Marc Bernils ha solo 22 anni. La sua carriera davanti a lui, lo spagnolo sta intraprendendo un nuovo progetto con Ricardo Martins. Scopri questo giovane talento che potrebbe sorprendere più di uno nei prossimi mesi.

Padel Magazine : Puoi spiegarci la tua storia per chi non ti conosce. Da dove vieni ?

Marc Bernil:“Vengo da vicino a Barcellona, ​​​​da Lloret de Mar. Ho iniziato a giocare a tennis e a calcio. Il calcio ha iniziato a funzionare molto bene per me e ho iniziato a giocare solo a calcio. Un giorno la mia famiglia è andata a giocare padel, e all'improvviso sono stato catturato dal padel. Poi ho smesso di giocare a calcio. Ho iniziato ad allenarmi davvero, poi sono andato al Barcellona per migliorare. Ho iniziato a giocare nel circuito della Federazione catalana, e il World Padel Tour.

"Ho sempre giocato con Scatena e si è offerto di giocare all'APT Padel Torre. Abbiamo avuto un buon orologio in Belgio. Mi ha detto che poteva giocare con un altro francese e ho avuto un'opportunità con Ricardo Martins".

Padel Magazine : Parliamo della tua relazione con Jeremy Scatena. Dopo il Belgio hai deciso di separarti, perché?

Marc Bernil:“Con Jeremy è speciale. Siamo molto amici. Posso dire che è uno dei miei migliori amici. Uscivo da un periodo senza giocare, ero un po' disconnesso e lui mi chiede qualcosa che non posso dargli. Tutto è stato affrettato. Non stavo bene fisicamente. Nel quarterback contro l'olandese, vuole fare una tattica che non posso realizzare. Stiamo perdendo questo gioco, ma non abbiamo smesso di giocare insieme a causa di questo gioco. Parliamo, siamo amici, abbiamo anche giocato insieme al Future of Portugal”.

"Scat aveva un altro progetto con Tison, quindi ho parlato con Miguel Oliveira che mi ha consigliato Ricardo Martins."

Padel Magazine : Con Ricardo ti senti più rilassato. Hai anche un allenatore qui in Portogallo. Al sedicesimo perdi un set, ma non esci dal match.

Marc Bernil:“Ricardo mi ha accolto. Sono in Portogallo da un mese ormai e vivo con la sua famiglia. Mi ha dato tutto quando non lo conoscevo. Per me è fantastico".

“Nel sedicesimo abbiamo fatto una partita difficile. Senza l'allenatore non credo che avremmo vinto. Sono un giocatore che ha tanti tiri, ma mi manca la decisione. Ho iniziato in profondità e ho commesso alcuni errori. L'allenatore mi ha aiutato a vincere questa partita".

Padel Magazine : Nell'ottavo, raggiungi la tua corrispondenza di riferimento. 

Marc Bernil:“Avevamo molta fiducia dopo questa partita. Cejas e blasco erano i favoriti. Penso di aver giocato davvero bene e il mio compagno di squadra sta ancora giocando molto bene".

Padel Magazine : Attualmente sei sull'APT Padel Torre. Qual è il tuo obiettivo a medio/lungo termine?

Marc Bernil:“Il mio obiettivo per i prossimi 5 mesi è giocare con Ricardo, che funzioni o meno. Voglio un progetto con lui. Vorrei vedere se posso venire a vivere qui in Portogallo per allenarmi con lui, o viceversa, a Barcellona. Andremo in Svezia insieme per i 3 tornei. Poi si vedrà, ma l'idea è di continuare insieme».

Lorenzo Lecci López

Dai suoi nomi possiamo intuire le sue origini spagnole e italiane. Lorenzo è un plurilingue appassionato di sport: giornalismo per vocazione ed eventi per adorazione sono le sue due gambe. La sua ambizione è quella di coprire i più grandi eventi sportivi (Giochi Olimpici e Mondiali). È interessato alla situazione di padel in Francia e offre prospettive di sviluppo ottimale.