Le invertire au padel è uno scatto magnifico. Molto élégant, è uno dei gesti più fotografati. Per il joueurs, può essere molto efficace ma anche un vero grattacapo durante l'apprendimento. Prendiamoci due minuti per chiarire questo scatto.

One-handed, two-handed, cut, topspin o flat, le opzioni sono ottime per ottenere un rovescio. Non sai come fare questo scatto? Cercheremo di aiutarti.

La prima preoccupazione quando si esegue il rovescio è la preparazione. Come mai ? Perché naturalmente abbiamo meno forza nel braccio e nel polso quando apriamo le braccia rispetto a quando le chiudiamo (gesto diretto). Quindi per noi è difficile "posizionare" la pala sempre nello stesso posto quando si prepara con una mano.

Il ruolo del "capo" o della mano non dominante

La mano non dominante ha un ruolo importante nella preparazione e soprattutto nella realizzazione del rovescio. È lei che metterà sempre la pala nella stessa posizione, che ti permetterà di adattare e regolare l'altezza della tua mano dominante per agire in definitiva come un elastico che si spezzerà quando decidiamo di colpire la palla.

Una mano o due mani?

È stato dimostrato dagli stessi giocatori che un rovescio padel non deve essere fatto con una mano. È vero che il manico della pala è più corto del manico di una racchetta da tennis, ma ciò non pregiudica l'efficacia del colpo.

 

Il nostro consiglio sarebbe duplice. Nelle persone che hanno poca forza nei polsi, parliamo di bambini, alcune signore e anche alcuni uomini, è preferibile usare entrambe le mani per avere più controllo durante il colpo (il pala non vibra. no) ed evitare lesione. L'altro consiglio è usare il sentimento. Il tuo rovescio a una mano non funziona? Sei a disagio? Provare a colpire con 2 mani potrebbe essere una delle soluzioni. E ascolta te stesso, perché sei tu che prendi il pala, non il tuo istruttore e nemmeno il tuo amico. Nessuno dovrebbe giudicarti se ottieni un rovescio a due mani. L'importante è che tu sia a tuo agio con questa mossa di base.

Come ottenere il contrario?

In fondo alla pista, posta nella "casa" dietro la linea di fondo, in posizione di attesa, pala tenuta con entrambe le mani davanti a noi all'altezza dell'ombelico, posizioneremo la pala all'indietro il più velocemente possibile con le due mani , all'interno del polso della mano dominante appoggiata alla cintura. Adottando questa posizione il nostro corpo si inclinerà di lato che ci permetterà sia di fare un passo indietro che un passo avanti, tutto dipenderà dalla direzione della palla che dovete giocare.

Fernando Belasteguin retromarcia wpt vigo open

Da questa posizione di profilo, l'idea sarà quella di inclinare il peso del nostro corpo in avanti per avere il sopravvento sulla palla, per dare direzione, velocità o addirittura precisione.

Che effetto dare?

Una volta che hai la posizione migliore per il colpo, sarà il momento di colpire la palla. Con il polso della mano dominante incollato alla cintura, possiamo accedere al polsino impattato, piatto o sollevato, cioè con un effetto spazzolato dal basso verso l'alto.

Per i polsini con effetto taglio sarà necessario adattare la preparazione. Invece di lasciare il polso incollato alla cintura, la mano non dominante (il capo) tirerà il pala verso l'alto per raggiungere l'altezza del torace. Data questa nuova altezza di preparazione, sarà più facile per noi fare un taglio indietro (fetta).

La fine del gesto

Dopo aver colpito la palla, considera che devi accompagnare la palla nel luogo in cui desideri giocare. Questo ti permetterà di avere più precisione, di mettere sotto pressione i tuoi avversari, e soprattutto di risponderti più facilmente.

Agustin Tapia Padel difesa con pallonetto di rovescio padel Finale Malaga Open

 

L'errore più comune è quello di rialzarsi troppo velocemente facendo un passo indietro con il piede anteriore. Perdiamo subito il controllo della palla che spesso avrà una traiettoria ascendente così facile da giocare per i nostri avversari o peggio, che finirà il suo corso nel bicchiere avversario.

Suggerimento: dopo il colpo, trascina il piede posteriore prima di spostarlo in avanti e torna in posizione appoggiandoti su di esso.

Il rovescio è quindi un colpo elegante, spettacolare, ma che merita ore di pratica perché sia ​​il più fluido possibile. L'efficienza deriverà da questa fluidità. Quindi impara a guardarti, a capire i tuoi movimenti, i tuoi posizionamenti, i tuoi appoggi, le tue posizioni pala per amare questo rovescio. E il giorno in cui ti ritroverai bello quando eseguirai il rovescio a una o due mani, avrai fatto un passo da gigante nel tuo apprendimento padel.

Julien Bondia è un insegnante di padel a Tenerife. È il fondatore di AvantagePadel.net, un software molto popolare tra club e giocatori di padel. Editorialista e consulente, ti aiuta a giocare meglio attraverso i suoi numerosi tutorial padel.