Kateryna Yegoreychenko, una giovane donna alta di quasi 30 anni, sembra aver già avuto diverse vite. Questo ucraino ha vissuto in tre paesi e ha praticato tre sport competitivi: tennis, beach tennis e padel. Oggi rifugiata a Barcellona, ​​ha dovuto fuggire dall'Ucraina in guerra, ma continua ad assecondare le sue passioni, da vera ambasciatrice sportiva del suo Paese martire.

Dieci medici le dicono che non potrà mai più giocare a tennis

Padel Magazine : Puoi presentarti e parlarci della tua carriera sportiva?

Kateryna Yegoreychenko: Mi chiamo Caterina! Ho quasi 30 anni. Ho vissuto in tre paesi (Ucraina, USA e Spagna). Mi sono trasferito otto volte nella mia vita, ma mi piace. Ho viaggiato in oltre 20 paesi direi. Mi reputo una persona molto fortunata, perché ho potuto incontrare persone incredibili in tutto il mondo, e continuo a scoprirle ogni giorno. Sono spesso descritto come un intraprendente, sempre positivo. Mi piace viaggiare, sorridere ed entusiasmarmi. 

Gioco a tennis da quando avevo 6 anni. Quando avevo 15 anni, ho avuto la possibilità di allenarmi negli Stati Uniti. È stata un'opportunità che ho colto. Ma a 16 anni e mezzo sono tornato con le stampelle. Dieci medici mi hanno detto che non avrei mai più potuto giocare a tennis. Ho deciso di fare un'operazione e vedere. Fortunatamente, nove mesi dopo, ho potuto tornare sui campi da tennis. Ho partecipato ad alcuni tornei e ho ricevuto un'offerta per studiare in un'università americana con una borsa di studio completa per giocare a tennis. Dopo la laurea, ho iniziato a lavorare in società di marketing, mentre allenavo il tennis.

Kateryna suona più spesso padel con gli uomini.

scappare dalla guerra

PM: La guerra ti ha costretto a fuggire dal tuo paese. Cosa è successo e come hai trovato rifugio?

KY: Quando è iniziata la guerra, tutto ciò che avevo in mente era di portare la mia famiglia al sicuro il più rapidamente possibile! Ci sono state quattro notti insonni, molto fredde, un sacco di cose pazze in arrivo, ma siamo arrivati ​​al confine con la Polonia. Ho trascorso dieci giorni a Varsavia lavorando e facendo volontariato, mentre cercavo dove andare dopo. Ho trovato grazia nel tennis e in una straordinaria organizzazione spagnola – educato, che mi ha permesso di scoprire l'accademia di tennis RCTB, a Barcellona. Si sono offerti di addestrare mia sorella e 12 bambini ucraini, il che è assolutamente fantastico. Questa accademia li aiuta a realizzarsi come tennisti e come persone in generale.

Uno dei principali allenatori, Mark, ha avuto l'idea di aiutare gli ucraini, e questo in molti modi. Hanno inviato autobus al confine ucraino e raccolto centinaia di persone, inviando tutti gli aiuti medici, alimentari e di altro tipo necessari. In effetti, sono stato molto fortunato! Grazie a questa organizzazione, abbiamo incontrato una famiglia eccezionale che ci ha accolto e ci sostiene ancora. Ci trattano come una famiglia, ed è incredibile quanto siano gentili e premurosi! In effetti, sono i nostri angeli custodi!

PM: Speri di tornare in Ucraina? Come vedi il futuro?

KY: Spero di avere l'opportunità di tornare a casa in sicurezza, soprattutto per la mia famiglia. Spero che la mia famiglia in Ucraina possa essere completamente al sicuro e non dover passare un'ora o due al giorno su Internet per assicurarsi che tutti stiano bene. Voglio poter vivere in una città dove le sirene non suonano e sentirsi al sicuro lì. Voglio viaggiare in tutto il mio paese come mi piaceva fare. Voglio che le persone intorno a me siano felici e non temano il peggio in ogni momento.

Qualsiasi ucraino con cui parli in questo momento ti dirà che il loro futuro è a soli due giorni di distanza. Anche se hai uno scopo nella vita, pianificare per più di una settimana è quasi impossibile. Questo è anche il mio caso. Ho alcuni obiettivi che voglio raggiungere, ma sicuramente nessun piano a lungo termine.

Numero 1 di padel in Ucraina

PM: In Ucraina hai giocato padel e tu eri il numero 1? Com'è andata ? Stai ancora giocando? Stai provando a suonare in Spagna?

KY: Assolutamente, amo questo sport! È stata una grande sfida per me sin dall'inizio e ho ancora così tanto da imparare. Quando sono tornato dagli Stati Uniti, c'erano pochissimi club padel in Ucraina. Ero praticamente l'unica ragazza a giocare, quindi ho iniziato a giocare con i ragazzi. Poi sempre più persone hanno iniziato a giocare, ma io giocavo contro i ragazzi tre o quattro volte a settimana, quindi sono migliorato. I ragazzi non hanno giocato con me come con una ragazza, hanno colpito allo stesso modo: non è molto da gentiluomini, ma lo sport è sport. Un anno dopo, ero la numero 1 in Ucraina nella classifica femminile e la numero 9 in quella maschile. Mi era permesso giocare con gli uomini, perché con le ragazze mi annoiavo.

Gioca a padel, è stata quasi la prima cosa che ho fatto quando sono arrivato in Spagna. Era quasi un sogno. E anche qui gioco solo con gli uomini. Non sto giocando a un professionista in questo momento, perché sono concentrato sul mio obiettivo di raggiungere la Top 100 nel beach tennis. Attualmente ho 117 annie, così vicino al mio obiettivo. Nel frattempo, ho vinto due tornei di padel misto. Mi piacerebbe davvero trovare un partner del mio livello e provare a giocare contro le ragazze ad alto livello.

La Top 100 del beach tennis in prima linea

PM: Sei anche un campione di beach tennis. Perché ti sei avvicinato a questo sport?

KY: Il beach tennis è uno sport che ho scoperto a Miami, quando ci vivevo. Ero molto interessato a questo sport al punto da innamorarmene. Può sembrare più facile, ma vai a correre sulla sabbia per qualche ora, facendo degli sprint, e ne parleremo. Prima giocavo solo per divertimento, poi sono diventato il top 20 nelle classifiche mondiali avanzate. Poi ho giocato alcuni tornei pro e ho visto che avevo tutte le possibilità di giocare bene. Ma la vita mi ha fatto tornare in Ucraina.

Ho poi conosciuto persone straordinarie, che hanno iniziato a lavorare alla diffusione del beach tennis in Ucraina, dove è stata creata una federazione. Poi sono diventato allenatore della nazionale. Oggi abbiamo un gruppo eccezionale di giocatori di beach tennis.

Prima della guerra, io e il mio compagno di beach tennis avevamo già programmato di giocare a tornei e vedere cosa potevamo fare.

Quando è iniziata la guerra, io e il mio compagno di beach tennis eravamo in Europa, dove si svolgono la maggior parte dei tornei. Abbiamo deciso di sventolare i colori del nostro Paese gareggiando sotto la bandiera ucraina, per continuare a ricordare al mondo che abbiamo davvero bisogno di aiuto e sostegno! Senza l'aiuto del mondo intero in questo momento, sarebbe molto difficile! Questo è il motivo per cui siamo così grati a tutti coloro che ci aiutano in qualsiasi modo!

Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.