È al microfono di Padel Magazine che Paquito Navarro ha confidato nella sua partecipazione ad uno dei tornei più attesi della stagione, il Greenweez Paris Premier Padel Major.

Ma prima di entrare nel vivo della questione, ormai è tradizione, i giocatori che passano dietro la nostra macchina da presa devono superare il famosissimo e temutissimo test di francese. Hanno 10 secondi per darci quante più parole possibili nella lingua di Molière.

Il sivigliano non ha fallito in questo interrogatorio a sorpresa e sembrerebbe che anche lui abbia rivisto le basi prima di venire a Parigi

“Un orgoglio giocare qui”

"È un orgoglio giocare qui, penso che tutti abbiamo ancora le allucinazioni di essere in questo stadio e spero che non sarà l'ultimo anno che veniamo qui. Conoscevo già Parigi e con Roma queste sono le due capitali europee che mi piacciono di più. Ieri siamo andati ad allenarci vicino alla Tour Eiffel e la sera siamo andati a cena sugli Champs-Elysées. Amo Parigi ! "

"Abbiamo fatto Doha, Roma e ora Roland-Garros. Non si abituano a noi perché dopo non so cosa ci tireranno fuori (ride). Dobbiamo approfittarne".

"Il padel deve avere grandi ambizioni”

"Non direi che il livello di qualità diminuisce con il World Padel Tour, ma andiamo in posti diversi. Penso che la padel deve avere grandi ambizioni e non fare affidamento solo su un circuito. Ti parlerò da spagnolo, se tutti questi eventi si svolgessero in Spagna sarei molto felice, ma se vogliamo che questo sport diventi globale, dobbiamo andare a giocare nelle più grandi capitali mondiali."

"Ci stiamo preparando molto per questi test di Premier Padel perché amiamo così tanto stare in questi posti meravigliosi che vogliamo restare fino a domenica. Soprattutto perché ci trattano molto bene, quindi vogliamo assolutamente rimanere il più a lungo possibile."

"Per quanto riguarda l'assenza di Sanyo e Agus, è chiaro che vorrei che fossero presenti anche loro. Ma ora perché non vengono non sono affari miei. È davvero un peccato che non siamo tutti qui."

“Manteniamo alto il morale e diamo tutto!”

"Il Mondial mi ricorda molto bei ricordi, quindi molto felice di tornare."

Interrogato sul ritmo intenso di questa stagione, Paquito Navarro ha confidato il suo stato di forma.

"Fisicamente è molto dura perché abbiamo tornei praticamente ogni settimana ma per il momento va tutto bene, bussano al legno non sono infortunato. Sapevamo che questi due anni sarebbero stati duri sia fisicamente che mentalmente. Teniamo alto il morale, siamo positivi e diamo tutto! "

Trova ora questo scambio in spagnolo appena sotto.

Sebastien Carrasco

Fan di padel e di origine spagnola, il padel scorre nelle mie vene. Molto felice di condividere con voi la mia passione attraverso il riferimento mondiale di padel : Padel Magazine.