A margine della P1000 femminile organizzata al Big Padel Bordeaux questo fine settimana, Padel Magazine ha incontrato Marianne Vandaele, che sta inaugurando il suo incarico di responsabile dello sviluppo della padel femmina alla FFT.

Padel Magazine : In cosa consiste questa nuova posizione che ricopri all'interno della FFT?  

Marianne Vandaele: “Con questo nuovo cap, mi occupo dello sviluppo del padel femminile nel suo insieme. Che sia nel tempo libero, in competizione, per i giovani o per gli adulti. L'obiettivo è che la pratica femminile si sviluppi in tutta la Francia e in tutti i suoi aspetti. Nella cella è bene che ci sia parità tra uomini e donne. C'è equità con due donne e due uomini e speriamo che la pratica di padel essere come questa cellula. »

Padel Magazine : Quindi lo immaginiamo l'iniziativa del Big Padel per fare un P1000 solo femminile bisogna replicare?

Marianne Vandaele: "Se parliamo della competizione, penso che sia stato un torneo davvero gratificante e interessante per il padel femminile. Le donne sono state messe in evidenza e questo evento è stato interamente dedicato a loro. In generale, quando c'è un torneo femminile e uno maschile contemporaneamente, gli uomini sono più esposti delle donne.

Al Grande Padel su una davvero coccolati dal venerdì alla domenica e siamo tornati tutti a casa felicissimi di questa esperienza. Si può solo chiedere più tornei come questo. » 

Padel Magazine : In questa missione, quali sono le vie di lavoro? 

Marianne Vandaele: “La mia missione è iniziata a gennaio e per il momento stiamo facendo il punto sulla situazione attuale sul padel. Cerchiamo di avvicinarci il più possibile al campo e vedere come stanno andando le cose nei club e nei campionati a livello di padel femminile. L'idea è anche di conoscere le aspettative delle donne. L'obiettivo è portarli sulle piste, fargli scoprire la pratica, e poi sappiamo che la magia funzionerà da sola! »

Padel Magazine : Come giocatore hai qualche idea per cercare di attirare più concorrenti? 

Marianne Vandaele: “Ci diciamo che se più donne scoprono la pratica e vanno a giocare per svago, questo si trasformerà automaticamente in un aumento del numero di concorrenti. Il nostro obiettivo è far scoprire alle persone questo sport e che passa per il campo. Siamo in procinto di finalizzare l'inventario e cercheremo di mettere in atto determinate azioni il più rapidamente possibile. »

Padel Magazine : Perché hai deciso di accettare questa missione all'interno della federazione?

Marianne Vandaele: “Per 3-4 anni sono stato davvero interessato al padel femminile. Ho avuto un clic il giorno in cui ho messo mia madre a terra padel e ho capito che c'era qualcosa da fare per le donne. È uno sport davvero accessibile a tutti. Sono convinta che anche una donna poco atletica riesca a divertirsi fin dalla prima partita, dalla prima ora di gioco padel. È stato allora che mi sono detto: "Ok, c'è qualcosa su cui dobbiamo davvero approfondire, dobbiamo davvero aiutare questo sport ad emergere in Francia". Devi riuscire a trovare un equilibrio, ad avvicinarti a ciò che puoi vedere in Spagna. »

Thomas Jay

Dopo essere stato scosso dal tennis per quasi 15 anni, sono diventato un fan assoluto di suo cugino, il padel. Da quasi un anno inseguo la pallina gialla con un'altra racchetta, ma con altrettanta passione! Con sede a Lione, intendo farti conoscere meglio il padel nella regione e a livello nazionale.