Nel pubblico bollente del focoso incontro tra Galan/Lebron e Capra/Sanchez, c'erano due trentenni di Barcellona: Antton (a sinistra nella foto), 36 anni, basco di Bayonne, e Matthieu, 39 anni, un nativo di Nancy. “Siamo qui grazie a Robin Haziza [il direttore del torneo], un nostro buon amico, che ci ha gentilmente invitato. Siamo venuti per amore di padel anche, ovviamente", dice Antton.

Calciatore in riqualificazione

"Sono un calciatore in riqualificazione, ho conosciuto Robin giocando a calcio ed è stato lui a trasmetterci il gusto per padel 3 o 4 anni fa, a Barcellona, ​​dove viviamo tutti. Sono ancora un calciatore, ma avvicinandomi ai quarant'anni comincio a dare poco a poco la priorità padel, perché è fantastico, anche se sono molto modesto al mio livello. »

Per entrambi, vedere le partite dei migliori al mondo è la prima volta? "Sì", rispondono in coro. Antton aggiunge che “vedere il miglior spettacolo del mondo nella vita reale è magnifico”, Matthieu lo considera “spettacolare e molto impressionante. Vedere le ragazze giocare stamattina è stato già molto divertente, ma gli uomini sono incredibili”.

"Devi guardare le ragazze giocare"

Per Antton, "qualcuno che ama padel e vuole capire questo sport deve guardare le ragazze giocare, perché giocano a padel umano... I ragazzi sono così talentuosi che praticano a padel 3.0, inventano cose strabilianti”.

Entrambi confessano di avere un debole per Maxi Sanchez e Lucho Capra, infine battuti 7/5 a 3e stabilito dal numero 1 al mondo, questo venerdì. “Lebron e Galan sono i grandi favoriti, continua Matthieu… I primi due set sono stati incredibili e ho pensato che ci fosse un modo per gli argentini di cercare la vittoria. Ma forse erano un po' sotto psicologicamente. “Quando è stato necessario, Galan e Lebron erano lì e hanno comunque tirato un colpo. Rimane il numero 1 al mondo, non c'è nessun segreto. ".

Jérome Arnoux Giornalista

Dopo 40 anni di tennis, Jérôme cade nel piatto del padel nel 2018. Da allora ci pensa tutte le mattine mentre si rade… ma non si rade mai il pala in mano! Giornalista in Alsazia, non ha altra ambizione che condividere la sua passione con te, che tu parli francese, italiano, spagnolo o inglese.