Padel Magazine - Nallé Grinda, l'ex numero 1 del padel francese, guarda saggiamente alla sua carriera, alla sua storia e più in generale allo sviluppo del padel nazionale ...

Padel Magazine - Sul forum Padel Magazine, apprendiamo che non giochi più a padel, è ancora così?

Nallé Grinda - In effetti, ho smesso di giocare a padel competitivo nel 2010. Stavo uscendo da un periodo interessante a Nizza, ma dove il padel competitivo era diventato un po 'un mal di testa. Un mal di testa soprattutto tra gli individui. Alla fine ho lasciato la Francia per andare negli Stati Uniti e più precisamente a Miami. Per 3 anni non ho più toccato le racchette perché i club erano lontani e il livello non era fantastico. Ma ultimamente c'è a Miami un'enorme emulazione. Il Padel si sta sviluppando enormemente con persone straordinarie ... Ho ripreso il padel. E quanto è buono!

Quando sei andato a Miami, hai smesso di giocare ... Hai iniziato in un'altra area sportiva?

Sì, quindi ho fermato o sospeso il padel per un po 'e mi sono concentrato sul mio lavoro che mi ha spinto a venire a Miami: immobiliare. Da quando mi sono laureato alla UCLA University di Los Angeles, il settore immobiliare è sempre stato la mia principale fonte di reddito e ho sentito che era il momento di iniziare a Miami, dove la crisi dei "subprime" era stata particolarmente violento. Oggi il mercato è sano e sono felice di aver preso questa decisione. Tanto più che ora sono ben installato e ho ancora tempo da dedicare alla mia passione: il Padel.

Torniamo al tuo lavoro legato al padel quando eri in Francia, cosa è successo? Perché il padel non ha preso?

Ci sarebbe molto da dire ... Padel non ha sperimentato l'auspicato boom in Francia a causa di un'evidente mancanza di risorse. Confrontando con i paesi in cui si è sviluppato più velocemente, penso che sia perché le società sportive in Francia sono per lo più pubbliche e quindi sovvenzionate dallo stato mentre in altri paesi sono spesso private. La difficoltà di ottenere un sussidio pubblico è spesso più difficile e più lunga che convincere gli investitori privati ​​dell'interesse economico di costruire Padel. La superficie di un campo da tennis consente 3 campi da tennis Padel e quindi avere 12 giocatori che pagano l'ora invece di 2 sulla stessa superficie. Un investitore privato lo capisce, un funzionario eletto tende a sostenere uno sport più famoso che alla fine gli porterà più voti! È un po 'peggiorativo ma è un esempio che riassume la differenza tra le infrastrutture sportive in Francia e in altri paesi comparabili come Inghilterra, Germania o persino Spagna.

Quindi lo sviluppo del padel francese ha incontrato molti problemi. C'era una mancanza di comunicazione, persone capaci di mettersi in gioco come fa la tua rivista. E quando alcuni sono stati coinvolti, sono stati sistematicamente indicati come desiderosi di "appropriarsi" del Padel e tieni tutta la torta. Ma se c'è una cosa di cui sono sicuro, è che oggi nessuno ha mai fatto un centesimo con il Padel in Francia! Io stesso ho inghiottito decine di migliaia di euro al massimo ... Ci sono anche conflitti tra persone che ovviamente non aiutano lo sviluppo del padel, sono stati commessi errori anche in alcune organizzazioni. Possiamo anche menzionare la mancanza di sostegno da parte delle locomotive spagnole, che molte volte hanno promesso di investire in Francia senza mantenere la parola data per il momento. Questi sono tutti motivi per cui il padel non si è sviluppato in Francia come avrebbe dovuto.

Alcuni credono che Jean-Noël Grinda, tuo padre, (Presidente della FF Padel) avrebbe potuto fare molto meglio del lavoro che lo ha portato a termine nel padel ... E altri vanno anche oltre ...

Sono consapevole di tutto ciò. Alcuni addirittura dicono che ha fatto soldi con il padel, altri che voleva tenere il padel per lui ... Tutto questo è assurdo.

