Le donne hanno diritto a partecipare ai P500 maschili e ne beneficiano, come abbiamo visto questo fine settimana con la vittoria della coppia Authier/Pothier a Echirolles.

Lo scorso fine settimana c'era un P500 a Tempo di piede, il club polisportivo con tre piste padel situato non lontano da Grenoble. E per il primissimo torneo di questa categoria organizzato in questo club, è una coppia "internazionale", mista e ben nota dal club di Lione Esprit padel chi ha prevalso!

Il club dove tutto è iniziato per Lucile

Una piccola sorpresa, soprattutto quando sai che Lucile Pothier, di ritorno da Dubai, inizialmente non doveva partecipare al concorso: “Avevo deciso di prendermi una pausa dopo i Mondiali e prima della P2000 di Tolosa per ricaricare le batterie. Poi finalmente, nel corso di una conversazione, abbiamo deciso con François, un po' all'ultimo momento, di iscriverci a questo torneo.

Va detto che questo locale ha per lei un sapore particolare: “Questo è il posto dove ho scoperto il padel per la prima volta nel 2018! Non avevo preso piede per niente, probabilmente perché avevo giocato con tennisti che giocavano molto velocemente. Se ci penso oggi, è bello aver vinto un torneo qui!"

Il pubblico ha fatto il viaggio durante questo primo P500 a Foot Time!

“Metti in pratica quello che mi insegna in allenamento”

Ed è anche una prima volta nel P500 maschile, per lei che è già una habitué dei tornei maschili:”Avevo già partecipato a tornei maschili, a volte gioco con il mio ragazzo quando i tornei femminili sono difficili da trovare.

Era il secondo torneo che facevo con François, avevamo già fatto un P500 all'All In Padel, dove siamo arrivati ​​3° a marzo 2022. All'epoca, mi ero appena trasferito a destra, François si era offerto di fare un torneo insieme per potermi guidare in campo nelle partite vere: datemi consigli tattici, piani di gioco per essere fatta in base agli avversari, alle zone da evitare, alla gestione di determinati punti nei momenti più o meno tesi di una partita, ecc. È andata molto bene, ho imparato molto e si è sentito nei tornei che sono seguiti.

Così abbiamo deciso di ripetere l'esperienza questo fine settimana. Non cercavamo di fare punti o altro, lo abbiamo fatto insieme per mettere in pratica quello che mi insegna in allenamento e soprattutto per vedere la mia posizione in campo, le scelte che faccio in certi momenti. gioco. È stato un torneo di recupero, con l'obiettivo di preparare l'ultimo P2000 della stagione a Tolosa e cercare di correggere ciò che non ha funzionato nelle mie ultime gare."

Elodie Invernon lucile pothier world smash
Lucile Pothier e Élodie Invernon a Dubai

“Giocare in modo più libero accanto a François”

“È 'facile' quando hai un giocatore come François al tuo fianco. Una palla un po' media o una zona sbagliata possono mettere rapidamente in difficoltà il suo compagno, ma lui è capace di uscire da difese improbabili e trovare zone perfette. In genere quando deve fare una difesa pazzesca è perché il tiro prima non l'ho giocato benissimo! Ma inevitabilmente, quando sai di avere un giocatore solido come quello al tuo fianco, ti permetti di giocare in modo più libero, di provare più cose e di osare più tiri che non proveresti necessariamente in altre competizioni."

Sorpresa della vittoria finale

“Non pensavo che avremmo ottenuto questo risultato! Abbiamo fatto una grande finale (5/7 6/3 6/4 contro Poirieux (91) / Rouleau (250)), lottando fino alla fine! La vittoria finale è sicuramente una soddisfazione, ma soprattutto sono stato molto contento per come è stato vinto questo torneo: divertente in campo, sono riuscito a mettere a posto cose che avevamo visto in allenamento, e soprattutto ho imparato ancora tanto! Ringrazio François perché non è dato a tutti avere il suo allenatore che viaggia e partecipa ai tornei con lui (e soprattutto un grazie di cuore a lui per essere rimasto zen, mentre io a volte ero un po' contraria a quello che mi diceva! )."

Il giocatore conclude con un'altra dedica, stavolta a Foot Time: “La dirigenza parlava da tempo di organizzare un torneo di questo livello, possiamo dire che è stato un grande successo. Sono appassionati e molto coinvolti nel padel dall'inizio. Clément Arcangeli ha svolto un ruolo importante nello sviluppo di padel in questo club condividendo la sua esperienza di giocatore!”

Da parte del club, grazie ai soci”Ekipe Architecture et Travaux e Jean Lain Mobilités senza i quali questo torneo non avrebbe avuto luogo”, Ma anche “a tutti i partecipanti che hanno reso questo torneo un successo e alla grande folla che è venuta per tutto il fine settimana: siete stati fantastici!” Senza dimenticare una parolina per il nazionale francese: “Questo torneo avrà avuto il merito di dimostrare a tutti che a padel l'intelligenza e la destrezza delle ragazze possono competere con il potere degli uomini. Grazie Lucile!”

Squadra Padel Mag

il team Padel Magazine cerca di offrirti dal 2013 il meglio di padel, ma anche sondaggi, analisi per cercare di capire il mondo padel. Dal gioco alla politica del nostro sport, Padel Magazine è al tuo servizio.