fatto poco. Visto che non gioco da molto tempo padel, alla P2000 sono partito in qualifica e questo non mi ha portato punti. Quindi spero che la top 30 velocemente e la top 20 alla fine dell'anno siano un ottimo obiettivo.

Dopo i progetti, al momento sono molto frustrato perché non riesco a trovare il tempo per potermi allenare. Sono più del tipo che fa le cose a fondo e c'è il fatto di non avere tempo per allenarsi che mi infastidisce un po'. Ho intenzione di andare ad allenarmi nel paese in cui il padel è re in Spagna. Questo è il progetto di settembre. Con Arthur si lavora molto per cercare di reperire risorse finanziarie, nulla è certo. Ne parliamo sempre di più, ho chiamato Dylan Guichard che si sta allenando a Madrid, Benjamin Tison che è stato molto aperto e mi ha dato tutte le informazioni necessarie, grazie a lui tra l'altro. Ma ora sta crescendo sempre di più, è qualcosa che voglio davvero fare e anche Arthur. »

Padel Magazine : È vero che andare in Spagna sarebbe un cambiamento totale di vita, cosa stai facendo in questo momento della tua vita? Hai un lavoro, sei uno studente?

Julien Seurin : “Quindi quest'anno prendo il mio diploma di allenatore di tennis DEJEPS, è un allenamento studio-lavoro che mi richiede ancora 35 ore a settimana. Volevo condensarlo in 3 giorni, ciò significa che faccio le mie 35 ore in 3 giorni (dal lunedì al mercoledì) e in quei giorni il padel non esiste (ride). Diciamo che riesco ad allenarmi una o due volte a settimana, giovedì e venerdì e spesso vado ai tornei nei fine settimana. Ovviamente quest'anno è un po' complicato con YouTube che prende casualmente il mio tempo, ecco perché voglio dedicarmi del tempo l'anno prossimo. Più gioco, più voglio giocare. Questo sport è un po' folle. E purtroppo scopro che non gioco abbastanza, ho tanta voglia di allenarmi, ho avuto dei cambiamenti nella mia vita che mi hanno permesso di essere un po' libero il prossimo anno. Beh, non ho proprio limiti ma l'unico problema è l'aspetto finanziario”

Nasser Hoverini

Appassionato di calcio, ho scoperto il padel nel 2019. Da allora, è stato un amore folle con questo sport al punto da abbandonare il mio sport preferito.