Il numero 25 francese, Manuel Vives, è andato al microfono di Padel Mag durante il Greenweez Paris Premier Padel Major. Il giocatore in ascesa ha accettato di guardare indietro al suo debutto in The padel, su cosa è cambiato per lui in questi mesi oltre che sulle sue ambizioni.

“Ha cambiato molto il mio gioco”

Padel Magazine : Da quando giochi padel ? Cosa ha fatto sì che nel giro di pochi mesi tu abbia avuto questa ascesa fulminea in Francia?

Manu Vives "Gioco a calcio da tre anni. padel circa, e poco meno di un anno che ci sto. Avevo già iniziato ad allenarmi aumentando un po' di più il ritmo: due o tre allenamenti a settimana. Non mi alleno molto da quattro o cinque mesi ormai. Ma quello che è cambiato è stato prima della P2000 che abbiamo vinto con Yann a Perpignan, ho fatto una settimana a Barcellona all'accademia di Pablo Ayma. Ha cambiato molto il mio gioco, e solo questa piccola spinta in cui ho preso un po' di livello ha fatto molta differenza in Francia.

Quindi ti fa venir voglia di investire completamente, andrò in Spagna per fare proprio questo e penso di avere molto margine di miglioramento. »

Manuel Vives Yann Auradou FFT Padel Tour Perpignano 2022

“Ho fatto buoni progressi in difesa”

Padel Magazine : Cosa ha fatto evolvere il tuo gioco?

Manu Vives : “Sono progredito bene in difesa, perché in difesa ho grosse lacune che trascino sempre. Ma ho fatto molti progressi con le finestre, ho imparato un po' di più a temporeggiare e anche a mettere in risalto il gioco del mio compagno di squadra in modo che lui stesso potesse fare il lavoro per me. E soprattutto è il fatto di giocare una settimana senza interruzioni con giocatori di altissimo livello, è una cosa che non faccio mai in Francia. Cambia molto avere ritmo, suonare con buoni giocatori, avere il volume di gioco, cambia molto. E di beneficiare anche degli ottimi consigli di Pablo. »

“Le mie qualità atletiche del tennis sono rimaste perfettamente in linea con il padel"

Padel Magazine : Torneremo all'inizio della tua storia. Vogliamo sapere cosa ti ha fatto passare dal tennis a padel.

Manu : “Non ero male a tennis, avevo 0/6 quando avevo 17 anni. Successivamente ho attraversato tre anni di infortuni, dai miei 17 ai 20 anni. È stato molto duro anche fisicamente e mentalmente, ed è stato intorno ai 19 anni che ho scoperto il padel. Ho avuto dolore nel tennis e un bel po' dentro padel. Così sono entrato, sono entrato rapidamente nel gioco, ho accettato di giocare con le finestre. Mi sono divertito velocemente.

Le mie qualità atletiche del tennis combaciavano perfettamente con il padel. Ho visto che non ero male e che c'era molta meno competizione che nel tennis. Diventi forte velocemente ed è qualcosa che ho amato subito. Da allora mi sono completamente appassionato padel. "

Manu Vives 4Padel Bordeaux 2021

Padel Magazine : Cosa ha reso il tennis così complicato e perché padel hai avuto qualche problema?

Manu “Non è stato complicato neanche nel tennis. È solo che ci sono molti ottimi giocatori di tennis, dentro padel siamo meno. Nel tennis sono molto esplosivo, avevo un ottimo braccio, ero molto rilassato e vado molto veloce. È qualcosa che funziona perfettamente padel e che ritroviamo nel mio gioco: sono molto veloce, mi muovo velocemente, spacco molto bene e basta.

Dato che giochiamo su tappeto e non su terreno duro dove ci sono meno scivolamenti, supporto meno forte, con resistenza è più facile padel. Il fatto che ci sia moquette e sabbia, assorbe gli urti credo. »

In Francia sempre al fianco di Yann, ma con chi in Spagna…?

Padel Magazine : Cosa ti riserva il futuro? Giochi con Yann Auradou, ma è una coppia che durerà?

Manu : “L'altro ieri non abbiamo giocato molto bene, è stato particolarmente brutto. Te lo ripeto, sei stato cattivo, ma non importa, mi hai sempre portato ed è grazie a te che sono qui. Suona molto molto bene.

Il futuro è andare in Spagna dall'inizio dell'anno scolastico, dopo il P2000 del Piramidi. Andrò in Spagna per un anno per allenarmi a fondo. Cambierà davvero la mia vita.

In Francia sarò sempre al fianco di Yann, perché è uno dei migliori giocatori francesi e gli sono estremamente grato per tutto quello che ha fatto per me. Quindi continueremo insieme.

In Spagna non lo so ancora. O con uno dei francesi con cui vado: ci sono i miei amici Dylan Guichard, Julien Seurin, Philémon Raichman. Ci saranno anche Ben (Tison) e Scat'. Ci alleneremo tutti insieme, sarà molto bello. Forse sarà uno dei francesi o un giovane prodigio spagnolo che giocherà al mio fianco. »

Per seguire l'intervista per intero, succede qui:

Nasser Hoverini

Appassionato di calcio, ho scoperto il padel nel 2019. Da allora, è stato un amore folle con questo sport al punto da abbandonare il mio sport preferito.