Dopo aver esplorato il boom di padel nel periodo post-Covid, oggi entriamo nel vivo di un nuovo argomento: lo stato dei lavori del problema attuale e i rischi che possono esserci nell'ascesa del padel in Francia, in particolare un freno allo sviluppo dovuto all'impossibilità di praticare per alcuni praticanti, a causa della saturazione delle piste da sci padel.

La domanda è maggiore dell’offerta

La corsa all'attrezzatura ha fatto i suoi effetti in pochi mesi e ha fatto emergere nuove problematiche. In effetti, la curva di crescita della domanda è diventata significativamente più alta di quella dell’offerta. Ci troviamo oggi in un contesto di saturazione delle strutture dell' padel impedendo ad alcuni praticanti di giocare padel e quindi investire di più in questo sport.

Padel Magazine è responsabile dell'aggiornamento periodico dei dati sull'evoluzione della padel. Notiamo poi a ottobre 2022 un numero di praticanti che ammonta a 500. In termini di licenze, abbiamo 113 licenze padel rilasciato nel marzo 2023 ma questo non include tutti i praticanti con patentino multiracket. Anche il numero dei concorrenti è in continua evoluzione, passando da circa 25 a 000 tra settembre 45 e settembre 000. Questo fenomeno è il risultato di una vera e propria popolarizzazione della pratica del padel negli ultimi anni con uno sport diventato di moda grazie ad un'accessibilità tecnica e fisica che piace a molti.

D’altro canto abbiamo anche un’offerta in sviluppo ma in modo meno esponenziale. Padel Magazine oggi elenca 1500 tracce di padel in Francia con un obiettivo di 2000 piste entro il 2024, con un incremento del + 195% rispetto al 2018. Notiamo anche di conseguenza un aumento del numero di club con più di 500 club, il 20% dei quali sono club che offrono solo pratica di padel.

Se confrontiamo i progressi della Francia a livello internazionale, osserviamo un ritardo nel numero di piste costruite. Per esempio, Italia ha meno ciclisti ma quasi 4 volte più percorsi, il che ti fa pensare... Senza contare il modello di Spagna dove padel è oggi il secondo sport più praticato in termini di licenze, con un'offerta estremamente sviluppata. Ultimamente, interesse per le padel si è diffuso ampiamente in tutto il continente europeo come riportato Padel Magazine. Notiamo in particolare una forte divulgazione dell' padel nei paesi nordici come la Finlandia o anche la Svezia, dove il padel comincia a svilupparsi notevolmente.

Una distribuzione ineguale dello sviluppo padel in Francia

Nonostante lo sviluppo molto presente, ci sono anche territori dove il padel è ancora poco conosciuto o viene confuso con la pagaia, un'altra disciplina sportiva. In prossimità delle coste, infatti, è frequente che la popolazione pensi alla disciplina nautica quando la parola " padel » e non sono a conoscenza che un altro sport abbia lo stesso nome. Sto parlando di un'esperienza personale in cui durante la mia formazione universitaria al Master in Management dello Sport a Nantes, mi sono trovato più volte di fronte a questo caso.

Distribuzione di padel in Francia nel 2023
Distribuzione di padel in Francia nel 2023

Notiamo che il padel è molto presente e popolare in regioni meridionali et principali metropoli francesi (Occitania, Île-de-France, Bordeaux, Lione, ecc.), ma molto meno nelle regioni più piccole e nelle zone costiere e di confine. È in questi territori specifici che lo spazio di progresso è maggiore l'offerta deve essere aumentata per lo sviluppo di padel a lungo termine. Gli investitori privati ​​tendono a stabilirsi attorno alle metropoli per raggiungere il maggior numero possibile di pubblico, ma nelle zone rurali possiamo supporre che gli investimenti nel padel sarà uno dei maggiori fattori di sviluppo dell’offerta.

Mappatura dei club padel in Francia

Si vede chiaramente la presenza di numerosi locali sulla costa e una linea diagonale abbastanza rada da Strasburgo a Bordeaux. Tuttavia, la percentuale di piste e di praticanti nelle regioni costiere (a parte il Sud e la Nuova Aquitania) è bassa perché molti club costieri sono club di tennis che hanno allestito una o due piste da tennis. padel per soddisfare i vacanzieri durante l'estate. Questa rappresenta quindi una minoranza dell'offerta rispetto ai grandi centri dell'Italia padel privato composto da più di dieci piste.

Quali paure e quali rischi?

Il primo rischio a breve termine è la perdita dei praticanti i quali, per mancanza di terre e di posti nella disciplina, si annoierà e passerà a un altro sport. I club cercano di accogliere il maggior numero possibile di praticanti, ma non riescono a far fronte a tali ondate di presenze. Tra i 202 intervistati dell'area metropolitana di Orléans, quasi 60 sarebbero pronti a cambiare la propria pratica sportiva nel caso in cui non ci fossero abbastanza posti per poter giocare padel quando vogliono. Vediamo quindi una missione importante che la FFT e gli attori che riunisce devono intraprendere, in aumentare l’offerta e trattenere gli operatori.

Istogramma che rappresenta le conseguenze dello squilibrio tra domanda e offerta

Poi, nel medio e lungo termine, potremo osservare un certo rallentamento nella pratica padel, come altre pratiche del passato come tennis da spiaggia. Parleremo poi forse di a effetto moda post-Covid. Se lo squilibrio tra domanda e offerta non si riduce è quindi legittimo interrogarsi la vitalità di padel col tempo.

Infine, in questo caso specifico, bisognerà poi individuare i responsabili e il TFF sarà in prima linea nelle critiche. Il loro sistema di sostegno ai progetti realizzati dai club potrebbe essere messo in discussione e forse ci chiederemo se si sarebbe potuto fare diversamente, anche se le critiche sono già presenti con anti-padel che esistono.

Anche se il progetto di creare una federazione di padel è immaginabile, sembra vantaggioso è anche il collegamento con la FFT. Questo capitolo sul rapporto tra domanda e offerta è centrale nello sviluppo di padel In Francia. Un divario troppo grande tra il numero di campi e di giocatori non consentirà la fattibilità della missione della FFT a lungo termine, il che dimostra il ruolo importante di questi ultimi nel sostenere progetti di incremento dell'offerta sul territorio.

Paolo Dornberger

In una serie di articoli, Paul Dornberger condivide la sua ricerca dedicata allo sviluppo di padel. Questo giocatore confermato in Francia ha svolto un ampio lavoro di studio nell'aprile 2024 nell'ambito del suo Master in Management dello Sport presso l'UFR STAPS di Nantes.