Fiona Ligi e Charlotte Soubrié ha raggiunto le ultime quattro della FIP Rise Diputacion de Malaga, che si è svolto la settimana scorsa a Marbella. I francesi, che hanno ottenuto tre vittorie in tre set prima di perdere in semifinale, hanno molto da dire su questa competizione.

Condizioni speciali

"Nelle prime tre partite non era presente nessun arbitro a bordo campo, dovevamo arbitrare noi stessi, non facile quando gli avversari cercano di rubare punti nei momenti importanti, ma noi siamo riusciti a imporci e abbiamo superato questi ostacoli in tre set.

Faceva molto caldo e c’era molto vento, le condizioni non erano facili e francamente ci siamo adattati molto bene e abbiamo saputo mettere in atto le giuste strategie.

Andiamo molto d'accordo con “Susou” quindi non abbiamo avuto problemi di comunicazione, abbiamo fatto un bellissimo torneo, i nostri amici e il mio tesoro sono venuti con noi in viaggio per incoraggiarci, c'erano tutti gli ingredienti per arrivare il più lontano possibile!"

Un avversario “pericoloso”.

“In semifinale abbiamo impiegato un po’ di tempo per entrare in partita, soprattutto nel primo set, siamo diesel (ride). Sousou conosceva una giocatrice avendola incontrata al Burriana, sapevamo che era pericolosa nel senso che ruba punti nei momenti importanti... E non ha fallito!

Era presente un arbitro, ma non ha fischiato falli. Quando la giocatrice ha toccato la palla con la maglietta, dovevamo dirlo noi stessi, nessuna correttezza da parte sua...

Ma al 5/5 – 30/15 quando possiamo tornare indietro e andare avanti, il giocatore avversario annuncia un primo servizio che entrambi riteniamo buono, e anche il pubblico in tribuna… L'arbitro non vedendo nulla, decide di d'accordo con gli avversari, invece di consegnare due palloni e alla fine perdiamo la partita.

Queste decisioni arbitrali non sono giuste: sapevamo che in ogni partita avrebbero cercato di rubarci punti, ma a questi livelli è assurdo. Siamo rimasti davvero sorpresi da questo tipo di comportamento…”

Un risultato positivo

“Nonostante tutto questo ci siamo divertiti, abbiamo dato il massimo e non ci siamo arresi, anche risparmiando match point in diverse occasioni, e abbiamo fatto delle prestazioni superbe, è stato semplicemente fantastico! È stato un vero piacere dentro e fuori dal campo, torneremo a prenderci la nostra rivincita, così come i nostri tifosi!”.

“Siamo molto felici e orgogliosi di questo risultato!”

Team Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.