Ci vorrebbero giorni per riassumere la carriera professionale di Minter Dial. Questo ex studente di Yale, che padroneggia la lingua di Shakespeare così come quella di Molière, ha avuto diverse vite. Da banchiere d'investimenti a creatore di un'agenzia di viaggi per musicisti, l'uomo che ha trascorso 16 anni presso L'Oréal e che ha realizzato un film pluripremiato sulla Seconda Guerra Mondiale ha più di una freccia al suo arco.

D'ora in poi, l'uomo che è anche oratore e scrittore si rivolge sempre di più verso quella che forse è la sua più grande passione: padel. E dopo aver ha lanciato il podcast La gioia di Padel, Minter inizia una nuova avventura: Padel Creatori di fiammiferi. L'occasione per noi di intervistarlo e scoprire di più su questo affascinante personaggio.

Uno dei primi al mondo ad aver messo piede su una pista padel

“Ho mosso i primi passi su una pista padel nel 1974. Avevo 10 anni, amavo il tennis e avevo iniziato a giocare a squash da quando vivevo in Inghilterra, quindi ero già preparato per questo nuovo sport con la racchetta. I miei genitori erano clienti del Marbella Club dall'inizio degli anni '60. Si avvicinarono presto al proprietario del locale, Alfonso de Hohenlohe. A quel tempo il Marbella Club era chic, ma la città di Marbella non era ancora conosciuta. Era un luogo privilegiato, ma per nulla alla moda. Per la cronaca, Alfonso aveva scoperto il padel ad Acapulco con Enrique Corcuera, l'inventore di padel. Stuzzicato dall'attività, ha deciso di installare due campi a Mabella.

Successivamente i miei genitori divorziarono e mio padre si sposò in seconde nozze con Hélène Grinda, zia di Nallé (sorella di Jean-Noël). Il mio rapporto con il padel continuò quindi con la famiglia Grinda, diversi membri della quale possedevano terreni nelle loro case sulla Costa Azzurra.

“Come è stato fatto ad Acapulco, ogni casa aveva un tracciato molto particolare, ad esempio un lato completamente murato, e un altro quasi interamente recintato. Abbiamo sempre giocato in famiglia, era davvero uno sport che associavo alle vacanze”.

Minter, il padel e Marbella

“All’inizio degli anni 2000, dopo aver trascorso dieci anni negli Stati Uniti e in Canada per motivi professionali, sono tornato in Europa, e ho ripreso padel, soprattutto durante i soggiorni in Spagna.

Allo stesso tempo, ho visto l'evoluzione di padel e quello di Marbella. All'epoca Marbella non era molto conosciuta e oggi questa città è diventata di moda, come padel In definitiva !

Essendo stato concepito a Marbella, ho ovviamente un legame un po' speciale con questa città. Mon père s'y est réinstallé en 2010, c'était une nouvelle raison pour y aller, pour jouer en famille, avec notamment des parties mêlant mon père, mon fils, et mon demi-frère William, qui vit à Madrid et qui joue molto bene. Ricordo anche tante sfide in famiglia, Dial vs Grinda, anche con ottimi tennisti invitati da Jean-Noël, ex capitano di Coppa Davis. Faceva caldo, le vacanze erano scandite dal rumore delle ciaspole. Abbiamo giocato due ore la mattina, a mezzogiorno abbiamo fatto un pranzo piuttosto acquoso, un pisolino e poi siamo partiti per due ore di gioco. padel il pomeriggio !"

La gioia di Padel

“Faccio podcast da quasi 15 anni e volevo partecipare a modo mio alla copertura mediatica di padel, con le mie capacità e conoscenze di questo sport. Per questo ho voluto creare il mio podcast padel, La gioia di Padel, che è in inglese e che si svolge ogni due settimane.

Ho visto molti giocatori provenienti da background molto diversi, come Patty Llaguno, Daniel Windahl, Mike Yanguas... Soprattutto, cerco di conoscere gli aspetti della loro vita meno discussi, in particolare le chiavi del successo e la scelta del partner. .

L'idea è quella di fornire al lettore un lato educativo, ma anche divertente. Penso che nel padel, c'è gioia. Per me è un vettore di vita, il padel può portare a tutti belle virtù, come la pazienza, l’importanza delle relazioni…”

Le 5 regole di padel secondo Minter

“Quando vedo le persone arrabbiarsi a causa di padel, mi dico che è triste per loro. Bisogna valutare le cose, metterle in prospettiva. IL padel alla fine può essere molto utile per avere una vita più piacevole.

