Questo martedì mattina, abbiamo incontrato un fan di padel come nessun altro: François Ayats Delgado, 56 anni, è padre di 75e giocatore mondiale, Arnau Ayats Delgado, 22 anni. Quest'ultimo si evolve con Denis Tomas Perino, classificato 59e rango. Proprietario del club Siesports di Barcellona, ​​​​François Ayats ci ha dato la sua visione del padel e il circuito professionale.

“Mio figlio è un professionista e ha giocato World padel Tour. Suona tutte le fasi del WPT, quindi eccoci a Tolosa, un posto fantastico. Ho già seguito tutti gli eventi del WPT in Spagna a Barcellona, ​​Madrid, Valencia, Valladolid, Siviglia, Marbella, La Coruña o Alicante. E devo dire che qui a Tolosa è davvero molto buono, le strutture interne a 4Padel sono eccellenti. »

Durante il match del figlio Arnau e Denis Perino contro Toni Bueno e Marc Quilez.

“Mia moglie e l'altro mio figlio sono allenatori”

"Per i giovani giocatori è ancora difficile intraprendere una carriera professionistica, ma le cose stanno gradualmente cambiando. Gli organizzatori offrono più soldi ai giocatori, che beneficiano anche dell'aumento dei diritti televisivi e dello sviluppo mondiale del padel. "

“Mio figlio fa parte dell'accademia di Rodri Ovide, con Paquito, Di Nenno, Chingotto o Tello, quindi vive a Madrid. Tutto questo presuppone un notevole sforzo economico: se vuoi essere tra i migliori, devi allenarti con i migliori. Per i giocatori, è positivo che il padel avere successo, che il numero di praticanti aumenta e che ci sono più soldi in questo sport. Ciò che è meno buono è quando i circuiti sono in guerra tra loro invece di lavorare insieme, con lo stesso scopo. »

Dare libertà ai giocatori

"Ma è positivo che i giocatori abbiano la libertà di poter giocare dove vogliono - ed è quello che accadrà alla fine del 2023 quando alcuni giocatori non avranno più un contratto in esclusiva con il World Padel Tour. Ci sono così tanti tornei ma è impossibile per i giocatori giocare ogni settimana. Quindi dobbiamo accordarci all'inizio della stagione e stabilire un programma che impedisca ai tornei di competere tra loro. Penso che la padel finirà per avere un'operazione equivalente a quella del tennis, dove ATP e WTA gestiscono il calendario. Ma il padel, che è uno sport che ha 30 anni, deve ancora evolversi per assomigliare al tennis nella sua organizzazione. »

Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.