Ha assunto la Federazione di Padel perché all'epoca non c'era nessuno che volesse riprenderlo! La federazione era in agonia e piena di debiti a causa della gestione della vecchia squadra. Lo ha fatto perché ama lo sport. Non aveva motivo di non voler sviluppare il padel. Queste parole sono quindi stupide. Purtroppo si è subito trovato di fronte alla mancanza di mezzi e ha rapidamente avviato il processo di riavvicinamento con la Federazione francese di tennis. Oggi sembra che questo desiderio si avvererà e passerà la mano con piacere e collaborando come dovrebbe.

Sicuramente sapevi che è stato creato un nuovo organo: la Lega Nazionale Padel… Cosa ne pensi ?

Sì, sono consapevole che ora esiste un nuovo esempio di padel (National Padel League) guidato da un ex FFP, Cédric Carité. Quindi, oggi abbiamo due esempi di padel. Non penso che sia buono per la leggibilità del padel nazionale.

Non possiamo negare che Cédric Carité è profondamente nel padel, che è un buon giocatore di paddle e persino un buon imprenditore nel padel. Ma invece di creare un'altra federazione, che per impostazione predefinita è un'associazione senza scopo di lucro, a mio parere avrebbe dovuto dedicare il suo tempo e le sue energie allo sviluppo di una società che vende padel! Non commettere errori, abbiamo tutti bisogno di sostenerci e, a meno che tu non sia in pensione o al riparo dal bisogno, nessuno ha il tempo di sviluppare un'attività senza paga. Dopo di che ci sono state insidie ​​con alcune persone e storie che oggi non sono più importanti ... Preferisco guardare avanti e spero che presto con la FFT che assumerà il ruolo di federazione per la Padel, quella serenità di cui tutti abbiamo bisogno prenderà piede. Ognuno può trovare il proprio posto e contribuire allo sviluppo di questo fantastico sport.

Parliamo del futuro, cosa ne pensi delle ultime notizie sul padel nazionale? Potresti tornare in Francia e promuovere il padel?

Prima di tutto, credo che l'integrazione del padel nella FFT sia un'ottima cosa. Ora, spero che il padel non sarà considerato un gadget e che sarà davvero sviluppato. Ma sono fiducioso. La FFT è una federazione molto potente con risorse significative che né la lega né la Federazione Padel hanno. Penso che parallelamente allo sviluppo del padel, ci sarà una moltitudine di noi vitelli legati a questo nuovo sviluppo. Che si tratti di costruzione di campi, gestione di club, formazione dei giocatori o organizzazione di eventi, chiunque sia interessato a Padel può prendere parte alla sua democratizzazione in Francia ... Come è avvenuto ad esempio in Spagna, dove ora ci sono più di 10.000 campi e quasi 2.000.000 di giocatori!

Il mio futuro personale per il momento è a Miami, ora gioco sul circuito americano che è in forte espansione, ho anche vinto 2 tornei nelle ultime settimane, inoltre gioco a molte mostre come il Sony Open tennis Miami, la scorsa settimana a Houston con i fratelli Bryan, o la prossima settimana a Barcellona con la maggior parte degli ex campioni di tennis spagnoli (Costa, Bruguera, Corretja, ecc.). A loro piace molto questo sport e molti di loro considerano il più possibile un riqualificazione nel padel dopo il tennis. In campo ma anche fuori. Berasategui ha appena inaugurato il suo club di 14 campi! I fratelli Sanchez hanno una delle più grandi società di costruzioni in Padel del mondo. Se tutto questo sta accadendo con i nostri vicini iberici, non c'è motivo per cui non dovrebbe accadere in Francia. Sto anche iniziando a sentire voci di coinvolgimento da parte di giocatori emblematici come Henri Leconte o più recentemente Nicolas Mahut ... Tutto questo è eccellente e secondo me il padel si svilupperà, questo è certo. È solo una questione di tempo.

È uno sport così amichevole, così completo che non c'è motivo in Francia, paese della racchetta, che il padel non trovi il suo posto.

Franck Binisti - Padel Rivista

Franck Binisti

Franck Binisti scopre il padel al Pyramid Club di 2009 nella regione di Parigi. Da allora il padel fa parte della sua vita. Lo vedi spesso in tournée in Francia andando a coprire i grandi eventi di paddle francesi.