Da quando gioco padel, ho creato nella mia testa cinque regole di padel :

1/ Divertitevi, e quando dico divertitevi intendo tutti e quattro!

2/ Non farti male, perché se ti fai male alle spalle non potrai più divertirti.

3/ Sii corretto e cerca di giocare bene, cerca di ottenere il massimo di ciò che puoi fare.

4/ Prova a vincere (questa regola viene dopo le prime tre).

5/ Dopo la partita, bevetevi sempre una birra (anche analcolica per chi ne ha davvero voglia) con tutti!”

Padel Match Makers: l'idea

“Tutto è iniziato quando ho incontrato Camille Huyghues Despointes ai margini di un campo, a Casa Padel. Ho visto questa donna con un grande sorriso e che mi ha detto che aveva appena iniziato il padel e che era già completamente dipendente.

Le ho detto che se fosse nuova nel mondo di padel, quindi non doveva conoscere la regola numero 5. Si è unita a noi nel post-partita e abbiamo passato ore a parlare. Alla fine di ciò, abbiamo pensato di poter lanciare un progetto comune nel padel.

Dopo un breve periodo di riflessione, Camille, che è un'imprenditrice a pieno titolo, mi ha contattato per suggerirmi di lanciare un gruppo per fare rete con i padel. È lì che Padel È nato Match Makers.”

Minter Dial Camille Padel Creatori di fiammiferi

Padel Match Makers: il concetto

"Lo scopo di Padel Match Makers significa creare esperienze e incontri incredibili in giro padel. Abbiamo appena iniziato, ma sostanzialmente si manifesterà attraverso diversi tipi di eventi che potranno aver luogo dopo il lavoro, come afterworks, o in parallelo con una conferenza, o un viaggio. L'idea è quella di unire scoperta, buon cibo, parti di padele conversazioni interessanti!

Possiamo immaginare di scoprire una città, come Lisbona, con il tema della comunicazione in senso lato. Possiamo iniziare affrontando la comunicazione sul campo. padel, poi vediamo come trasferiamo tutto ciò ad altri settori. Possiamo anche pensare di andare nella Silicon Valley per parlare di Intelligenza Artificiale, per esempio. Le possibilità sono illimitate. Vogliamo trovare argomenti che potrebbero interessare soprattutto le aziende.

In generale, vogliamo attrarre persone che si trovino all’interno delle regole informali che ho citato prima, persone che portino valore al gruppo, che siano disposte allo scambio, che abbiano una certa vulnerabilità, umiltà e che aderiscano al concetto, che portino gioia di vivere, che siano fair play e che siano pronti a trasmettere la propria esperienza, ma anche ad ascoltare gli altri.

Le modello di business è più incentrato sugli eventi e, una volta costruita una comunità legata al business, immaginiamo di creare un club con ancora più vantaggi per i membri. Le persone devono essere felici di appartenere a questo gruppo di condivisione della mentalità”.

Ci vediamo il 24 maggio a Parigi

“Il primo evento si svolgerà il 24 maggio a Parigi, all'Aquaboulevard, in collaborazione con Vivatech. Saranno presenti fino a quaranta persone. Per quanto riguarda il programma, inizieremo con un incontro con la giocatrice internazionale Mélissa Martin, poi ci troveremo con gruppi di due livelli e avremo due tipologie di gare. Americano in modo che tutti possano giocare il più possibile. Naturalmente ci sarà un passaggio su un campo dove sarà presente Mélissa. Tutti potranno quindi trascorrere 15 minuti sulla propria pista, per vedere cosa vuol dire giocare con un giocatore di questo livello. Darà consigli e istruzioni ai suoi partner e avversari.

E alla fine, per chi vorrà restare, parleremo del tema della fiducia. Partiremo da padel, e trasferirlo nella vita reale, avviando conversazioni tra i partecipanti per affrontare il tema della fiducia in se stessi e ovviamente quello tra individui.

Per coloro che vorrebbero partecipare, lo è Da questa parte ! Ti ricordiamo che i partecipanti Vivatech beneficeranno di uno sconto grazie alla nostra partnership con il codice: “vivatechpass24”.

Per quanto riguarda il dopo, abbiamo già in preparazione un secondo evento per le donne, ve ne parleremo presto!”

Xan è un fan di padel. Ma anche il rugby! E i suoi post sono altrettanto incisivi. Preparatore fisico di diversi padel, scopre post atipici o tratta argomenti di attualità. Ti dà anche alcuni suggerimenti per sviluppare il tuo fisico per il padel. Chiaramente, impone il suo stile offensivo come sul campo di padel !